4.340 CONDIVISIONI
Omicidio Carol Maltesi
29 Marzo 2022
7:25

È dell’attrice hard Charlotte Angie il cadavere smembrato in 15 pezzi: fermato un 43enne per omicidio

Charlotte D’Angie, nome d’arte della vittima e nota attrice hard, è stata smembrata in quindici pezzi e sfigurata. Oggi è stato fermato un uomo per omicidio.
A cura di Ilaria Quattrone
4.340 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Carol Maltesi

È dell'attrice hard Charlotte Angie, il corpo trovato smembrato in quindici pezzi a Borno, in Valcamonica. Nella mattinata di oggi, martedì 29 marzo, i carabinieri del comando provinciale di Brescia e della compagnia di Breno, hanno così fermato un uomo di 43 anni con l'accusa di omicidio volontario aggravato, distruzione e occultamento di cadavere.

Il corpo trovato da un passante

Il 43enne, che risiede nella provincia di Milano, è stato fermato alle 4.30. Il provvedimento è stato emesso dalla pubblico ministero Lorena Ghibaudo dopo che il 20 marzo scorso, è stato trovato il corpo della 26enne in un dirupo. A notare il cadavere è stato un uomo che si è accorto della presenza di quattro buste neri. All'interno c'erano i pezzi di cadavere, tra i quali la mano di una donna. L'identificazione del corpo non è stata semplice: le analisi delle impronte digitali non avevano dato alcun riscontro e non risultavano donne scomparse in quell'area.

L'identificazione tramite i tatuaggi

Grazie a un appello dei carabinieri, dove venivano descritti i tatuaggi visibili sul corpo della donna, è stato possibile risalire a lei. Alcuni cittadini, contattati i militari, affermavano che quei tatuaggi potevano appartenere a una donna che era molto conosciuta nel cinema porno. Grazie a quelle segnalazioni, si è potuto risalire a Charlotte. Dalle indagini degli investigatori, è poi emerso che domenica 20 marzo, la sua auto era transitata proprio a Borno. A guidarla era però un uomo.

La confessione del vicino di casa

Si tratta di un amico e vicino della casa della vittima: lui stesso si è presentato dai carabinieri per dare informazioni sulla donna scomparsa. Informazioni che però hanno da subito mostrato delle contraddizioni. Gli inquirenti hanno poi scoperto che l'uomo si trovava a Borno domenica 20: durante l'interrogatorio, che si è svolto alla presenza del suo avvocato difensore, il 43enne ha confessato l'omicidio e l'occultamento del cadavere. Questo risale a gennaio 2022. Lo ha messo in un congelatore nella casa della vittima e poi dopo averlo fatto a pezzi lo ha buttato nel dirupo di una montagna.

4.340 CONDIVISIONI
52 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni