33 CONDIVISIONI
Il caso della donna picchiata dai vigili a Milano

Perché altri 4 vigili urbani sono indagati per il pestaggio della donna trans a Milano

Sale a sette il numero dei vigili urbani indagati per il pestaggio di Bruna, la donna trans presa a manganellate per strada a Milano il 24 maggio scorso, e ripresi da un video diventato virale. “Hanno riportato il falso nei verbali”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Francesca Del Boca
33 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il caso della donna picchiata dai vigili a Milano

Sale a sette il numero dei vigili urbani indagati per il pestaggio di Bruna, la donna trans presa a manganellate per strada a Milano il 24 maggio scorso, e ripresi da un video diventato virale. Ai tre agenti già accusati di lesioni aggravate dall'abuso della pubblica funzione e falso in atto pubblico si aggiungono così altri quattro nomi: anche a loro vengono imputati, a vario titolo, i reati di falso in atto pubblico e di abuso di autorità contro arrestati o detenuti.

I quattro nuovi indagati

I quattro nuovi indagati, malgrado la 42enne fosse stata messa in camera di sicurezza, scrissero in una relazione che era stata portata nell'ufficio fermi e arresti di via Custodi per “espletare le formalità di rito”. Avrebbero messo anche nero su bianco che era “in stato di agitazione e rifiutava ogni tipo di dialogo”. E, anche se presentava “un palese sanguinamento al volto" e una ferita al labbro, scrissero che Bruna (indagata anche lei per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire le generalità e ricettazione) non aveva “altre lesioni visibili”.

"Hanno riportato il falso sui verbali"

A tre dei sette vigili indagati viene contestato inoltre di aver "lasciato ammanettata con le braccia dietro la schiena per circa un’ora” la donna trans, nonostante all’arrivo “fosse collaborativa e versasse palesemente in condizioni fisiche critiche”. Una condotta che configura, secondo la Procura, l’ipotesi di reato di abuso di autorità contro arrestati.

Tutti gli indagati, insomma, avrebbero riportato a verbale delle affermazioni in seguito “smentite dalla successiva attività investigativa e dunque non vere": dal fatto che fossero intervenuti in via Giacosa, zona parco Trotter, perché la 42enne stava mostrando “nudità alla presenza di bambini” all'annotazione secondo cui la donna, una volta messa nell’auto di servizio, avrebbe dato delle testate ai finestrini, ferendosi.

33 CONDIVISIONI
Donna trans picchiata dai vigili a Milano, la Procura chiede il processo per 5 agenti e la vittima
Donna trans picchiata dai vigili a Milano, la Procura chiede il processo per 5 agenti e la vittima
Indagati per aver dichiarato il falso i vigili urbani che hanno picchiato una donna trans a Milano
Indagati per aver dichiarato il falso i vigili urbani che hanno picchiato una donna trans a Milano
Donna picchiata a Milano, il sindacato dei vigili: "Non bisognava manganellare sulla testa, ma non siamo santi"
Donna picchiata a Milano, il sindacato dei vigili: "Non bisognava manganellare sulla testa, ma non siamo santi"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views