129 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Ilaria Salis detenuta in Ungheria

“Gabriele Marchesi deve stare in carcere a Budapest”: l’Ungheria risponde alla Corte d’Appello di Milano

L’udienza davanti alla Corte milanese, che dovrà decidere il da farsi sulla consegna di Gabriele Marchesi, è fissata per il prossimo 28 marzo. Con Ilaria Salis, il 23enne è accusato per lesioni aggravate nei confronti di un gruppo di neonazisti.
A cura di Francesca Del Boca
129 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Tiene il punto Budapest: niente domiciliari in Italia per Gabriele Marchesi. E cosi risponde l'Ungheria alla Corte d'Appello di Milano sul caso del 23enne accusato con Ilaria Salis per lesioni aggravate nei confronti di un gruppo di neonazisti: solo con "la sua consegna e l'arresto", scrive la Procura dell'Ungheria, "sarebbe possibile garantire" che Marchesi "sia a disposizione delle autorità" e sia presente in particolare "agli atti procedurali".

Budapest, infatti, chiede da tempo che Gabriele Marchesi venga consegnato alle autorità ungheresi. Una richiesta di estradizione alla quale la Corte d’Appello di Milano si era recentemente opposta ponendo una serie di quesiti sul trattamento dei detenuti nel sistema carcerario ungherese e chiedendo di verificare la possibilità di strumenti alternativi al mandato d’arresto europeo avanzate dall’Italia.

L'udienza davanti alla Corte milanese, che dovrà decidere il da farsi sulla consegna o meno, è fissata per il prossimo 28 marzo: quel giorno, durante la seconda udienza del processo a carico di Salis a Budapest, i legali e la famiglia chiederanno per Ilaria Salis gli arresti domiciliari a Budapest, l’unica strada al momento percorribile per tirarla fuori dal carcere in cui è reclusa in cella per 23 ore su 24.

129 CONDIVISIONI
77 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views