Sembrava ormai scongiurato l'ennesimo rimpasto dell'amministrazione di Luigi De Magistris, oltre una dozzina in 10 anni di governo della città di Napoli. Ed invece negli ultimi giorni è tornata prepotente la spinta a cambiare alcuni pezzi dell'attuale giunta arancione che si appresta a sostenere alle elezioni comunali del 2021 la candidatura di Alessandra Clemente a Sindaco di Napoli. Due i nomi che rischierebbero l'uscita dalla giunta e su cui da tempo si erano addensate le nubi interne a palazzo San Giacomo, sono le caselle di Raffaele Del Giudice, assessore all'ambiente, e di Monica Buonanno, assessore al lavoro e alle politiche sociali. Da diverso tempo il loro operato ha raccolto più di un malumore dentro e fuori dal Municipio per la mancanza di risultati sulle rispettive aree di intervento.

I due sarebbero in uscita anche e soprattutto in virtù di nuovi equilibri politici che si stanno costruendo intorno alla candidatura di Alessandra Clemente alle prossime elezioni comunali, per provare ad allargare lo schieramento a sostegno dell'attuale assessore alle politiche giovanili e alla sicurezza. I Verdi sono in attesa del riconoscimento di un assessorato da quasi un anno. Il nome è deciso da tempo, è quello del consigliere comunale Marco Gaudini, che a quanto apprende Fanpage.it dovrebbe prendere proprio il posto di Del Giudice, il quale ha ricoperto in questi 10 anni diversi ruoli nell'amministrazione: entrato nel 2011 come consigliere d'amministrazione dell'azienda di igiene urbana ASIA, ne è stato poi presidente, subentrando infine al dimissionario Tommaso Sodano come assessore all'ambiente e vice Sindaco, carica poi persa in favore di Enrico Panini nel 2018. Il tentativo dell'area DemA è quello di strappare un possibile sostegno dei Verdi alla candidatura della Clemente per le prossime comunali. L'ingresso di Gaudini in giunta porterebbe un nuovo appeal alla candidatura della Clemente che ad oggi ha raccolto il solo sostegno di DemA.

A tessere le fila dei nuovi equilibri è Claudio De Magistris, tornato ad occuparsi di politica con più costanza negli ultimi mesi accanto al fratello Sindaco. Proprio Claudio, secondo fonti vicine a Palazzo San Giacomo, starebbe progettando un nuovo ingresso in giunta che permetterebbe una doppia operazione. Si tratterebbe di Giovanni Pagano, sindacalista dell'Usb, attivista del centro sociale Zero81, considerato molto vicino alla consigliera Laura Bismuto. Proprio la Bismuto è entrata in rotta di collisione con la giunta da diversi mesi, denunciando squilibri interni e poca valorizzazione dei consiglieri comunali. Il nome di Pagano sarebbe stato proposto proprio dalla Bismuto, un'operazione che porterebbe a ricucire lo strappo con una consigliera storica dell'esperienza De Magistris, eletta due volte nelle liste dell'attuale Sindaco, e garantirebbe un ulteriore sostegno alla candidatura di Alessandra Clemente da parte del mondo del sindacalismo di base e di quella parte di centri sociali napoletani che fino ad ora non erano mai stati valorizzati da Luigi De Magistris.

Le diplomazie sono al lavoro e alcuni degli incontri con i diretti interessati si sono svolti proprio negli ultimi giorni alla presenza di Claudio De Magistris. E' bene precisare che gli eventuali nuovi assessori resterebbero in carica per poco meno di 5 mesi prima della scadenza naturale del mandato. Un po' poco per immaginare grandi rivoluzioni.