1.000 CONDIVISIONI
Morte di Samuele, 3 anni, giù dal balcone a Napoli
18 Settembre 2021
11:46

Bambino di 3 anni morto a Napoli, fermato un uomo per omicidio

C’è un fermo per la morte del bambino di 3 anni precipitato ieri dalla sua abitazione nel centro di Napoli: si tratta di un 38enne che lavorava nella casa come domestico, è ritenuto gravemente indiziato per omicidio. L’uomo bloccato dalla Squadra Mobile di Napoli, il provvedimento è stato sottoposto al giudizio di convalida del giudice. Nelle prime ore era prevalsa l’ipotesi dell’incidente.
A cura di Nico Falco
1.000 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Morte di Samuele, 3 anni, giù dal balcone a Napoli

Non un incidente, ma un omicidio. Svolta inaspettata nelle indagini sulla morte del piccolo di 3 anni deceduto ieri nel centro di Napoli dopo essere caduto dal balcone della sua abitazione, al terzo piano di uno stabile tra via Foria e via Giuseppe Piazzi: sarebbe stato lanciato nel vuoto. La Polizia di Stato ha sottoposto a fermo un 38enne napoletano, M. C., ritenuto gravemente indiziato di omicidio. L'uomo, incensurato e che soffrirebbe di problemi mentali, lavorava come domestico nell'appartamento da diverso tempo, era ritenuto una persona di fiducia della famiglia. Avrebbe approfittato di un momento di distrazione della madre per lanciare il bambino dal balcone, i motivi del gesto non sono chiari.

Tragedia in via Foria, bambino cade dal balcone e muore

Il provvedimento, eseguito ieri sera, è sottoposto al giudizio di convalida del giudice. Nelle prime fasi delle indagini l'ipotesi ritenuta maggiormente attendibile era quella dell'incidente, secondo cui il piccolo si sarebbe sporto e avrebbe perso l'equilibrio. L'episodio risale al primo pomeriggio di ieri, quando il bambino, che viveva con la famiglia in un edificio tra via Foria e via Giovanni Piazzi, è caduto da un'altezza di una ventina di metri. L'allarme era stato lanciato da diversi testimoni, immediati i soccorsi: il bambino era stato prelevato dai sanitari del 118 subito ripartiti alla volta del Pronto Soccorso dell'ospedale dei Pellegrini, ma era deceduto all'arrivo in ospedale per le gravi ferite riportate.

Bimbo morto a Napoli, fermato domestico. I sospetti dalla ringhiera

Secondo le prime notizie circolate nell'appartamento c'era anche la madre del bambino, che però si sarebbe trovata in un'altra stanza al momento della tragedia. Sull'accaduto la Procura di Napoli aveva aperto una inchiesta e la salma del bimbo era stata trasferita in obitorio per l'autopsia, che verrà eseguita nei prossimi giorni. I primi sospetti, raccontano fonti investigative a Fanpage.it, sono nati quando la Polizia, col supporto della Scientifica, ha esaminato il luogo dell'incidente e in particolare il balcone: la ringhiera era troppo alta perché un bambino di quell'età riuscisse a scavalcarla facilmente e in pochi istanti.

Nelle ore successive sono emersi elementi che hanno collocato nell'abitazione anche il 38enne. L'uomo è stato rintracciato e ascoltato dagli inquirenti; ha ammesso di avere preso in braccio il bambino ma ha negato di averlo fatto cadere volontariamente e non è stato in grado di spiegare come sia caduto. L'udienza per la convalida del fermo è stata fissata per lunedì mattina.

(ultimo aggiornamento ore 16:00)

1.000 CONDIVISIONI
Bimbo di 3 anni morto a Napoli, le parole e le lacrime del vescovo Battaglia per il piccolo Samuele
Bimbo di 3 anni morto a Napoli, le parole e le lacrime del vescovo Battaglia per il piccolo Samuele
Ai funerali del piccolo Samuele picchiato poliziotto: scambiato per un giornalista
Ai funerali del piccolo Samuele picchiato poliziotto: scambiato per un giornalista
Morte di Samuele, l'avvocato: "I genitori si fidavano di Mariano Cannio"
Morte di Samuele, l'avvocato: "I genitori si fidavano di Mariano Cannio"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni