417 CONDIVISIONI
Opinioni
Ultime notizie sull'omicidio di Laura Ziliani
25 Febbraio 2022
16:59

Nessun pentimento, le figlie di Laura Ziliani hanno chiesto di partecipare ai suoi funerali per egoismo

Ha destato scalpore la richiesta (poi respinta) di Silvia e Paola Zani di partecipare al funerale della madre Laura Ziliani, per il cui omicidio sono in carcere. Una richiesta che non ha niente a che vedere con il rimorso quanto, piuttosto, con il mantenimento della loro integrità psichica.
A cura di Anna Vagli
417 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sull'omicidio di Laura Ziliani

Questo pomeriggio si è tenuto il funerale di Laura Ziliani. Una donna, prima che una madre, strappata alla vita troppo presto. Troppo presto, per chi, come lei, portava sulle spalle la responsabilità di garantire un futuro dignitoso a Lucia, la disabile delle sue tre figlie. Proprio Lucia che aveva già perso il padre qualche anno prima e che, ad oggi, è rimasta sola con l’anziana nonna.

Nei giorni scorsi, quasi come un fulmine a ciel sereno, è arrivata la richiesta (poi negata dal pubblico ministero) di Silvia e Paola Zani, accusate di matricidio in concorso con Mirto Milani, di partecipare all’ultimo saluto. Proprio loro che, denunciandone la scomparsa dopo solo quattro ore, piangevano finte lacrime in altrettanti menzogneri videomessaggi di appello. Sempre Silvia e Paola che, dopo la traduzione in carcere come attuazione della misura cautelare disposta dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brescia, si sono trincerate dietro un fragoroso quanto assordante silenzio. Un silenzio mai interrotto. Almeno fino ad oggi. Due donne accusate di aver ucciso chi ha donato loro la vita. E di averlo fatto per motivi futili, ma soprattutto per un “consumismo di emozioni” contraddistinto da desideri abietti: soldi e vita agiata senza spirito di sacrificio. In un tale quadro comportamentale come può motivarsi una simile richiesta di partecipazione ai funerali?

Dietro la richiesta delle due figlie non c'è pentimento, ma egoismo

La risposta è più egoistica di quanto si creda. Dietro di essa non si è celato alcun tipo di tipo di pentimento o di spinta interiore causata da un qualche rimorso. E a confermarlo è stata proprio la volontà non collaborativa degli ultimi mesi. Difatti, da quando sono state arrestate, lo scorso 24 settembre, Silvia e Paola non si sono in alcun modo adoperate per coadiuvare le indagini e neppure hanno mostrato un qualche segnale di obiezione in ordine alle accuse mossegli.

Dunque, la manifesta volontà di partecipare alle esequie è frutto di quello che possiamo definire come spirito conservativo. In altri termini, contrariamente a quanto si possa pensare, essere presenti avrebbe consentito loro di instaurare un distacco emotivo, strumentale alla finalità di non acquisire coscienza e a negare prima di tutto a loro stesse di aver contribuito all’omicidio della madre. Dunque, la loro presenza non era per Laura, ma per preservare la loro integrità psichica. Ciò in attuazione di quello che può esser definito "meccanismo di difesa primitivo". Un meccanismo che consente ai soggetti di non riconoscere parte di sé, un pensiero, un desiderio o, nella più estrema delle ipotesi, l’agito stesso.

Un agito, se sarà confermato nei tre gradi di giudizio, intollerabile per la coscienza: Laura Ziliani, la loro madre, morta anche per mano propria. Contenuti che prima diventano inaccettabili per l'essere umano e poi si trasformano inaccessibili per la continuità della “sopravvivenza psichica”. In questo senso, un modo per sfuggire ai gravi indizi di colpevolezza e, forse, anche per lavarsi la coscienza di fronte alla sorella Lucia. L’unica, delle tre sorelle, ad essere legittimata a partecipare nel giorno dell’estremo saluto. In ultimo, ragionando in termini difensivi, non è da escludere che siffatta richiesta possa essere utilizzata in chiave difensiva per la concessione della perizia psichiatrica.

417 CONDIVISIONI
Dottoressa Anna Vagli, giurista, criminologa forense, giornalista- pubblicista, esperta in psicologia investigativa, sopralluogo tecnico sulla scena del crimine e criminal profiling. Certificata come esperta in neuroscienze applicate presso l’Harvard University. Direttore scientifico master in criminologia in partnership con Studio Cataldi e Formazione Giuridica
Omicidio Ziliani, Mirto confessa:
Omicidio Ziliani, Mirto confessa: "Stordita con un muffin avvelenato. E forse seppellita ancora viva"
Omicidio Laura Ziliani, il compagno di cella di Mirto Milani:
Omicidio Laura Ziliani, il compagno di cella di Mirto Milani: "Così mi ha raccontato come è stata uccisa"
Omicidio Ziliani, prima della confessione Mirto Milani aveva raccontato tutto al compagno di cella
Omicidio Ziliani, prima della confessione Mirto Milani aveva raccontato tutto al compagno di cella
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni