25 Febbraio 2021
15:37

Caso Alberto Genovese, bocciata richiesta di scarcerazione: “Disprezza donne e può abusare ancora”

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Milano ha negato l’istanza di scarcerazione portata dagli avvocati difensori di Alberto Genovese, l’imprenditore che lo scorso novembre è stato arrestato a Milano con l’accusa di violenze, lesioni, sequestro di persona e droga nei confronti di una ragazza di 18 anni.
A cura di Ilaria Quattrone

Alberto Genovese ha "manifestato una spinta antisociale elevatissima ed un assoluto disprezzo per il valore della vita umana, soprattutto di quella delle donne": a scriverlo nella nuova ordinanza di arresto nei confronti dell'imprenditore portato a San Vittore lo scorso novembre a Milano con l'accusa di violenze sessuali, lesioni, sequestro di persona e droga, è il giudice per le indagini di Milano Tommaso Perna che oggi ha anche respinto l'istanza di scarcerazione presentata dagli avvocati difensori, che chiedevano per lui gli arresti domiciliari.

Il giudice nega anche la perizia

Per il giudice deve presumersi che se rimesso in libertà "compirebbe certamente reati della stessa indole". Per il gip infatti la sua personalità è "altamente pericolosa" considerato che avrebbe attuato "la medesima condotta" avuta con la 18enne, per la quale è scattato l'arresto, anche con la vittima di 23 anni che sarebbe stata abusata a Ibiza. In entrambi casi avrebbe somministrato ripetutamente delle droghe "in modo da ridurla ad uno stato di incoscienza totale ed a compiere atti sessuali senza la sua partecipazione emotiva e, conseguentemente, senza che lei potesse prestare il consenso". Stando a quanto riportato da Ansa, il giudice ha anche negato la perizia necessaria a valutare la compatibilità delle condizioni di Genovese con il carcere. Dagli atti degli psicologi di San Vittore è infatti emerso che l'imprenditore presenterebbe "un umore deflesso", ma non presenterebbe "patologie psichiatriche maggiori".

Le altre accuse di Genovese

Genovese è accusato anche di aver abusato di altre sei giovani ragazze. I presunti abusi sarebbero avvenuti durante altre feste organizzate a Milano e a Ibiza. Per uno di questi è accusata anche la sua ex fidanzata. A queste accuse, si aggiungono anche le indagini per intestazione fittizia di beni, frode e riciclaggio. Gli inquirenti stanno provando a ricostruire il quadro economico dell'imprenditore così da capire come riuscisse a mantenere il suo stile di vita.

Perché la condanna di Alberto Genovese non basta a dare giustizia alle vittime
Perché la condanna di Alberto Genovese non basta a dare giustizia alle vittime
Alberto Genovese condannato per stupro:
Alberto Genovese condannato per stupro: "Ancora non si è pentito di quello che ha fatto"
252.399 di Chiara Daffini
Alberto Genovese, l'ex re delle start up, condannato a 8 anni e 4 mesi per aver violentato due ragazze
Alberto Genovese, l'ex re delle start up, condannato a 8 anni e 4 mesi per aver violentato due ragazze
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni