802 CONDIVISIONI
28 Luglio 2022
13:11

Picchiava la moglie e ora gli spetta la sua eredità, le figlie si ribellano: “La legge è ingiusta”

Nel 2003 è stato condannato per violenza domestica nei confronti della donna, ora a lui spetta la pensione e la casa della donna. Le due figlie insorgono e lanciano una petizione.
A cura di Giorgia Venturini
802 CONDIVISIONI

Tutto ha inizio nel 1998 quando la madre decide di separarsi dal marito perché costretta a subire la sua violenza, come maltrattamenti e molestie sessuali. A distanza di anni l'incubo per le sorelle Desirèe e Simona Gullo non è ancora finito: il padre nonostante una condanna a 3 anni di carcere ora potrà avere l'eredità della ex moglie, lo scorso gennaio morta di Covid.

La loro è una storia di ingiustizia e per questo le sorelle hanno lanciato una petizione rivolta al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al ministro della Giustizia Marta Cartabia. Cosa chiedono? Chiedono l'estensione dei tempi per fare ricorso, per coloro che hanno subito violenze quando erano minori; divorzio automatico per donne separate, vittime di violenza domestica; nel caso in cui la coppia è separata e non divorziata, perdita automatica di tutti i diritti successori per chi ha commesso violenza domestica contro il coniuge. Insomma più tutela per le donne vittime di violenza.

La madre vittima di violenza domestica e molestie sessuali

A raccontare la storia in un video su Youtube, allegato alla petizione, è proprio Desirèe: "Mia madre si era separata da mio padre nel 1998, in seguito a violenza domestica e molestie sessuali nei suoi e nei nostri confronti, le sue due figlie, Desirèe e Simona. Il processo è durato tantissimi anni, durante i quali purtroppo mia madre si è indebitata, gli avvocati costano e i processi sono lunghi, inoltre faceva molta fatica essendo da sola con due figlie". La figlia poi spiega che il padre è stato condannato a 3 anni di carcere oltre al risarcimento di 12mila euro per la madre e le due sorella, anche loro vittime della sua violenza. Ma i soldi del risarcimento non sono mai arrivati e non arriveranno mai dal momento che il processo è andato in prescrizione.

Al marito spetta la casa e la pensione della donna

Ora però l'ennesima ingiustizia: "Con la sentenza nostro padre ha perso la patria potestà e il diritto successorio, ma solo nei nostri confronti, non anche nei confronti di mia madre". La madre si è trovata piena di debiti ma è riusciti ad andare in pensione anticipata. Lo scorso gennaio purtroppo è morta di Covid. "In seguito alla sua morte, io e mia sorella pensavamo di essere le uniche eredi. Invece c'era anche mio padre. Scopriamo che essendo solo separati e non divorziati (mia madre non poteva permettersi di pagare il divorzio), per legge è come se fossero ancora quindi marito e moglie". Ecco quindi la beffa: "Anche nostro padre risulta come erede e pur avendo commesso reati di violenza contro mia madre, mio padre prende la sua pensione di reversibilità di 900 euro e sarà erede, quindi gli spetterà l'eredità di mia madre che consiste nell'immobile che aveva acquistato in seguito, di cui c'è ancora il mutuo da estinguere". Come è possibile tutto questo? Ecco quindi che le due sorelle hanno lanciato la petizione per fare in modo che le cose cambino in tutta Italia.

802 CONDIVISIONI
Violenta le figlie minorenni dell’ex moglie: viene condannato, ma non va in carcere
Violenta le figlie minorenni dell’ex moglie: viene condannato, ma non va in carcere
Nicolò, sopravvissuto alla strage familiare di Samarate, torna a casa:
Nicolò, sopravvissuto alla strage familiare di Samarate, torna a casa: "Il padre gli scrive dal carcere"
Morto il motociclista di 45 anni ferito gravemente dopo un incidente: chi era Davide Casiraghi
Morto il motociclista di 45 anni ferito gravemente dopo un incidente: chi era Davide Casiraghi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni