26 CONDIVISIONI
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

Caso Eitan, concluso ricorso in Appello a Tel Aviv: fino al verdetto il piccolo rimarrà in Israele

Si è conclusa l’udienza in appello in Israele per il ricorso presentato dal nonno di Eitan, il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, dopo che il tribunale di Tel Aviv aveva dato ragione alla zia paterna, tutrice legale del bambino. Nei prossimi giorni dovrebbe arrivare il verdetto. Fino alla sentenza, il piccolo rimarrà in Israele.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Ilaria Quattrone
26 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

È terminata in Israele la seduta in Appello sul ricorso del nonno materno di Eitan, il piccolo sopravvissuto alla strage del Mottarone, contro la sentenza in primo grado del Tribunale di Tel Aviv che aveva dato ragione alla zia paterna Aya Biran, riconosciuta in Italia come tutrice del piccolo. Il verdetto dovrebbe nei prossimi giorni. Gli avvocati del nonno materno hanno affermato che l'udienza è stata molto significativa.

Durante l'udienza nessun riferimento al mandato di arresto internazionale

"I giudici hanno esaminato i documenti – spiega l'avvocato Ronen Dlayahu – soppesato i punti e io spero che sia emesso un verdetto che serva all'interesse del minore per gli anni a venire". Il legale di Peleg ha spiegato che sono stati discussi tutti i punti relativi a un possibile ritorno in Italia di Eitan. Durante l'udienza non si è fatto alcun riferimento al mandato di arresto, emesso in Italia, nei confronti di Shmuel Peleg. Per la Procura di Pavia, il nonno avrebbe messo in piedi un piano ben studiato per riportare il piccolo in Israele. Si sono discussi solo questioni civili legate alla Convenzione dell'Aja.

In attesa del verdetto, il piccolo rimarrà in Israele

Il portavoce della famiglia Peleg, Gadi Solomon, ha poi spiegato che il mandato non è – per il momento – arrivato né in Israele né agli avvocati in Italia. Questi ultimi avrebbero appreso la notizia dai media. Solomon ritiene possibile che la vicenda relativa all'affidamento del piccolo possa arrivare anche davanti alla Corte Suprema. Intanto, in attesa di sapere cosa ne sarà del piccolo, Eitan rimarrà in Israele. Anche oggi era presente come uditore il console italiano in Israele, Emanuele Oldani.

26 CONDIVISIONI
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni