2.407 CONDIVISIONI
Covid 19
30 Dicembre 2021
18:37

Capodanno 2022, a Napoli vietato sparare i fuochi di artificio: l’ordinanza

Vietato l’utilizzo di fuochi d’artificio, petardi, botti, razzi e simili artifici pirotecnici dalle 16 del 31 dicembre 2021 alle ore 24 del 1 gennaio 2022.
A cura di Pierluigi Frattasi
2.407 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Vietato sparare i fuochi di artificio a Napoli a Capodanno 2022. Il sindaco Gaetano Manfredi firma l'ordinanza per il capoluogo partenopeo, dove il rito dell'esplosione dei "botti" è molto diffuso nella tradizione popolare. Il "divieto di utilizzo di fuochi d’artificio, petardi, botti, razzi e simili artifici pirotecnici" sarà in vigore su tutto il territorio cittadino dalle ore 16,00 di domani, venerdì 31 dicembre 2021, fino alle ore 24 di sabato 1 gennaio 2022. Per chi viola l'ordinanza sono previste multe fino a 500 euro, oltre al sequestro del materiale. L'ordinanza è volta ad evitare nuovi ricoveri negli ospedali già in affanno per i contagiati da Coronavirus, sottolineano fonti di Palazzo San Giacomo, e sarebbe la prima di questo tipo perché vieta anche i botti legali. I controlli saranno affidati alle forze dell'ordine, già impegnate nelle verifiche anti-Covid19. Ma è immaginabile che non sarà facile far rispettare il divieto per i fuochi di artificio.

L'ordinanza

L'ordinanza sindacale firmata oggi dal sindaco Gaetano Manfredi dispone:

"il divieto assoluto di usare e far esplodere fuochi d’artificio, petardi, botti, razzi e simili artifici pirotecnici, ancorché di libera vendita, su tutto il territorio cittadino dalle ore 16:00 del 31 dicembre 2021 alle ore 24:00 del 1 gennaio 2022. Salvo che il fatto non costituisca reato, i trasgressori del divieto di cui alla presente ordinanza, sono puniti mediante l’applicazione della sanzione amministrativa prevista dall’art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000, di importo compreso tra € 25,00 e € 500,00, il sequestro del materiale pirotecnico utilizzato ai sensi dell’art. 13 della Legge 689/1981 e la successiva confisca ai sensi dell’art. 20 comma 5 della predetta legge".

"È necessario – si evidenzia – disciplinare l’utilizzo dei predetti fuochi d’artificio esplodenti o infiammabili considerando prevalente l’esigenza di garantire la sicurezza e la salute dei cittadini e l’integrità patrimoniale e che risponde alla sensibilità della collettività
civile napoletana l’esigenza di tutelare gli animali domestici e non". "L’unica misura possibile è rappresentata dal divieto di utilizzo di qualsiasi artificio pirotecnico ad effetto sonoro, infiammabile ed esplodente di cui sia oggettivamente implicita la potenziale pericolosità dalle ore 16:00 del 31 dicembre 2021 alle ore 24:00 del 01 gennaio 2022".

Il sindaco: "Pratica pericolosa"

Nell'ordinanza firmata dal primo cittadino sono spiegati i motivi che hanno portato l'amministrazione comunale a questa scelta. "In occasione della festa di Capodanno – scrive il sindaco – è diffusa la pratica di utilizzare fuochi d’artificio, petardi, botti, razzi e simili, nonché altri fuochi pirotecnici esplodenti". Ma, "l’uso improprio di tali prodotti, implicando un oggettivo pericolo, senza l’adozione delle necessarie precauzioni atte ad evitare pericoli e danni diretti ed indiretti, minaccia l’integrità fisica della persone e degli animali, nonché del patrimonio artistico storico culturale del Comune di Napoli". "Esiste – sottolinea Manfredi – un oggettivo pericolo anche per quei prodotti, di natura esplodente, per i quali è ammessa la vendita al pubblico".

"Le esperienze concretamente registrate negli anni passati nella città di Napoli – prosegue – e le testimonianze di stampa e televisione hanno evidenziato le conseguenze legate all’utilizzo, al di fuori di ogni cautela, di artifici esplodenti, nonché i danni provocati a
persone, animali e cose". "Sempre di più, la società civile sta acquistando consapevolezza di limitare il più possibile rumori molesti, nonché l’incremento di emissioni di inquinanti nell’ambiente soprattutto per le categorie di soggetti particolarmente fragili come bambini ed anziani, nonché gli animali domestici e non i quali possono essere vittime di eventi letali dovuti al citato utilizzo improprio".

"Così si evitano altri ricoveri in ospedale"

Ma non finisce qui. Tra le motivazioni addotte dal sindaco, c'è anche quella di evitare ricoveri negli ospedali già pieni per il Coronavirus. "Nell’attuale situazione di emergenza sanitaria – è scritto nell'ordinanza – l’incremento delle ospedalizzazioni, conseguenti ad incidenti provocati dai botti, rappresenterebbe un particolare vulnus per gli operatori della sanità, già tanto provati da mesi di pandemia". "Pertanto, è doveroso mettere in atto tutte le possibili azioni per evitare di congestionare ulteriormente i Pronto Soccorso". Quindi, "è necessario contemperare l’interesse di chi legittimamente vuole festeggiare l’arrivo del nuovo anno, soprattutto per lasciarsi alle spalle i duri momenti legati alla lunghissima pandemia, con l’incomprimibile diritto alla tutela dell’integrità fisica delle persone e degli animali".

2.407 CONDIVISIONI
31302 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni