40 CONDIVISIONI

Il video dei nostalgici vestiti da fascisti che fanno il saluto romano all’anniversario della marcia su Roma

In un ristorante di Salò un gruppo di nostalgici del fascismo, alcuni dei quali vestiti con camicia nera e pantaloni alla zuava, hanno fatto il saluto romano per commemorare la marcia su Roma.
40 CONDIVISIONI
Immagine

Lo scorso 28 ottobre alcuni nostalgici hanno organizzato una cena in occasione dell'anniversario della marcia su Roma. La commemorazione si è tenuta a Salò, in provincia di Brescia, che fu sede della capitale della Repubblica Sociale Italiana. Durante la serata, alcuni partecipanti erano addirittura vestiti da soldati fascisti e la maggior parte si è alzata in piedi per fare il saluto romano mentre intonava canzoni come Faccetta nera.

A divulgare per primo i video delle serata è stato il giornale locale Gardapost.it. Le immagini mostrano con chiarezza il grande salone di un ristorante sulle sponde del lago di Garda, decorato con tanto di fotografia di Benito Mussolini appesa a una parete. Seduti ai vari tavoli ci sono diversi nostalgici del ventennio fascista, alcuni indossano perfino i pantaloni alla zuava, la camicia nera e il cappello fez per meglio immedesimarsi nella milizia dell'epoca.

Immagine

Tutti insieme intonano canzoni di propaganda del regime, fra le quali la classica Faccetta nera, scritta da Renato Micheli e musicata da Mario Ruccione nell'aprile del 1935. Alcuni, durante l'esibizione musicale, si alzano in piedi e stendono in avanti il braccio destro per fare, inequivocabilmente, il saluto romano imposto proprio da Mussolini come formula di presentazione e congedo. Ovviamente mentre altri filmano il tutto con i loro smartphone.

A quanto pare, questa cena di commemorazione della marcia su Roma a Salò avviene ogni anno e solitamente sono in molti a criticarla. Quest'anno, invece, finora non era uscita nessuna notizia a riguardo, segno di come ci si stia abituando a tutto, perfino all'apologia del fascismo. Che tuttavia resta, almeno per il momento, ancora un reato in Italia.

40 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views