334 CONDIVISIONI
17 Settembre 2022
10:14

Uccide con una fucilata l’ex amico e poi confessa: “Pensavo giorno e notte a come fargli del male”

“Ora dormo tranquillo e non ci penso più, mi sono tolto un peso”: a dirlo è Domenico Gottardelli, accusato di aver ucciso con una fucilata Fausto Gozzini, titolare dell’azienda Classe A Energy di Casale Cremasco (Cremona).
A cura di Ilaria Quattrone
334 CONDIVISIONI

"La mia era una fissazione di trovare il modo di poter far del male al Gozzini, ci pensavo giorno e notte": a dirlo, durante la sua confessione, è stato Domenico Gottardelli. L'uomo, idraulico ormai in pensione, è accusato di aver ucciso con una fucilata Fausto Gozzini, titolare dell'azienda Classe A Energy di Casale Cremasco (Cremona).

L'accusa del pensionato

Gottardelli, come riporta anche il quotidiano "Il Corriere della Sera", ha accusato il 61enne di avergli rubato un sacco di soldi e di aver meditato la vendetta per anni: "Ora dormo tranquillo e non ci penso più, mi sono tolto un peso". Il 78enne, difeso dall'avvocato Santo Maugeri, adesso si trova in carcere a Cremona e ha confessato durante l'udienza di convalida svolta davanti al giudice per le indagini preliminari Elisa Mombelli.

I sospetti verso la domestica e l'amico

Gottardelli, che è accusato di omicidio premeditato, ha raccontato che un giorno di cinque anni fa, non ha più ritrovato un'ingente somma di denaro: ben quattrocentomila euro che l'uomo teneva in una scatola nascosta in garage. Il pensionato ha quindi spiegato di aver sospettato della sua domestica e poi del 61enne. "Erano amanti e per i loro rapporti clandestini, io prestavo la mia casa".

La donna avrebbe infatti avuto le chiavi: "Gozzini sapeva del denaro contante che avevo in garage". L'amicizia tra i due uomini è nata una trentina di anni fa: avrebbero infatti fatto diverse cene e vacanze insieme. Addirittura avevano anche posto le basi per un affare che poi è sfumato. Il progetto prevedeva l'acquisto di un appartamento a Dubai.

Il piano premeditato

Casa, per la quale Gottardelli versò 130mila euro di caparra. La compravendita andò in porto e il pensionato recuperò i soldi che poi versò su un conto corrente. Ogni mese avrebbe prelevato diecimila euro, somma che poi nascondeva nella scatola in garage. Il pensionato aveva raccontato all'amico dove teneva i soldi: "Mi fidavo di lui, eravamo amici".

Da lì, la vendetta: ha preso il fucile, che apparteneva al marito dell'ex compagna ormai deceduto, lo ha caricato e – prima di recarsi in ditta – ha telefonato al 61enne per accertarsi che fosse lì. Dopodiché ha parcheggiato nel cortile dell'azienda. Proprio mentre estraeva l'arma, gli è partito un colpo sul pavimento. Il titolare si sarebbe avvicinato al 76enne che, a quel momento, avrebbe preso la mira e sparato.

334 CONDIVISIONI
Uccide il compagno e poi confessa:
Uccide il compagno e poi confessa: "Stanca di prendere botte, non riesco a credere di averlo accoltellato"
Perché in provincia di Cremona si indaga per la morte di una vacca
Perché in provincia di Cremona si indaga per la morte di una vacca
Un uomo finisce con l'auto sulla banchina della stazione:
Un uomo finisce con l'auto sulla banchina della stazione: "Ho fatto confusione"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni