Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Nell'ultima settimana i contagi nelle scuole della provincia di Milano e Lodi sono in leggero calo mentre aumenta il numero delle persone in isolamento: stando all'ultimo report pubblicato dall'agenzia di tutela per la salute della città metropolitana di Milano tra il 19 e il 25 aprile sono stati segnalati 658 tamponi positivi al Covid-19 (536 alunni e 122 operatori scolastici) e 8.8779 persone in quarantena (8.8421 alunni e 358 operatori).

Diminuiscono i casi, ma aumentano le persone in isolamento

Nella settimana precedente sono stati 669 i casi totali di persone positive al virus: 571 studenti e 98 operatori sanitari. Rispetto a sette giorni fa a diminuire sono stati i casi tra gli studenti (meno 35) mentre sono aumentati quelli dai dipendenti di 24 unità. Il leggero calo dei contagi contrasta però con l'aumento delle persone in quarantena: nella settimana che va dal 12 al 18 aprile si sono registrati in totale 5.187 persone in isolamento. Di queste 5.0005 erano studenti mentre 182 erano operatori scolastici: "Gli isolamenti sono in aumento perché, a differenza della settimana scorsa in cui diversi casi erano da poco rientrati a scuola e avevano avuto meno occasioni di contatto con i compagni, in questa settimana – spiega il direttore di Medicina Preventiva delle Comunità – Malattie infettive di Ats Milano Marino Faccini – la ripresa della frequenza scolastica è stata più completa e di conseguenza sono stati tracciati più contatti da porre in quarantena".

Il numero maggiore di casi registrato nelle scuole elementari

Il numero maggiore di casi si è registrato nelle scuole elementari: al momento risultano positivi 197 tra alunni e operatori. Seguono quelli delle scuole superiori (165 casi), delle scuole medie (128 casi), delle scuole dell'infanzia (127 casi) e infine gli asili nido con 41 casi. Sempre nelle scuole primarie si registra il numero maggiore di persone in isolamento con 2.744 casi, seguono le scuole medie con 2.141 casi, le scuole dell'infanzia con 1.864 casi, le scuole superiori con 1.463 casi e infine i nido con 567 persone in isolamento.