962 CONDIVISIONI
27 Novembre 2021
13:59

La protesta della classe contro il professore che rifiutò di fare lezione agli studenti in gonna

Gli studenti hanno lasciato la classe e si sono seduti in corridoio. Un gesto che il docente ha definito un modo per “difendere il pensiero unico politicamente corretto”.
A cura di Ilaria Quattrone
962 CONDIVISIONI
I ragazzi del liceo Bottoni (Fonte: Instagram)
I ragazzi del liceo Bottoni (Fonte: Instagram)

Si sono alzati dai loro banchi, sono usciti dalla classe e si sono seduti a terra: la loro è stata una protesta pacifica, un modo per dire no a ogni forma di discriminazione. Soprattutto se questa arriva da un professore. È quanto accaduto oggi, sabato 27 novembre, al Liceo Bottoni di Milano dopo che ieri un docente di filosofia aveva rifiutato di fare lezione perché alcuni studenti si erano presentati in classe con la gonna per la giornata contro la violenza sulle donne.

La preside gli ha chiesto di tornare a casa

L'uomo, dopo che i ragazzi avevano confermato la loro intenzione a non togliere il capo d'abbigliamento, era andato dritto dal preside Giovanna Mezzatesta. La dirigente lo ha invitato a riprendere la lezione, ma l'uomo ha rifiutato e la preside gli ha così chiesto di tornare a casa. A denunciare l'episodio è stato lo stesso professore sul suo profilo Facebook: "La preside del liceo dove insegno mi ha cacciato da scuola perché le avevo detto che non intendevo fare lezione in presenza di un allievo maschio che si è presentato travestito da donna dalla testa ai piedi".

La protesta degli studenti

L'insegnante ha continuato a scrivere che in una scuola che dice di non voler discriminare nessuno "discrimina pesantemente solo chi chiede decoro, decenza, rispetto dei limiti". Gli studenti non si sono fermati. Oggi, quando il professore è arrivato in aula per fare lezione, si sono alzati e sono usciti. Una protesta ripresa anche dai canali social del liceo: "Gli studenti oggi si sono rifiutati di seguire la sua lezione, per difendere le loro idee in quanto il seguente professore nella giornata contro la violenza sulle donne si è rifiutato di fare lezione per difendere ideali alquanto discutibili". Pronta la risposta dell'insegnante che sul registro elettronico ha scritto: "Immagino che vogliano difendere il pensiero unico politicamente corretto".

962 CONDIVISIONI
Studenti e insegnanti si sentono male in classe: ancora sconosciute le cause
Studenti e insegnanti si sentono male in classe: ancora sconosciute le cause
A Mariupol le forze armate russe terrorizzano gli studenti in classe: "La vittoria sarà nostra"
A Mariupol le forze armate russe terrorizzano gli studenti in classe: "La vittoria sarà nostra"
101.114 di antoizzo86
Un'auto e una moto si sono schiantate a Monte Marenzo: grave il motociclista 50enne
Un'auto e una moto si sono schiantate a Monte Marenzo: grave il motociclista 50enne
Il Milan resta ancora in attesa dello scudetto, i tifosi delusi: "Torneremo domenica prossima"
Il Milan resta ancora in attesa dello scudetto, i tifosi delusi: "Torneremo domenica prossima"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni