Piazza Gae Aulenti a Milano
in foto: Piazza Gae Aulenti a Milano

Una ragazza di 21 anni, positiva al Coronavirus, è stata denunciata dai carabinieri perché sorpresa mentre era in giro nel centro di Milano con alcuni amici, tutti assembrati e senza mascherina. È successo nella serata di ieri, giovedì 13 maggio, attorno alle 21.45. La ragazza, come spiegato dai carabinieri, era assieme a un gruppo di amici che non stava rispettando le norme sul distanziamento e sui dispositivi di protezione individuale, due semplici misure che restano obbligatorie anche in questa fase di graduali riaperture e sono, anzi, ancora più importanti adesso proprio per evitare la ripresa del contagio.

La ragazza era risultata positiva al tampone il giorno prima

I carabinieri della stazione Moscova, considerando anche che si era vicini all'orario del coprifuoco, sono intervenuti e hanno identificato tutti i presenti. Ventuno, in totale, i ragazzi di cui hanno preso le generalità, tutti giovanissimi intorno ai 20 anni. Tutti i ragazzi sono stati multati di 400 euro per violazione delle norme anti Coronavirus, ma dagli accertamenti condotti dai carabinieri sui nomi è emerso un particolare in più sulla 21enne. La ragazza, infatti, risultava tra coloro segnalati dall'Ats (l'Agenzia per la tutela della salute ex Asl) come positivi al Coronavirus. Si era infatti sottoposta al tampone soltanto il giorno prima, il 12 maggio, ed era risultata positiva al Covid-19: sarebbe dunque dovuta rimanere in casa, sottoposta a quarantena obbligatoria, ma non lo ha fatto e per di più non ha nemmeno indossato le dovute protezioni. Per questo motivo la ragazza è stata denunciata per violazione della quarantena obbligatoria: rischia, salvo che con il suo gesto non abbia causato effetti più gravi (come ad esempio contagiare altre persone), l'arresto da 3 a 18 mesi o l’ammenda da 500 a 5.000 euro.