Covid 19
22 Novembre 2021
10:25

Bonus taxi Covid, il Comune non ha speso i soldi: Napoli rischia di perdere 2 milioni

Fermi i Bonus Taxi Covid del Comune di Napoli per lo sconto sulle corse, spendibili fino al 31 dicembre. A Roma sono partiti a ottobre. A rischio 2 milioni.
A cura di Pierluigi Frattasi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Sono fermi al palo i Bonus Taxi Covid 2021 al Comune di Napoli: i voucher viaggio fino a 120 euro, per donne incinte, over 65 e famiglie con bimbi fino a 3 anni, che danno diritto allo sconto del 50% sulle corse, spendibili fino al 31 dicembre 2021 grazie ai fondi messi a disposizione dal Governo con il Decreto Rilancio e dal Decreto Sostegni. Per il capoluogo partenopeo erano stati stanziati 2 milioni di euro. Palazzo San Giacomo aveva approvato la delibera la scorsa primavera e a giugno è stato fatto l'avviso per l'accreditamento delle cooperative radiotaxi. Ma poi tutto si è bloccato. Così, mentre a Roma, altra città interessata dalle elezioni comunali, i bonus taxi sono partiti il 6 ottobre scorso, così come in altri comuni come Trento che è partito già a settembre. A Napoli, invece, è tutto ancora bloccato. "Abbiamo già perso quasi 2 mesi rispetto a Roma – afferma Ciro Langella, presidente della cooperativa Consortaxi Napoli – a causa dei ritardi adesso rischiamo di perdere anche i 2 milioni di euro che non sono stati spesi ancora".

I bonus taxi di Napoli

Lo scorso maggio, il Comune aveva anticipato il progetto dei Buoni viaggio taxi per il Covid19. Il voucher doveva dare diritto al 50% di sconto sulla corsa al viaggiatore ed essere spendibile fino al 31 dicembre 2021. Con un tetto massimo di 120 euro totali pro capite (massimo 20 euro a corsa) per i beneficiari che non hanno altre forme di sussidio e di 80 euro totali per chi invece ha già altre forme di sostegno, come il reddito di cittadinanza. Definita anche la modalità del rilascio del contributo: con un Pin comunicato al tassista dietro ricevuta a fine corsa. Il viaggiatore, in pratica, paga solo il 50% dell’importo finale. Mentre il tassista viene rimborsato dal Comune. A disposizione era previsto un budget per Napoli di circa 2 milioni di euro. A inizio ottobre il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, retto da Enrico Giovannini, di concerto con il Ministero delle Finanze, ha comunicato "l’erogazione dei buoni viaggio e l'assegnazione a ciascun Comune capoluogo di Città metropolitana o capoluogo di provincia risorse complessive pari a 20 milioni di euro per erogare buoni viaggio alle persone residenti che hanno una mobilità ridotta, anche accompagnate, o appartenenti alle fasce rese economicamente più deboli dagli effetti della pandemia. Il buono è riconosciuto per gli spostamenti in taxi o con servizi di Ncc effettuati entro il 31 dicembre 2021 ed è pari al 50% della spesa sostenuta fino a un massimo di 20 euro a percorso", demandando alle amministrazioni comunali, più vicine alle realtà locali, a individuare i beneficiari del contributo.

"Fondi a rischio"

Il progetto però ad oggi non è partito. Da qui la lettera scritta da Ciro Langella al sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, all'assessore al Welfare Luca Trapanese e al direttore generale Pasquale Granata: "Lo scorso anno – scrive Langella – per la città di Napoli sono stati stanziati dal Governo centrale circa 2 milioni di euro per istituire i buoni taxi. Questa somma è stata erogata per far si che i nostri concittadini penalizzati dal Covid19 potessero usufruire del servizio pubblico non di linea taxi ed Ncc, e al contempo dare un po' di lavoro ad un settore messo in ginocchio dalla pandemia. Tutti gli enti preposti hanno fatto la loro parte, noi come consorzio abbiamo partecipati al bando e tutto era pronto per partire. Inspiegabilmente e senza un motivo l'assessorato al Welfare non ha dato seguito alla procedura finale, di conseguenza si è tutto arenato. La somma stanziata è già sul conto corrente del Comune di Napoli. Il 31 dicembre è l'ultimo giorno utile per poterne usufruire dopodiché i fondi torneranno a Roma. È assurdo che la terza città d'Italia non riesca a far fruire i propri cittadini di questa iniziativa".

Come beneficiari a Napoli erano stati individuati persone che abbiano raggiunto il 65° anno di età;persone con disabilità in possesso di decreto di invalidità o in possesso della L. 104/92, con connotazione di gravità (art. 3, comma 3), ivi comprese persone con disabilità sensoriali non vedenti o ipovedenti; persone anche temporaneamente impedite nella deambulazione, in possesso di idonea certificazione medica comprovante la patologia; o donne in stato di gravidanza; o genitori con almeno un figlio a carico nato entro il 1° gennaio 2018 (un buono per ciascun nucleo familiare);persone appartenenti a nuclei familiari che hanno subìto la perdita accertata per Covid-19 di almeno un componente del nucleo stesso;persone appartenenti a nuclei familiari titolari di attività o facenti parte di categorie economiche soggette a chiusura temporanea per disposizioni governative, nazionali e locali, rientranti nei codici ATECO previsti da detti provvedimenti.Quanto vale il “Buono Viaggio”.

29746 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni