Sono stati confermati 5 casi di variante indiana tra i passeggeri arrivati in Italia domenica sera con l'ultimo volo dall'India, il Paese in queste settimane più colpito dalla pandemia. Questo l'esito delle analisi sui 6 tamponi positivi appena effettuati una volta che l'areo è atterrato all'aeroporto Orio Al Serio di Bergamo. Eppure la Prefettura aveva attivato un piano proprio per contenere il rischio di casi da variante indiana in Italia: tutti i viaggiatori prima di imbarcarsi sul volo da Amristar hanno dovuto presentare un certificato di un test molecolare o antigenico negativo che hanno effettuato 72 ore prima. Così anche una volta atterrati alle 19 di domenica a Bergamo. Sono stati poi sottoposti a isolamento in due Covid hotel che erano già stati predisposti a Bergamo e Cologno al Serio. La quarantena obbligatoria è infatti prevista nelle ordinanze del ministero della Salute che disciplinano i comportamenti da adottare nei confronti di coloro che hanno soggiornato in India.

I passeggeri sono tutti ora in un Covid hotel per la quarantena

Una volta a Bergamo sei dei 146 passeggeri sono risultati positivi al test anti Covid: in cinque di loro è stata confermata la variante Indiana, in uno la variante inglese. Tutti, così come il resto dei passeggeri, stanno proseguendo la quarantena in un Covid hotel di Bergamo: a gestire il trasporto è stata la Croce Rossa che ha messo in campo circa settanta operatori e trenta mezzi, tra cui due di biocontenimento. Le sei persone risultate positive, evidentemente asintomatiche o paucisintomatiche, sono state portate una speciale sezione dell'albergo, dove trascorreranno tutto il periodo di isolamento. Per ora tutti e sei i positivi stanno bene.