video suggerito
video suggerito
La fuga di Giacomo Bozzoli

Chi è Giacomo Bozzoli, l’uomo arrestato dopo la fuga per l’omicidio dello zio Mario

È stato arrestato Giacomo Bozzoli, il 39enne condannato in via definitiva per l’omicidio dello zio Mario. Era fuggito dopo la sentenza in Cassazione: i carabinieri l’hanno ritrovato mentre si nascondeva nel cassettone del letto di casa sua a Soiano (Brescia)
321 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

È stato arrestato Giacomo Bozzoli, il 40enne condannato all'ergastolo dalla Corte di Cassazione per aver ucciso lo zio Mario nell'ottobre del 2015 buttandolo nel forno della loro fonderia ed è fuggito dopo il verdetto. Era scappato a bordo della sua Maserati Levante nera con la compagna Antonella Colossi, nota gallerista d'arte bresciana, e il figlio di 9 anni: i due hanno fatto rientro in Italia. Bozzoli invece, dopo 11 giorni di latitanza, è stato trovato mentre si nascondeva nella sua villa di Soiano (Brescia): era rannicchiato nel cassettone del letto matrimoniale, e stringeva tra le mani un borsello con dentro 50mila euro in contanti.

Chi è Giacomo Bozzoli e perché è stato condannato

Giacomo Bozzoli ha 39 anni ed è il nipote di Mario, titolare della fonderia di famiglia, che lì è stato ucciso la sera dell'8 ottobre 2015. Così è scattato l'allarme e i carabinieri hanno ricostruito che era stato ucciso, gettato nel forno dell'azienda. Ipotesi che è stata verificata con un esperimento: un maiale gettato nello stesso forno. L'uomo è stato condannato dalla Corte di Cassazione all'ergastolo. Dopo la lettura del dispositivo, i carabinieri si sono presentati nella sua abitazione ma non lo hanno trovato.

Perché Giacomo Bozzoli non è mai stato in carcere

Perché, nonostante le precedenti condanne all'ergastolo, in primo grado e in appello, il 39enne di Brescia era libero di girare oltre i confini dell'Italia? "Non sussisteva pericolo di fuga", per i magistrati. L'uomo, adesso, si dichiara innocente. "Non voleva certo consegnarsi alle autorità, è stato catturato", ha commentato il procuratore di Brescia Francesco Prete. "Altrimenti si sarebbe comportato diversamente. Non si sarebbe nascosto in casa camuffato da barba e baffi e con 50mila euro in contanti nel borsello".

Il legame con la compagna Antonella e con il figlio di 9 anni

Giacomo Bozzoli ha una relazione con la 42enne Antonella Colossi. Convivono dal 2012, ma non si sono mai sposati. Insieme hanno un figlio di 9 anni. Lei ha sempre creduto all'innocenza del compagno e inizialmente si è allontanata con lui per l'ultima vacanza insieme a Marbella, Spagna (dove i tre sono stati ripresi lo scorso 30 giugno, giorno prima della sentenza in tribunale) ma poi ha deciso di rientrare in Italia con il piccolo il 5 luglio, in circostanze ancora poco chiare.

Sarebbe stato proprio il desiderio di mettersi in contatto con il figlio a far commettere a Bozzoli il passo falso che l'ha incastrato, ovvero il passaggio dalla sua villa sul lago di Garda. "Il bambino è stato ascoltato fino alla serata di ieri, e stasera lo abbiamo preso. Se sia stata una coincidenza o meno lo vedremo presto", sono state le parole del procuratore di Brescia Francesco Prete. "Ha sentito il bisogno di riallacciare i rapporti con il figlio".

321 CONDIVISIONI
39 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views