Un bambino di pochi anni è risultato positivo al coronavirus Sars-Cov-2 a Pisciotta, nel Cilento, in provincia di Salerno. Il contagio sarebbe collegabile agli altri due casi già emersi tra i frequentatori di una ludoteca che si trova nella frazione di Caprioli: il piccolo era stato individuato come potenziale contagiato nell'ambito della campagna di tamponi che dopo la scoperta dei primi casi era stata predisposta dall'Asl di Salerno col Dipartimento di Prevenzione e aveva interessato i bambini che avevano frequentato quella struttura e i loro genitori.

L'Asl sta ora procedendo con la ricostruzione dei contatti del bambino, l'indagine epidemiologica comprenderà anche le persone frequentate dai genitori. Complessivamente nel comune di Pisciotta risultano ad oggi 22 contagiati, sarebbero tutti collegati ad una cena con sette partecipanti che si è svolta in località Stazione Vecchia e organizzata da un medico salernitano. Attualmente i bambini contagiati sono 4; il primo, di due anni, era stato individuato una decina di giorni fa ed è il nipotino di una delle persone che avevano preso parte a quella cena. In Cilento ad oggi i casi complessivamente accertati sono 39, compresi i 22 di Pisciotta; gli altri sono stati individuati a Capaccio (6), Casal Velino (3), Agropoli (6) e Centola (2).

Screening a Teggiano, due nuovi positivi

A Teggiano, nel Vallo di Diano, i tamponi hanno rilevato la positività di altre due persone. Si tratta della madre del ragazzo rumeno che era risultato positivo nei giorni scorsi e del compagno di lei, un uomo di Teggiano. I due, così come il ragazzo, sono attualmente in isolamento domiciliare. Sono invece negativi gli altri tamponi analizzati nel comune.