Evade dai domiciliari, poi va a casa dei genitori della ex, dove vive anche la nonna 90enne, e li minaccia di morte con una pistola. È accaduto venerdì pomeriggio a Lungavilla, nei pressi di Voghera, in provincia di Pavia. L'uomo, un 32 enne di Castelletto di Branduzzo, era sottoposto agli arresti domiciliari dopo una condanna per motivi di droga. Tuttavia, all'improvviso ha lasciato il suo appartamento, nonostante l'obbligo di restarvi, ed è riuscito anche a procurarsi una pistola. Quindi, armato, si è presentato a casa dei familiari della sua ex, per motivi ancora da chiarire. Questi ultimi, però, sono riusciti ad avvisare tempestivamente i soccorsi. A quel punto l'uomo si è dato ad una fuga disperata nelle zone che circondano Voghera.

La caccia all'uomo

Una caccia all'uomo quindi è partita. Sulle tracce dell'uomo si sono messi subito all'inseguimento i carabinieri della Compagnia di Voghera. Imponente il dispiegamento di uomini, anche in abiti civili. Mentre nella zona ha cominciato a diffondersi il panico, a causa delle voci sull'uomo in fuga armato di pistola. Il 32enne è stato alla fine rintracciato poco distante, in una zona centrale di Voghera. Qui è stato localizzato da una pattuglia e preso dai militari dell'Arma, che lo hanno poi trasferito nella camera di sicurezza della Caserma. Al processo per direttissima il giudice ha convalidato l’arresto con custodia cautelare in carcere per evasione, minaccia e detenzione e porto abusivo di arma. Sono ancora in corso, invece, gli accertamenti per cercare di capire cosa abbia potuto spingere il giovane ad intraprendere questo gesto.