È ufficiale, sull'isola di Capri c'è da oggi l'obbligo di mascherine anche all'aperto nei fine settimana (venerdì, sabato e domenica) nel Comune di Capri. L'ordinanza sindacale è stata firmata dal primo cittadino Marino Lembo e scaturisce dall'allarme lanciato domenica sera dal sindaco per la richiesta di aumento degli organici delle forze dell'ordine al fine di tutelare il territorio e rendere l'isola azzurra più sicura dal rischio di contagi di Coronavirus, oggi è giunto il provvedimento, peraltro ampiamente annunciato.

Attualmente le forze in campo sull'isola Azzurra  sono pari a meno di 100 unità a fronte di migliaia di approdi quotidiani.  Da qui nasce la richiesta di supporto alle istituzioni almeno nel fine settimana anche per contenere i turisti che stazionano all'esterno di locali notturni, ristoranti, bar e nella celebre Piazzetta, luogo simbolo dell'Isola del Golfo partenopeo L'obbligo di mascherine all'aperto resterà in vigore fino al 31 luglio, nei periodi di maggiore afflusso turistico e nelle strade del centro storico, in piazzetta, nelle vie dello shopping e della movida notturna, nei giorni di venerdì, sabato e domenica, dalle ore 18 alle ore 4 del mattino.

A Capri non ci sono stati molti contagi, tuttavia l'isola piccola e sempre affollatissima ha paura che l'afflusso di turisti possa sfuggire al controllo e ha imposto da subito una serie di norme stringenti agli approdi, in linea del resto con i Dpcm e con le ordinanze regionali. Anche le visite ad uno dei luoghi simbolo capresi, la  Grotta Azzurra, sono contingentate: la  Soprintendenza Beni Culturali ha attivato un servizio di prenotazione per l’accesso, on line e gratuito che consente al visitatore di selezionare data e orario e riservare l’ingresso alla grotta.  L’accesso alla Grotta è contingentato  per cui ai visitatori che si recano al sito senza prenotazione viene concesso solo previa disponibilità rispetto al numero dei prenotati e comunque fino ad esaurimento posti disponibili.