44 CONDIVISIONI

Suicidio Luca Ruffino, il presidente di Visibilia aveva fatto testamento tre giorni prima della morte

Il presidente di Sif Italia e Visibilia, Luca Ruffino, aveva depositato il suo testamento tre giorni prima del suo suicidio.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Ilaria Quattrone
44 CONDIVISIONI
Immagine

Luca Giuseppe Reale Ruffino, imprenditore che era a capo di Sif Italia (Gestione Amministrazione Patrimoni Immobiliari) e di Visibilia, si è tolto la vita il 5 agosto scorso: si sarebbe suicidato con un colpo di pistola nel suo appartamento che si trova al quattordicesimo piano di un edificio di via Spadolini a Milano.

Il testamento di Luca Ruffino

Sulla base di quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, l'imprenditore avrebbe scritto il suo testamento tre giorni prima del suicidio. Il documento, firmato il 2 agosto, è stato depositato nella giornata di ieri, lunedì 21 agosto. Alcune fonti vicine alla famiglia, hanno spiegato che nel testo non vi è nulla che aiuti a ricostruire l'evento.

Il manager ha solo disposto ciò che sarà del suo patrimonio: la sua eredità sarà suddivisa tra i figli, l'ex moglie, una nipote e infine la sua compagna. Non vi è alcun riferimento a cifre, ma solo a beni. Per i suoi familiari, il testamento dimostrerebbe una "premeditazione" del gesto. Ma nonostante questo, per loro quanto accaduto appare ancora "inspiegabile".

Le indagini della Procura di Milano sul suicidio di Ruffino

Nel frattempo proseguono le indagini della Procura di Milano e della squadra mobile guidata da Marco Calì. Le pubblico ministero Daniela Bartolucci e Maria Giuseppina Gravina hanno richiesto una copia forense dei dispositivi elettronici che appartenevano al sessantenne. Domani, mercoledì 23 agosto, sarà infatti eseguita sul cellulare, sul tablet e alcune chiavette usb.

L'obiettivo è quello di trovare tutti gli indizi che possano aiutare a far comprendere il motivo del suicidio. Al momento l'autopsia ha escluso la possibilità che Ruffino soffrisse di una grave malattia che possa averlo turbato. Non sembrerebbe nemmeno convincere il movente economico.

44 CONDIVISIONI
Andrea Bossi, la testimonianza dei vicini: "Prima della sua morte parlava con un altro uomo"
Andrea Bossi, la testimonianza dei vicini: "Prima della sua morte parlava con un altro uomo"
"Maledetto il giorno che non ti ho fatto morire in pancia": padre maltratta e tiene segregata la figlia
"Maledetto il giorno che non ti ho fatto morire in pancia": padre maltratta e tiene segregata la figlia
Incendio a Novate Milanese, colonna di fumo visibile dalla città: il rogo dentro una fabbrica
Incendio a Novate Milanese, colonna di fumo visibile dalla città: il rogo dentro una fabbrica
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni