Ciò che è accaduto a Napoli potrebbe accadere anche a Milano perché quei sentimenti di rabbia e frustrazione sono presenti anche nel capoluogo lombardo, per questo la politica deve dare certezze ai cittadini e deve farlo ora. A dirlo è il sindaco di Milano Beppe Sala che quest'oggi è intervenuto nel consiglio comunale riunitosi online per discutere di diversi temi, tra i quali anche le nuove norme restrittive contenute nel Dpcm: "Le immagini di Napoli ci impressionano e, al di là di ogni valutazione in merito, non possiamo ignorare che condizioni come quelle attuali generano rabbia e frustrazione anche nella nostra città – ha spiegato Sala – ed è su questo equilibrio, sempre precario, che si gioca il ruolo della politica".

La politica deve lavorare nel segno dell'unità e non delle contrapposizioni

"Io non credo che la politica debba sostituirsi né ai medici né alle banche – ha proseguito il primo cittadino – ma sono convinto che il nostro ruolo sia il più difficile e complesso in quanto deve assicurare, pur in questo clima di terribile e generalizzata incertezza, uno spiraglio di futuro a tutti i cittadini, malati e non, terrorizzati e meno, del centro e delle periferie. Questo significa, prima di tutto, tenere bene in vista le priorità: e quella più importante riguarda le ragioni dei più deboli, dei più anziani, dei più poveri". Sala ha poi spiegato che in questo senso il ruolo della politica deve essere di unità e non contrapposizione. "Questo è il momento dell’unità, della ricerca di soluzioni utili e praticabili, della collaborazione tra istituzioni, anche e soprattutto di colore politico diverso", le parole del sindaco intervenuto in streaming.