(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Oltre 60 profili social per molestare una ragazza di cui a suo dire si era innamorato, ma che non ricambiava le sue attenzioni. È durato quasi due anni l'incubo per una giovane milanese, ex receptionist di una palestra in zona Comasina, molestata proprio da uno dei frequentatori del centro fitness per cui la ragazza era diventata un'ossessione. Lo stalker, un 24enne egiziano, si trova adesso in carcere: come riporta il quotidiano "Il Giorno", che ha raccontato la vicenda, due settimane fa è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri mentre, nel cortile del condominio in cui abita la ragazza, le stava urlando il suo "amore" decisamente malato. L'arresto del 24enne è stato convalidato dal giudice, davanti al quale il giovane si è giustificato dicendo che voleva sposare la sua vittima.

Lo stalker è stato arrestato sotto casa della sua vittima

Una giustificazione che naturalmente non ha retto, anche perché le indagini dei carabinieri hanno ricostruito quasi due anni di atti persecutori che avevano costretto la sua vittima a cambiare non solo lavoro, ma anche abitudini di vita. Era partito tutto nella palestra in cui la ragazza lavorava come receptionist. Il 24enne si era invaghito della giovane, ma ben presto le sue attenzioni erano diventate malate: apprezzamenti sempre più espliciti, inviti, avances e continui messaggi sui social. La ragazza non faceva in tempo a bloccargli un account che subito lui ne creava uno nuovo, continuando a tempestarla di messaggi. Un anno fa, esasperata, la giovane lo aveva denunciato dopo essere stata costretta a cambiare lavoro. Ma il suo stalker era riuscito a recuperare il suo numero di telefono e aveva continuato a perseguitarla anche con telefonate nel cuore della notte. L'ultimo atto dell'escalation ossessiva del 24enne si è compiuto due settimane fa, quando il giovane, che nel frattempo aveva scoperto dove viveva la ragazza, si era presentato a casa sua. Fortunatamente l'intervento dei carabinieri ha messo fine, almeno per il momento, a un lungo incubo per la vittima dello stalker.