I dati sulla diffusione del Coronavirus sono in costante miglioramento in Lombardia. A dirlo è l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera che ha così commentato i dati del bollettino di oggi sul contagio nella regione lombarda: "Oggi abbiamo 2400 nuovi casi su 27-28 mila tamponi, abbiamo una riduzione sia dei posti letto non in terapia intensiva (-57) sia nelle terapie intensive (-29). È chiaro che non bisogna abbassare la guardia ed avere un atteggiamento estremamente prudente", le parole dell'assessore intervenuto a Tgcom24.

Negli ospedali ancora un numero significativo di pazienti Covid ricoverati

L'assessore Gallera ha continuato spiegando che la situazione negli ospedali della Lombardia resta comunque delicata e che ci potrebbe essere una risalita dei contagi: "Il nostro – ha aggiunto – è un richiamo alla responsabilità dei cittadini, perché oggi una recrudescenza arriverebbe in una situazione in cui gli ospedali hanno ancora un numero significativo di pazienti Covid ricoverati, quindi rischia di essere ulteriormente problematica".

Stretta sul Natale: si valutano nuove restrizioni

Intanto il premier Conte ha confermato che si deciderà probabilmente tra stasera e domani la nuova stretta di Natale sulla quale è al lavoro il governo: l'ipotesi, sempre più probabile, è che si decida di istituire un zona rossa in tutta Italia o arancione nei festivi, con specifico allentamento per i piccoli Comuni. In Lombardia solo domenica 13 dicembre dopo più di un mese è avvenuto il passaggio alla zona gialla: nella stessa giornata sono state tante le situazioni in cui sono stati segnalati assembramenti, come è accaduto a Milano in piazza Duomo gremita di milanesi in giro per lo shopping natalizio. Scene alle quali hanno fatto seguito numerose polemiche, mentre il sindaco Sala e lo stesso Fontana hanno preso le difese di chi era in giro così come consentito dalle norme anti Covid.