Umberto e Greta, travolti e uccisi da un motoscafo sul lago di Garda
15 Marzo 2022
13:13

Greta e Umberto morti nel lago di Garda, chiesta una pena fino a 6 anni e 6 mesi per i turisti tedeschi

Tra una settimana potrebbe essere attesa la sentenza.
A cura di Giorgia Venturini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Umberto e Greta, travolti e uccisi da un motoscafo sul lago di Garda

Si è tenuta oggi 15 marzo la Tribunale di Brescia l'arringa finale dell'accusa nel processo che vede imputati Christian Teismann e Patrick Kassen. I due cittadini tedeschi sono accusati di aver travolto e ucciso con il loro motoscafo Greta Nedrotti e Umberto Garzarella lo scorso 19 giugno senza fermarsi a prestare soccorso. Ora il pubblico ministero ha chiesto una condanna di 6 anni e 6 mesi per Kassen e 4 anni e 2 mesi per Teismann: Kassen, il turista alla guida del motoscafo quello scorso 19 giugno, durante il corso delle indagini e del processo si trovava ai domiciliari, mentre l'amico Teismann, con lui a bordo, è sempre stato a piede libero.

A breve la sentenza

Le porte del Tribunale di Brescia si erano aperte la prima volta il 10 novembre quando era stato raggiunto un accordo di risarcimento alle due famiglie: per i famigliari di Greta si aggira attorno ai 2 milioni e mezzo di euro mentre per quelli di Umberto a un milione e 300mila euro. Per tutto il processo la famiglia di Umberto è stata parte offesa mentre la famiglia della ragazza ha deciso di ritirare la sua costituzione a parte civile una volta ottenuto il risarcimento. Si è ritirata da parte offesa anche il Comune di Salò dopo aver raggiunto un accordo con l'assicurazione del motoscafo con a bordo i due turisti: la società tedesca ha promesso al Comune un impianto radar per monitorare il traffico nautico proprio al Comune sul Lago di Garda. Durante le udienza si sono succeduti testimoni dell'accusa e della difesa. La parola è stata data anche ai tecnici. Ora a breve si arriverà alla sentenza: da calendario è prevista per lunedì 21 marzo. Bisognerà capire se ad accusa e difesa non servirà più tempo per la loro esposizione finale.

 

I fatti secondo i due imputati

Nelle ultime udienze il giudice ha sentito la testimonianza dei due imputati: davanti al giudice Mauro Ernesto Macca si sono difesi dall'accusa di omicidio colposo, naufragio e omissione di soccorso. Questi hanno ricostruito l'incidente e hanno ripetuto più volte di non essersi resi conto di aver colpito la barca. I due hanno raccontato di aver cenato al ristorante "Il Sogno di San Felice" e di essersi messi in viaggio verso le 22.52. Teismann avrebbe detto all'amico di sentirsi stanco, per questo alla guida c'era Kassen che ha precisato: "Avevo lasciato accese sia le luci di murata che di posizione pensando di essere visto meglio dalle altre imbarcazioni". Poi lo scontro con la barca di Umberto e Greta. Kassen ha raccontato di aver sentito un rumore, ma di non aver notato nulla: "Ho pensavo di aver colpito un tronco di legno o un ramo". I due hanno detto di essersi fermati a controllare: "Ho tolto il gas per controllare cosa fosse successo. Ci siamo voltati e non abbiamo visto nulla".

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni