Aggressione dai contorni ancora poco chiari a Monza: una lite, probabilmente legata all'utilizzo dell'area cani che si trova tra via Guardini e via Marco D'Agrate, è costata cara a un uomo di 66 anni, finito in codice rosso al pronto soccorso dell'ospedale San Gerardo. I fatti si sono verificati nella tarda mattinata di ieri, venerdì 23 aprile. Attorno alle 12 l'Azienda regionale emergenza urgenza ha ricevuto una segnalazione per un evento violento. I soccorritori del 118, giunti a bordo di un'ambulanza, hanno prestato le prime cure al 66enne. Agli agenti della polizia locale, intervenuti per cercare di ricostruire quanto accaduto, l'uomo ha raccontato di essere stato aggredito da un altro uomo, che prima gli avrebbe spruzzato contro lo spray al peperoncino e poi lo avrebbe accoltellato alla schiena.

L'aggressore è stato denunciato per lesioni personali

Il 66enne è stato trasportato in codice rosso al pronto soccorso del San Gerardo, dove è stato ricoverato. Nel frattempo sono proseguite le indagini della polizia locale nei confronti del presunto aggressore, un uomo di 59 anni. La perquisizione alla quale è stato sottoposto ha consentito di scoprire che il 59enne aveva in effetti con sé lo spray al peperoncino. Non è stato invece trovato il coltello che sarebbe stato utilizzato nell'aggressione: gli agenti si sono serviti perfino di un metal detector per scandagliare l'area cani e i suoi paraggi alla ricerca dell'arma, ma l'esito delle ricerche è stato negativo. L'aggressore, che ha confermato il diverbio col 66enne, ha negato di averlo accoltellato, riferendo di averlo colpito con un mazzo di chiavi. È stato in ogni caso denunciato a piede libero con l'accusa di lesioni personali.