PizzAut, il progetto di inclusione e inserimento lavorativo per persone con autismo ideato da Nico Acampora, ha fatto sosta all'ospedale milanese di Niguarda per consegnare le pizze ai medici, infermieri e operatori sanitari impegnati in prima linea contro il Covid.

I ragazzi di Pizzaut portano la pizza ai medici di Niguarda

È stato lo stesso ospedale, sui suoi canali social, a pubblicare la immagini dell'iniziativa, annunciata nei giorni scorsi. "Consegna golosa oggi nel nostro Ospedale.Matteo, Lorenzo, Gabriele, Matteo e Francesco di "PizzAut" hanno preparato delle pizze speciali per i nostri professionisti impegnati nella lotta contro il covid. Il progetto PizzAut nutriamo l'inclusione nasce dall’idea di Nico Acampora, papà di un bimbo autistico, come laboratorio di inclusione sociale attraverso la realizzazione di un ristorante gestito da ragazzi con autismo, affiancati da professionisti della ristorazione e della riabilitazione.

"Troppo spesso i ragazzi con autismo sono esclusi dal mondo del lavoro e dalle relazioni sociali, come genitori di bimbi con autismo lo verifichiamo ogni giorno sulla nostra pelle e con i nostri ragazzi.- racconta Nico Acampora – Ci siamo resi conto che con attenzione, delicatezza e determinazione questa situazione si può cambiare e per questo abbiamo deciso di investire le nostre energie e le nostre risorse in un progetto capace di costruire oggi un presente ed un futuro diverso, dove integrare le persone autistiche non perché bisognose di aiuto, ma perché portatrici di competenze e di benessere".

Al momento il ristorante è chiuso a causa della pandemia e allora l’Associazione ha inventato il "PizzAutobus", un mezzo attrezzato per poter preparare pizze d'asporto.Ed è proprio con questo food truck che i ragazzi di PizzAut hanno deciso di fare sosta a Niguarda e preparare pizze per i nostri operatori sanitari.“Siamo un pò colleghi -scherza Acampora- medici ed infermieri combattono il virus del Covid, noi combattiamo con le nostre pizze il virus dell'ignoranza, dell'esclusione e del pregiudizio”.

"Oggi gli amici di PizzAut sono qui a Niguarda per preparare le loro pizze per i nostri operatori.– commenta Marco Bosio, Direttore Generale di Niguarda – è un bel segno di amicizia. Ho avuto modo di assaggiarla ed è veramente ottima, per cui complimenti a questi ragazzi e complimenti a chi ha ideato e reso possibile questo progetto così importante”.Complimenti per il progetto… Grazie ragazzi e buon appetito!".