16 Giugno 2022
14:40

Davide Bombardini accusato di tentata estorsione: l’ex calciatore andrà a processo con due ultrà interisti

L’ex calciatore Bombardini andrà a processo per tentata estorsione. Con lui anche due ultrà interisti. Per l’accusa, i tre (più un quarto non identificato) avrebbero minacciato un 59enne cercando di ottenere 100mila euro.
A cura di Enrico Spaccini
Davide Bombrdini con la maglia del Bologna (foto da Instagram)
Davide Bombrdini con la maglia del Bologna (foto da Instagram)

L'ex calciatore Davide Bombardini andrà a processo per tentata estorsione. Insieme a lui, anche i due ultrà dell'Inter Andrea Beretta (47 anni) e Claudio Morra (39 anni). Secondo l'accusa, i tre avrebbero provato a ottenere in modo illecito e con minacce 100mila euro.

Si erano presentati in un cantiere di Milano dove lavorava un 59enne. Lì lo avrebbero minacciato più volte e nei giorni seguenti anche chiamato ripetutamente chiedendo quel denaro. L'uomo, però, non ha mai ceduto e ha infine denunciato.

Avrebbero provato a costringere la vittima a pagare 100mila euro

Lo ha deciso il giudice dell'udienza preliminare di Milano Lorenza Pasquinelli e il processo inizierà il 13 ottobre. L'ex centrocampista 48enne, tra le altre di Atalanta, Roma, Bologna e Palermo, e oggi imprenditore avrebbe tentato di costringere la presunta vittima "a consegnare dapprima a Bombardini", poi a Beretta e Morra (più una quarta persona "rimasta ignota"), la somma di 100mila euro.

Come raccontato dalla vittima, però, quel credito che gli stavano chiedendo era "del tutto inesistente". I quattro erano andati in quel cantiere milanese il 28 novembre del 2018 chiedendogli quel denaro con "toni e modi aggressivi e intimidatori".

Le quote della Milano Procaccini srl

Come ricostruito dal pubblico ministero Leonardo Lesti, il 59enne aveva già "corrisposto il saldo relativo all'acquisto delle quote sociali della Milano Procaccini srl", l'impresa edile di cui l'ex trequartista era socio.

Nonostante ciò, i quattro gli ripetevano che se non avesse pagato, avrebbero "agito di conseguenza" dando poche ore come limite per la consegna del denaro. La vittima ha deciso, invece, di rivolgersi alle forze dell'ordine che hanno fatto poi partire l'indagine.

Caso Alberto Genovese, la difesa dell'ex fidanzata:
Caso Alberto Genovese, la difesa dell'ex fidanzata: "È stata anche lei una vittima"
Boom di donazioni per il piccolo Achille, colpito da una malattia rara: a 4 mesi potrebbe iniziare a vedere
Boom di donazioni per il piccolo Achille, colpito da una malattia rara: a 4 mesi potrebbe iniziare a vedere
Donna investita sul marciapiede da un pirata della strada in bicicletta: è in gravi condizioni
Donna investita sul marciapiede da un pirata della strada in bicicletta: è in gravi condizioni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni