26 Ottobre 2021
14:02

Long Covid, il gastronomo che aiuta chi ha perso olfatto e gusto: “Senza odori perdiamo i ricordi”

Michele Crippa, gastronomo brianzolo, insieme a due colleghi insegna a chi ha perso gusto e olfatto a causa del Covid a riacquistarli gradualmente. Lui stesso sta seguendo lo stesso percorso: per molti mesi non ha infatti sentito più né odori né sapori. “Perdere un profumo – spiega il gastronomo a Fanpage.it – perdere il senso dell’olfatto significa anche perdere emozioni e perdere ricordi”.
A cura di Francesco Loiacono
Michele Crippa (Foto: Giancristofaro/Fanpage.it)
Michele Crippa (Foto: Giancristofaro/Fanpage.it)

Gli studiosi la chiamano sindrome da Long Covid: colpisce chi tecnicamente – alla prova del tampone – risulta aver superato la malattia dovuta al Coronavirus, ma continua a manifestare sintomi più o meno invalidanti. Tra questi figurano anche l'anosmia e l'ageusia, cioè la perdita dell'olfatto e del gusto. Difficile convivere con l'assenza di questi due sensi: ancora di più se servono per lavorare. È il caso di Michele Crippa, gastronomo brianzolo che insegna Scienze gastronomiche al Collegio Castelli di Saronno e che insieme a due colleghi, Novella Bagna e Gian Paolo Braceschi, adesso insegna a chi ha perso gusto e olfatto a causa del Covid a riacquistarli gradualmente.

Crippa ha perso gusto e olfatto a causa del Covid: li sta lentamente recuperando

Un percorso che lo stesso Crippa sta compiendo: il 17 marzo del 2020, alle 9.40 del mattino, mentre si stava preparando un caffè si è infatti accorto di non sentirne più né l'odore né il sapore. "Sapeva solo di acqua calda", racconta a Fanpage.it, che lo ha accompagnato in una giornata di "lezioni" a due persone – il suo studente Federico e l'impiegata Greta – che hanno sperimentato a causa del Covid la sgradevolissima sensazione di non sentire più odori e sapori.

Gli allenamenti sensoriali con le essenze aromatiche più riconosciute

Quelli che Crippa propone nel "Centro studi assaggiatori" sono degli "allenamenti sensoriali": fa sentire ai suoi allievi gli odori dei venti aromi maggiormente riconosciuti dalla popolazione italiana e li guida alla loro riscoperta. Le essenze aromatiche vengono coltivate dall'Ortofficina di Nova Milanese e poi messe a disposizione del centro. Il percorso di riabilitazione dello stesso Crippa è ancora all'inizio: a dicembre 2020 ha iniziato ad avvertire nuovamente qualche sentore, ma è incorso in altri problemi dovuti a danni neurologici come la "cacosmia" o fantosmia", cioè sentire odori sgradevoli o fantasma: l'aria, ad esempio, per Crippa "sapeva di cavolo cotto".

Il gastronomo: Perdere un profumo significa perdere emozioni e ricordi

Anche se adesso è appena al 20 per cento circa delle sue capacità olfattive pre-Covid, l'opera di Michele Crippa è fondamentale per le persone che si rivolgono a lui. E il motivo lo riassume bene: "L'odore è tutto, l'olfatto insieme alla vista è uno di quei sensi che è direttamente collegato al nostro cervello, al nostro ipotalamo e soprattutto alla sfera delle nostre memorie emotive. Perdere un profumo – spiega il gastronomo – perdere il senso dell'olfatto significa anche perdere emozioni e perdere ricordi".

(Intervista e servizio video a cura di Simone Giancristofaro)

Monza, la mensa francescana che aiuta le famiglie in difficoltà: "Siamo disoccupati a causa del Covid"
Monza, la mensa francescana che aiuta le famiglie in difficoltà: "Siamo disoccupati a causa del Covid"
Long Covid, la storia del 18enne Luca: "Non sentirò mai più odori e sapori"
Long Covid, la storia del 18enne Luca: "Non sentirò mai più odori e sapori"
Milano, al via il Piano Freddo per i senza tetto: accoglienza ma anche vaccini e monitoraggio Covid
Milano, al via il Piano Freddo per i senza tetto: accoglienza ma anche vaccini e monitoraggio Covid
Il Comune di Milano attiva il piano per l'emergenza neve: l'8 dicembre previsti fino a 10 centimetri
Il Comune di Milano attiva il piano per l'emergenza neve: l'8 dicembre previsti fino a 10 centimetri
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni