Una ragazza di 23 anni è precipitata dall'ottavo piano di un hotel di lusso a Milano. L'episodio, stando a quanto riportato dalla testata "Milanotoday", è avvenuto nella mattinata di ieri, lunedì 19 aprile, in una stanza dell'hotel Me Milan Il Duca in piazza della Repubblica. La dinamica di quanto accaduto è ancora incerta: le ipotesi in campo sono quelle di un tragico incidente o di un gesto volontario, ma sono ancora in corso le indagini dei carabinieri del comando provinciale di Milano. Intanto c'è ansia per le sorti della 23enne, ricoverata in fin di vita all'ospedale Niguarda.

Non è chiaro se la ragazza sia caduta o si sia gettata

Stando a quanto ricostruito al momento, la ragazza sarebbe precipitata dopo una serata trascorsa tra stupefacenti e alcol. In sua compagnia c'erano due amici, un ragazzo che era in camera con lei e un altro che dormiva nella stanza accanto. Uno dei due avrebbe anche provato a fermare la 23enne, che secondo il racconto di un testimone oculare si sarebbe seduta in bilico sulla finestra e avrebbe poi perso l'equilibrio, precipitando di sotto per una ventina di metri. Può essere che la giovane non fosse pienamente in sé e fosse alterata a causa di qualche sostanza assunta, ma si tratta solo di una delle ipotesi al vaglio degli investigatori che non scartano l'idea di un tentato suicidio. La ragazza, stando anche ad alcuni inquilini del condominio di fronte all'hotel che hanno assistito ai concitati momenti prima della caduta, avrebbe cercato di trovare un appiglio per non precipitare, purtroppo però inutilmente. Adesso la speranza è che la giovane, soccorsa dal personale del 118 e portata d'urgenza al Niguarda, si possa riprendere: le sue condizioni sono però definite critiche e la prognosi resta riservata.