375 CONDIVISIONI
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

Il nonno di Eitan: “Sento di averlo deluso ma io ho fatto tutto sotto la luce del sole”

In una lunga intervista a Non è l’arena, in onda su La7, il nonno di Eitan Schmuel Peleg ha parlato del presunto rapimento del bambino, respingendo ogni accusa e dicendo di aver “fatto tutto sotto la luce del sole”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Filippo M. Capra
375 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

Intervistato in esclusiva da Non è l'arena, in onda su La7, il nonno di Eitan, Schmuel Peleg, ha parlato della condizione attuale della situazione tra lui, il piccolo – unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone – e la famiglia paterna: "Eitan non sta con me. Mi è permesso di incontrarlo qualche ora a settimana e in questi momenti sento che l'ho deluso" perché "era felice il primo mese con tutta la famiglia qui in Israele".

Il nonno di Eitan: Ho fatto tutto sotto la luce del sole

Durante l'intervista, il nonno ha respinto l'accusa di rapimento, dicendo di non essere d'accordo con l'ipotesi di reato perché "io non ho preso Eitan in un modo illegale. Io sono una persona che segue la legge ed educo i miei figli a seguirla e di fare ciò che è legale". Schmuel Peleg poi aggiunto: "Ho preso Eitan l'11 settembre dopo che mi sono consultato con i miei avvocati e ho ottenuto il consiglio legale. Ho scoperto che non c'è nessuna cosa contraria alla legge. Tutto quello che ho fatto è alla luce del sole". Sul piccolo c'era però un divieto di espatrio, del quale il nonno dice di non esserne stato a conoscenza "fino al processo qui in Israele".

Schmuel Peleg: Eitan in futuro saprà che ho cercato di salvarlo

L'intervista si concentra poi sui motivi che hanno indotto il nonno ad utilizzare un volo privato e non uno di linea. A tal proposito, Peleg spiega di aver "dato tutte queste informazioni ai miei avvocati e alle autorità israeliane. C'è una spiegazione logica a tutto. La distranza tra Lugano e Malpensa è la stessa", aggiunge, prima di ripetere di essere convinto di aver "fatto le cose in modo legale e io ho fiducia nelle istituzioni". Poi, dice: "Se avessi saputo che ci fosse stato qualcosa di illegale non l'avrei fatto né oggi né mai". Infine, sulla mancata comunicazione dei suoi spostamenti alla zia paterna Aya, il nonno del piccolo ha detto: "Lei non mi ha mai aggiornato sulle cose che lei faceva in tutto questo tempo e ha deciso da sola e io ho pensato non ci fosse bisogno di aggiornarla. Sento che un giorno Eitan saprà che ho cercato di salvarlo e dall'altro mi stanno guardando sua madre e suo padre".

375 CONDIVISIONI
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni