286 CONDIVISIONI
Incidente stradale a Rezzato, morti cinque giovani
24 Gennaio 2022
10:21

Avviata una raccolta fondi per le famiglie dei cinque giovani morti nel tragico incidente di Rezzato

È stata avviata su gofundme.com una raccolta fondi a sostegno delle famiglie di Salah Natiq, Imad Natiq, Imad El Harram, Dennis Guerra e Irene Sala, i cinque giovani morti nell’incidente stradale di sabato sera a Rezzato.
A cura di Filippo M. Capra
286 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incidente stradale a Rezzato, morti cinque giovani

È stata avviata su gofundme.com una raccolta fondi a sostegno delle famiglie di Salah Natiq, Imad Natiq, Imad El Harram, Dennis Guerra e Irene Sala, i cinque giovani morti nell'incidente stradale di sabato sera a Rezzato, in provincia di Brescia. Tutti residenti in paesi della provincia, i cinque giovani stavano andando verso il capoluogo quando l'auto sulla quale viaggiavano si è scontrata frontalmente con un pullman senza lasciargli scampo. Nessuno di loro aveva la patente.

Avviata una raccolta fondi su gofundme.com in supporto alle famiglie

Come riportato da alcuni amici delle vittime sui social network, sulla piattaforma gofundme.com è stato dato il via alla raccolta fondi "al fine di poter sollevare anche solo poco il morale dei genitori e far qualcosa per non restare con le mani in mano". L'intento è anche quello di aiutare i nuclei famigliari dei ragazzi stranieri a portare le salme dei giovani in Marocco. Per il momento, sono stati raccolti oltre 3.500 euro su un obiettivo fissato a 7.000. Attualmente i corpi dei cinque giovanissimi si trovano alle Onoranze Funebri Aurora di Gavardo dopo che il magistrato di turno ha disposto la loro restituzione alle rispettive famiglie.

I cinque ragazzi provenivano tutti dal Bresciano

Tutti i ragazzi rimasti coinvolti nell'incidente vivevano in provincia di Brescia. Salah Natiq e il cugino Imad erano residenti a Vestone, Dennis Guerra viveva a Sabbio Chiese, Imad El Harram a Preseglie e Irene Sala, unica minorenne del gruppo in cui il più grande aveva 22 anni, viveva con la famiglia a Prevalle. Il sindaco di Sabbio Chiese, Onorio Luscia, ha rilasciato una nota scrivendo: "Non ci sono parole per descrivere il dolore causato da questa tremenda tragedia. A nome di tutta la Comunità, esprimo cordoglio e un abbraccio di profonda vicinanza alle famiglie delle giovani vittime".

286 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni