420 CONDIVISIONI
Coronavirus
12 Ottobre 2021
13:26

A Napoli ci sono 300 dipendenti Anm senza Green Pass: a rischio bus e metro da venerdì 15

Sono circa 300 i dipendenti dell’Anm senza green pass segnalati dall’Asl Napoli 1 Centro, su circa 2mila lavoratori in totale. Secondo le nuove normative dovranno comunicare all’azienda dei trasporti di Napoli entro venerdì 15 ottobre se si sono vaccinati nelle ultime ore. Gli autisti e i macchinisti dell’Anm hanno tempo fino a domani per effettuare la comunicazione sul green pass, perché i turni di servizio vengono organizzati 48 ore prima.
A cura di Pierluigi Frattasi
420 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Sono circa 300 i dipendenti dell’Anm senza green pass segnalati dall’Asl Napoli 1 Centro, su circa 2mila lavoratori in totale. Circa l’85% dei dipendenti, insomma, non ha la certificazione verde anti-Covid19. Secondo le nuove normative dovranno comunicare all’azienda dei trasporti di Napoli entro venerdì 15 ottobre se si sono messi in regola nelle ultime ore (vaccinandosi o facendo il tampone). Da venerdì, infatti, scatta l’obbligo, previsto dal Decreto Draghi, di avere il green pass per tutti i lavoratori del pubblico e del privato.

Gli autisti e i macchinisti e gli altri dipendenti dell’Anm – spiegano fonti dell'azienda a Fanpage.it – hanno tempo fino a domani per effettuare la comunicazione sul green pass, perché i turni di servizio vengono organizzati 48 ore prima, altrimenti si rischia di trovarsi venerdì con i turni di bus, metro Linea 1 e funicolari scoperti. La norma, spiegano da Anm, prevede che debba essere il lavoratore a contattare l’azienda e comunicare che non ha il green pass. Se un dipendente va a lavoro senza il green pass, infatti, rischia pesanti sanzioni.

Oggi è previsto un incontro con Anm del sindacato di Base Usb che ha aperto una procedura di raffreddamento sul green pass. Secondo il sindacato, infatti, l'azienda non avrebbe comunicato le modalità per effettuare i controlli sui green pass tra i lavoratori.

Sospensione per chi non è in regola

"Il dipendente – aggiungono da Anm – che non dovesse avere il green pass in tempo per il turno di servizio sarà sospeso, con congelamento anche dello stipendio, fino al giorno nel quale avrà fatto la vaccinazione o il tampone. Visto che i turni in Anm vengono organizzati ogni 48 ore, i dipendenti avranno tempo fino a domani, mercoledì 13 ottobre, per comunicare se sono in regola col green pass. Dopo la prima dose della vaccinazione, poi, non si può tornare subito in servizio, perché occorrono 5-6 giorni per aggiornare l’App".

In Asìa 100 dipendenti senza green pass

Sono circa un centinaio, invece, i dipendenti senza green pass in Asìa, la società dell’igiene urbana del Comune. Ma anche in questo caso bisognerà valutare se godono dell’esenzione. Sono solo i lavoratori che potranno dare informazioni personali. “Noi rilanciamo l'appello alla vaccinazione – spiega la presidente Asìa Maria De Marco – che è la vera possibilità di proteggere sé stessi e le comunità. Deve essere impegno comune dare valore al senso di protezione della salute di qualunque comunità che passa attraverso l'informazione, la condivisione”.

420 CONDIVISIONI
27485 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni