Sospensione della circolazione sulle maggiori arterie cittadine, minorenni nei parchi pubblici soltanto se accompagnati da un adulto. Sono due delle misure più incisive introdotte dal sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri, per contrastare la diffusione del coronavirus; nel comune del Napoletano gli attualmente positivi sono 699, lo stesso Primo Cittadino era stato contagiato a settembre e successivamente è guarito. I nuovi provvedimenti saranno in vigore almeno fino al prossimo 30 novembre, con possibilità di proroga dopo la valutazione della situazione epidemiologica.

Tra le disposizioni introdotte ci sono anche il divieto per i locali di tenere tavolini all'esterno, in modo da evitare assembramenti, e la sospensione dei mercati settimanali; le misure sono state disposte, ha sottolineato Lettieri, per "evitare assembramenti e momenti ludici sul territorio". Nelle ordinanze è inoltre vietata l'esposizione di prodotti all'esterno dei negozi, così come l'allestimento di aree di somministrazione all'esterno dei locali di ristorazione; sono sospese tutte le autorizzazioni di occupazione di suolo pubblico per vendita ed esposizione dei prodotti. Il blocco del traffico su alcune delle principali strade cittadine partirà da domani, 7 novembre, anche con la sistemazione di barriere, ed è stato deciso per agevolare i controlli agli ingressi cittadini affidati alla Polizia Municipale.

"Le ordinanze avranno risultati se tutti staranno attenti – ha detto il sindaco Lettieri – soprattutto ai contagi che possono avvenire in famiglia, perché il virus può arrivare dalle persone di cui più ti fidi. un cugino, un figlio che esce e lo porta a casa. Loro possono essere asintomatici ma possono trasmetterlo a un parente che poi ci rimette la vita".