142 CONDIVISIONI
Umberto e Greta, travolti e uccisi da un motoscafo sul lago di Garda

Umberto, ucciso da un motoscafo. Il padre incontra l’uomo che lo ha travolto: “Non riesco a odiarlo”

Il padre di Umberto, l’uomo travolto da un motoscafo sul lago di Garda insieme alla 25enne Greta, ha incontrato uno dei due turisti tedeschi che ne hanno causato la morte: “Non riesco a odiarlo, ma non posso perdonarlo”, ha detto Enzo Garzarella.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Ilaria Quattrone
142 CONDIVISIONI
Una delle due vittime, Umberto Garzarella (da Facebook)
Una delle due vittime, Umberto Garzarella (da Facebook)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Umberto e Greta, travolti e uccisi da un motoscafo sul lago di Garda

Non riesce a odiarlo, ma nemmeno a perdonarlo. A dirlo in un'intervista al quotidiano "Il Corriere della Sera" è Enzo Garzarella, padre di Umberto, l'uomo di 37 anni che è stato travolto e ucciso sul lago di Garda la scorsa estate. Con lui c'era anche la 25enne Greta Nedrotti. Enzo Garzarella ha infatti incontrato uno dei due turisti tedeschi che si trovava sul motoscafo che ha ucciso i due giovani: "Non voglio il suo male", ha detto.

Greta Nedrotti
Greta Nedrotti

L'incontro sulla tomba di Umberto

Christian Teismman, managar di cinquant'anni condannato dal tribunale di Brescia, si trovava sul motoscafo insieme a Patrick Kassen che guidava. Il primo ha chiesto alla famiglia di Umberto di poterlo incontrare sulla tomba del figlio che si trova al cimitero di Salò. L'uomo si è presentato con la moglie e un'interprete: "Ha portato un mazzo di rose bianche e dei disegni del lago fatti dai suoi figli", racconta Garzarella a Corsera.

Teissman, dopo la condanna, ha perso il lavoro

Il turista ha raccontato di essere distrutto e che, dopo la condanna, ha perso il lavoro: "In Germania lo considerano un assassino, ma che assassino può essere? Non voleva ucciderli". La comprensione che il padre di Umberto mostra, è massima. Enzo Garzarella ha raccontato a Teissman che, dopo la morte del figlio, anche lui ha chiuso la ditta che gestivano insieme.

Immagine

Garzarella: Quella sera non doveva ubriacarsi

Nonostante la sua vita sia stata distrutta dall'atroce morte del figlio, Garzarella sostiene che quel manager tedesco non sia malvagio: "È un uomo che ha commesso un grave errore, questo sì, e quella sera non doveva ubriacarsi. Se fosse stato lucido non sarebbe successo nulla. Però dico anche che la disgrazia può accadere a tutti e non è giusto punirlo in modo eccessivo".

Il papà di Umberto: Non riesco a perdonarlo

Nonostante questa enorme capacità di comprensione, il padre di Umberto sostiene che quella notte l'uomo non possa non aver sentito nulla: "Il gozzo io l’ho visto bene, me lo sono portato a casa e l’ho esaminato. Non ti puoi non accorgere di un botto così". Per quanto non riesca a odiarlo, è difficile poterlo perdonare per quanto commesso: "Per me è stato un dolore immenso, mi sembrava di impazzire, volevo prendere il fucile e spararmi. Poi è intervenuto qualcosa che mi ha salvato ma la strada è lunga". Una strada tortuosa dove la mancanza del figlio si fa sentire ogni giorno.

142 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views