51 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Omicidio di Giulia Tramontano

Impagnatiello: “Le donne erano pedine che controllavo, non potevo toglierle dalla scacchiera”

L’esito dei colloqui clinici che Alessandro Impagnatiello ha avuto in carcere con lo psichiatra e criminologo Raniero Rossetti. “Era come vivere una doppia vita, una al lavoro e l’altra dentro casa con Giulia. Con il bambino si sarebbe spezzato tutto”
A cura di Francesca Del Boca
51 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La compagna Giulia Tramontano, fidanzata e convivente incinta al settimo mese, e la collega 23enne con cui aveva una relazione sul posto di lavoro? Solo "due pedine della scacchiera" di Alessandro Impagnatiello, "una gestione di persone che controllavo con false verità".

È quanto emerge dalla consulenza psichiatrica che la difesa del 31enne, rappresentata dalle avvocate Giulia Geradini e Samanta Barbaglia, ha depositato nell'ambito del processo per l'omicidio volontario pluriaggravato della compagna, uccisa con 37 coltellate nella loro casa di Senago (Milano) dopo che quest'ultima aveva scoperto il tradimento: poche ore prima, nel 27 maggio 2023, la 29enne aveva appena avuto un confronto con l'altra donna di Impagnatiello.

Il barman, tra il 12 e il 31 ottobre 2023, ha avuto infatti due colloqui clinici in carcere con lo psichiatra e criminologo Raniero Rossetti. "Alessandro Impagnatiello presenta un disturbo della personalità caratterizzato da tratti narcisistici, ossessivo-compulsivi e paranoidei, strettamente legati fra loro", si legge nella relazione.

Allo psichiatra avrebbe raccontato di relazioni con un "numero notevole di donne". Tra cui la collega e amante 23enne italo-inglese, conosciuta dietro il bancone dell'Armani Cafè di Milano in Montenapoleone. "Mi desiderava, e l'essere desiderato da lei mi faceva star bene", ha dichiarato. "Il fatto che mi aspettasse mi faceva sentire appagato".

Una relazione clandestina, fatta di incontri occasionali e dichiarazioni d'amore, e una fidanzata ufficiale che aspetta un figlio. "Era come se io vivessi due vite diverse: una, al lavoro, e l'altra fuori al lavoro e dentro casa con Giulia", sempre le sue parole. Un equilibrio che, proprio con la nascita di quel figlio, sarebbe probabilmente finito per sempre. "Pensavo: quando prenderò in braccio il bambino, tra luglio e agosto, questa doppia vita sarà spezzata". E così, quella sera del 27 maggio ha scelto di spezzare le due vite di Giulia e di Thiago. 

L'abbraccio di Giulia Tramontano con l'altra donna di Impagnatiello il 27 maggio 2023 davanti all'Armani Cafè di Milano: dopo poche ore verrà uccisa dal compagno
L'abbraccio di Giulia Tramontano con l'altra donna di Impagnatiello il 27 maggio 2023 davanti all'Armani Cafè di Milano: dopo poche ore verrà uccisa dal compagno
51 CONDIVISIONI
252 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views