In Lombardia sono stati registrati 2.293 nuovi casi di Coronavirus su 44.809 tamponi effettuati, con una percentuale di positivi del 5,1 per cento. È quanto emerge dal bollettino di mercoledì 27 gennaio diramato dalla Regione. Calano /aumentano i nuovi contagi rispetto a ieri, quando erano stati registrati 1.230 casi a fronte di 24.040 tamponi complessivi (nel totale sono calcolati anche i test rapidi antigenici, oltre ai tamponi molecolari). In totale dall'inizio della pandemia in Lombardia sono stati eseguiti 5.525.624 tamponi. Diminuisce il dato giornaliero sui decessi: sono stati segnalati 62 morti nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 77), per un totale dall'inizio della pandemia di 26.851 decessi ufficiali nella sola Lombardia.

I ricoverati negli ospedali della Lombardia

Sul fronte dei ricoveri negli ospedali e nelle terapie intensive della Lombardia, nelle ultime ore il bilancio dei ricoveri in ospedale è aumentato di 43 unità, portando il totale a 3.573 (ieri erano 3.530). Calano invece i ricoveri nei reparti di terapia intensiva: sono 15 in meno (anche ieri il saldo era stato di 15 pazienti in meno) per un totale di 377 persone ricoverate. Continua a crescere il numero dei guariti/dimessi, ora arrivato a 454.392: sono 2161 le persone che sono riuscite a superare la malattia nelle ultime 24 ore.

La situazione nelle province Lombarde

Per quanto riguarda le province lombarde, sono 489 i nuovi casi di positivi al Coronavirus in provincia di Milano, di cui 228 in città. Sono 237 i nuovi positivi nella provincia di Monza e Brianza, 233 in quella di Varese, 474 in provincia di Brescia, 177 in quella di Como e 115 in provincia di Pavia. La provincia di Bergamo ha registrato 79 nuovi contagi, mentre sono 70 quelli a Lecco e 58 i nuovi contagi nella provincia di Lodi. I contagi registrati in provincia di Cremona sono invece 78, 52 quelli in provincia di Sondrio. Infine, sono 164 i casi in provincia di Mantova.

Slitta la vaccinazione anti Covid per gli anziani

Se da un lato i numeri diramati dalla Regione mostrano come il virus circoli ancora sul territorio lombardo, dall'altro sempre da Palazzo Lombardia è arrivata una notizia sicuramente non positiva sul fronte della campagna vaccinale. Slitta infatti di un mese la fase 2 della campagna di vaccinazioni anti covid destinata agli anziani. La seconda fase della campagna riguarda 700mila ultraottantenni e 2 milioni di persone tra i  60 e i 79 anni, oltre ai malati cronici fragili indipendentemente dall’età. Lo ha spiegato la vicepresidente della Regione, Letizia Moratti, aggiornando il piano dopo i ritardi nelle consegne da parte delle case farmaceutiche.