I bonus spesa Covid19 finanziati dalla Protezione Civile per i poveri presi anche dai familiari di camorristi e da persone benestanti. Una signora nella domanda ha dichiarato meno di 5mila euro di reddito all'anno, ma ne prendeva, invece, 67mila e in banca aveva 325mila euro. La Guardia di Finanza di Napoli ne ha scoperti circa 700 in tutta la provincia, che sono stati multati per un totale di 250mila euro e dovranno restituire anche quanto percepito. Si tratta dei voucher per fare la spesa concessi durante il periodo del lockdown di marzo e aprile, finanziati soprattutto dalla Protezione Civile Nazionale, e destinati alle famiglie bisognose. Ma la maggioranza dei casi è nell'area metropolitana, non nella città capoluogo dove non si sono registrati casi eclatanti e la macchina di distribuzione preparata dal Comune ha funzionato nel complesso bene.

Furbetti bonus spesa Covid, la maggioranza è in provincia

A Napoli città, dove per i Bonus spesa Covid sono stati messi a disposizione oltre 8 milioni di euro, di cui 7,5 finanziati dalla Protezione Civile nazionale e 1 milione circa dal Comune, erano previsti assegni per fare la spesa di 300 euro a famiglia. A Napoli città non si registrano casi eclatanti di furbetti del bonus spesa. Il Municipio partenopeo, infatti, ha istituito una procedura informatica direttamente con la banca dati dell'Inps che non consentiva imbrogli, mentre al posto dei ticket cartacei ai beneficiari sono stati consegnati dei pin informatici. Mentre tra i Comuni della provincia nel mirino delle fiamme gialle ci sono Ischia, Casoria, Casavatore, Capri, Portici e San Giorgio a Cremano.

“Per il Bonus Spesa – spiega l’Assessore al welfare del Comune di Napoli Monica Buonanno – con cui abbiamo raggiunto circa 130mila persone, Napoli è l’unica città in Italia ad aver adottato una procedura totalmente informatizzata, con controlli incrociati con tutte le banche dati a disposizione e a monte del processo, consentendo l’erogazione dei buoni attraverso dei pin elettronici inviati direttamente ai percettori e provando ad evitare al massimo il rischio di truffe a danno delle P.A. Sentita anche la Guardia di Finanza, che ringraziamo per l’attività solerte, ci giunge ulteriore conferma che la notizia è del Comando Provinciale ed è riferita all’area metropolitana. In un momento delicato come questo – conclude la Buonanno – è necessario uno sforzo di chiarezza da parte di tutti, che possa escludere narrazioni pericolose e stigmatizzanti nei confronti dei cittadini napoletani. Non possiamo permetterci che semplificazioni di sorta, di un titolo o di un testo, diano adito a solite insopportabili e pericolose speculazioni che ora più che mai la città non merita”.

Bonus spesa Covid, tra gli abusivi anche familiari di camorristi

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell’ambito dei controlli nei confronti dei soggetti percettori dei “Bonus spesa Covid- 19”, ha scoperto che oltre 700 soggetti hanno ottenuto indebitamente il beneficio dichiarando di trovarsi in condizioni di difficoltà economica ovvero di indigenza tali da non consentire nemmeno il minimale approvvigionamento di generi alimentari e di prima necessità.

È emerso, infatti, che uno o più componenti dei nuclei familiari monitorati, a seconda dei casi, avevano ricevuto lo stipendio o una pensione, anche per cospicui importi, percepito il Reddito di Cittadinanza, indennità di disoccupazione o altre prestazioni sociali agevolate oppure alterato il proprio stato di famiglia indicando soggetti fittizi o non residenti per incrementare la somma da percepire. Davvero tante le situazioni di rilievo: si va dai coniugi che hanno richiesto entrambi il bonus ma per lo stesso nucleo familiare, a soggetti che già percepivano l’assegno di mantenimento per separazione, a titolari di Partita Iva e persino a congiunti di esponenti della criminalità organizzata. Nella maggior parte dei casi è emerso che i nuclei familiari monitorati hanno indicato un ISEE con un valore inferiore a quello previsto.

Una donna ha dichiarato 4mila euro di reddito all'anno, era di 67mila

Emblematico, al riguardo, il caso di una signora napoletana scoperto dalle Fiamme Gialle del 1° Nucleo Operativo Metropolitano che ha presentato un’attestazione ISEE pari a 4.895 euro, ma che in realtà, come appurato, era di oltre 67.000 euro. La stessa, inoltre, deteneva risparmi sui propri conti correnti per 325.000 euro e un patrimonio immobiliare del valore di circa 36.000 euro.

Nel complesso sono state irrogate sanzioni amministrative, per indebita percezione di erogazioni pubbliche, per oltre 250.000 euro e sono stati segnalati i trasgressori agli Enti Comunali, al fine di avviare il recupero delle somme indebitamente percepite. Le attività di controllo testimoniano l’impegno della Guardia di Finanza nell’azione di contrasto ad ogni forma di illecito a danno della spesa pubblica nazionale, al fine di prevenire e reprimere, soprattutto in un periodo di crisi economica e sociale causata dall’emergenza sanitaria, le fattispecie di indebita percezione delle risorse pubbliche destinate alle famiglie realmente bisognose e maggiormente colpite dagli effetti economici derivanti dall’emergenza in atto.