Conflitto in Ucraina
13 Giugno 2022
06:00
AGGIORNATO13 Giugno

Le notizie del 13 giugno sulla guerra in Ucraina

Le notizie del 13 giugno sulla guerra in Ucraina. Kiev annuncia che i russi hanno ripreso il controllo del centro di Severodonetsk, ponte distrutto e civili bloccati. Mosca: "Favorevoli alla mediazione del Vaticano". Zelensky: “L'obiettivo tattico chiave degli occupanti non è cambiato: i russi stanno premendo a Severodonetsk, dove continuano aspri combattimenti, letteralmente per ogni metro”. L'Ucraina crea 2 corridoi terrestri attraverso Polonia e Romania per esportare grano ed evitare una crisi alimentare globale. Erdogan annuncia che parlerà con Putin e Zelensky in settimana per discutere anche del "corridoio per il grano”. Von der Leyen invoca unità sulla candidatura di Kiev all'Ue.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina
13 Giugno
22:25

Filorussi: "Quattro civili uccisi a Donetsk dai raid di Kiev, anche un bambino"

I separatisti filo-russi hanno affermato che quattro persone, tra cui un bambino, sono state uccise e 22 sono rimaste ferite nei bombardamenti da parte dell'esercito ucraino su Donetsk, capitale dell'autoproclamata repubblica omonima. Secondo la nota dei separatisti, la città di Donetsk è stata sottoposta oggi a un "bombardamento massiccio di potenza, intensità e durata senza precedenti" dall'inizio dell'offensiva militare russa in Ucraina.

A cura di Davide Falcioni
13 Giugno
21:47

Zelensky: "Scholz sia più deciso nel sostenere l'Ucraina"

"Abbiamo bisogno da parte del cancelliere Olaf Scholz della certezza che la Germania sostenga l'Ucraina. Lui e il suo governo devono decidersi: non può esserci nessun tentativo di equilibrio tra l'Ucraina e le relazioni con la Russia". A dirlo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un'intervista alla tv tedesca Zdf. Zelensky ha chiarito che "le relazioni tra governo tedesco e ucraino non sono affatto cattive" ma ha detto che la Germania "è arrivata un po' più tardi rispetto ad alcuni paesi in termini di forniture di armi."

A cura di Davide Falcioni
13 Giugno
21:37

UE: "I corridoi di solidarietà sui cereali hanno iniziato a funzionare"

Sul tema della sicurezza alimentare e l'import di cereali dall'Ucraina "fortunatamente il funzionamento del mercato europeo non è direttamente minacciato. Il problema interessa i paesi terzi ma i corridoi di solidarietà hanno iniziato a funzionare". A dirlo il commissario europeo all'agricoltura Janusz Wojciechowski al termine del consiglio Ue a Lussemburgo.

A cura di Davide Falcioni
13 Giugno
20:51

Separatisti del Donetsk chiedono rinforzi a Mosca

Il leader dell'autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, ha dichiarato che chiederà rinforzi alla Russia per contrastare l'attacco delle forze ucraine al capoluogo separatista. "Stanno venendo utilizzati metodi di guerriglia proibiti, e stanno bombardando sobborghi di pendolari", ha accusato Pushilin, "tutte le forze necessarie, comprese quelle alleate, comprese le forze della Federazione Russia, saranno coinvolte allo scopo di contrastare il nemico".

A cura di Antonio Palma
13 Giugno
20:07

Kiev: perso un quarto delle terre coltivabili

L'Ucraina ha perso un quarto delle sue terre coltivabili per l'occupazione russa di territori nel sud e nell'est del Paese. Lo ha annunciato il Ministero ucraino dell'Agricoltura, aggiungendo tuttavia che ciò non rappresenta "una minaccia per la sicurezza alimentare". "Malgrado la perdita del 25% delle terre coltivabili, la struttura delle colture seminate quest'anno è più che sufficiente per assicurare il consumo" della popolazione ucraina, ha affermato il vice ministro dell'Agricoltura, Taras Vysotskii, in una conferenza stampa.

A cura di Antonio Palma
13 Giugno
19:36

Podolyak: "Russia ha superato linea rossa, negoziati possibili solo a parità di armi"

"Mentre il signor Kissinger propone di nutrire il coccodrillo con la gamba destra, così dimentica la fame, Hillary Clinton sembra ragionevole. La Russia ha superato tutte le linee rosse. I negoziati sono possibili solo da una posizione forte, che richiede la parità di armi. Semplicemente non c'è altro modo". Ad affermarlo su twitter è il consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Mykhailo Podolyak commentando le dichiarazioni rilasciate sabato dall'ex segretaria di Stato degli Stati Uniti alla radio francese ‘France Culture'. "Putin ha superato la linea rossa da tanto tempo", aveva affermato Clinton sabato.

A cura di Antonio Palma
13 Giugno
18:59

Kiev: "Armi non arrivano veloci come dovrebbero"

"I rifornimenti militari dall'Occidente all'Ucraina non stanno arrivando "così rapidamente come dovrebbero". Lo ha dichiarato alla Bbc il consigliere del ministro della Difesa ucraino, Yuriy Sak, precisando tuttavia che il suo governo è grato per le armi che ha ricevuto finora dai Paesi occidentali. "Siamo un po' preoccupati, non c'è una comprensione sufficiente del livello della minaccia che stiamo affrontando e che l'Europa sta affrontando", ha proseguito Sak, parlando quindi della situazione a Severodonetsk, nella regione orientale del Donbass. L'esercito ucraino, ha affermato, continua a proteggere la città "con quello che può", ma sarebbe stato "molto più efficiente nel respingere il nemico e nel liberare la terra ucraina se avesse ricevuto più armi pesanti". Il vantaggio della Russia dal punto di vista militare, ha aggiunto, è schiacciante. "In media, sparano circa 50mila colpi al giorno, significa letteralmente una raffica di colpi di mortaio, bombardamenti aerei, attacchi missilistici" e "al momento non c'è nemmeno una città ucraina che non sia nella zona a rischio. Proprio oggi c'è stato un attacco missilistico in una delle città della regione di Chernihiv, che non si trova nell'est dell'Ucraina", ha concluso.

A cura di Antonio Palma
13 Giugno
18:29

Ucraina, Draghi: opporsi a uso politico dell'odio  

"In momenti di crisi, di incertezza, di guerra, come quello che stiamo vivendo, è ancora più importante opporsi con fermezza all'uso politico dell'odio. Dobbiamo promuovere la tolleranza, il rispetto reciproco, l'amore per il prossimo: questi sono i veri ingredienti di una pace duratura.  La storia della vostra comunità è un esempio a cui guardare con orgoglio". Lo ha detto il premier Mario Draghi al Tempio italiano di Gerusalemme durante la sua visita in Israele.

A cura di Antonio Palma
13 Giugno
18:13

Stoltenberg: "Svezia e Finlandia nella Nato al più presto possibile"

Svezia e Finlandia otterranno il via libera per aderire alla Nato "il più presto possibile. È per questo che stiamo lavorando duramente. Ma, visto che ci sono diversi Paesi coinvolti nei colloqui, non c'è modo di dire esattamente quando potremo risolvere la questione e trovare un modo per procedere". Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, rispondendo ad una domanda oggi a Stoccolma, in una conferenza stampa congiunta con la prima ministra svedese Magdalena Andersson, secondo la trascrizione diffusa dall'Alleanza.

A cura di Antonio Palma
13 Giugno
17:24

Media russi: forze Kiev stanno bombardando Donetsk

Le truppe ucraine stanno bombardando Donetsk, dove si sentono esplosioni dal centro della citta'. Lo riferisce Ria Novosti, dopo che oggi le milizie separatiste filorusse avevano denunciato un altro attacco, a loro dire, sferrato delle Forze di Kiev, contro il mercato Maysky nel distretto Budyonnovsky sempre a Donetsk. Secondo i separatisti, nell'attacco al mercato sono morte tre persone, tra cui un bambino e altre 18 sono rimaste ferite.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
16:55

Kherson: "Agricoltori costretti a cedere prodotti sottocosto o gratis"

Nella regione di Kherson, a Nova Kakhovka e Beryslav, gli occupanti russi obbligano gli agricoltori locali a consegnare il 70% del raccolto ad acquirenti della Crimea a prezzi di acquisto all’ingrosso che a volte sono 10 volte più bassi rispetto al prezzo al dettaglio. Secondo media locali, «in alcuni casi gli agricoltori consegnano gratuitamente i propri prodotti, come fragole e ciliegie».

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
16:28

Kiev: oltre 22 mila persone uccise a Mariupol, 50 mila deportati in Russia

Oltre 22.000 persone sarebbero state uccise a Mariupol. A riferirlo, secondo quanto riporta ‘The Kyiv Independent', è l'amministrazione dell'oblast di Donetsk. Secondo i dati preliminari, più di 50.000 persone sono state deportate con la forza da Mariupol in Russia e nei territori occupati dai russi dell'Oblast' di Donetsk.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
16:02

Kiev, esercito ucraino riconquista posizioni nel Donetsk

L'esercito ucraino ha riconquistato tre villaggi nella regione di Donetsk spostando la linea del fronte di 15 chilometri, riporta Ukrinform citando le Forze armate di Kiev. "In alcune aree del Donbass, le Forze armate ucraine non solo si stanno difendendo, ma stanno anche avanzando gradualmente. I nostri soldati hanno liberato tre villaggi nella regione di Donetsk e spostato la linea del fronte di 15 chilometri", ha affermato lo Stato maggiore.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
15:43

Missili russi colpiscono la città di Pryluky a nord 

Tre missili russi sono stati lanciati sulla città di Pryluky nel nord dell'Ucraina. Lo ha riferito su Telegram il capo dell'amministrazione regionale di Chernihiv, Vyacheslav Chaus. Lo scrive il Guardian. "Forniremo ulteriori dettagli non appena li avremo", ha precisato il governatore, facendo riferimento a eventuali danni o vittime.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
15:25

"I russi controllano il centro di Severodonetsk"

A Severodonetsk il nemico controlla il centro della città e ha il vantaggio dell’artiglieria. Lo fa sapere Motusyanyk, portavoce del ministero della Difesa.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
15:09

Evacuazione in corso nei villaggi vicino Priluky

Nei quattro villaggi vicino a Priluky è stata annunciata l'evacuazione. Si tratta di Zaizd, Petrivske, Tykhe e Sukhostavets. A causa degli attacchi, c'è il rischio che si estendano gli incendi. Lo comunica il Dipartimento della protezione civile e del lavoro di difesa della regione di Chernihiv.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
14:58

Minsk: “200 bielorussi combattono con forze Kiev”

Il governo in Bielorussia ha ammesso che "circa 200 bielorussi stanno combattendo al fianco delle forze nazionaliste" in Ucraina. "Sono così tanti gli ultras del calcio e i partecipanti alle proteste del 2020 ad aver commesso reati di varia natura e che sono riusciti a sfuggire alla legge", ha commentato il vice ministro degli Interni a Minsk, Gennady Kazakevich.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
14:42

Filorussi: "A Severodonetsk gli ucraini possono arrendersi o morire"

Le truppe ucraine che ancora combattono a Severodonetsk, città assediata dai russi nel Donbass, possono "arrendersi o morire". Lo ha affermato il portavoce militare dei separatisti filo-russi della regione di Donetsk, Eduard Basurin, citato da Sky News. Il militare ha sottolineando che le truppe ucraine non potranno lasciare la città dopo che l'ultimo ponte che la collegava a Lysychansk è stato distrutto. "Le divisioni ucraine che sono lì vi rimarranno per sempre", ha aggiunto, sostenendo che "non hanno altra scelta" se non quella di "arrendersi o morire".

A cura di Davide Falcioni
13 Giugno
14:23

Kiev: "Nello stabilimento Azot a Severodonetsk 500 civili, almeno 30 sono bambini"

Nel polo industriale dell'Azot a Severodonetsk, oramai circondato dalle forze russe, sono intrappolati anche 500 civili, fra cui 30 bambini, ha denunciato il responsabile dell'amministrazione militare della regione di Luhansk, Serhiy Haidai. "Stiamo cercando di organizzare la loro evacuazione dal sito", ha aggiunto, spiegando che l'impianto è "bombardato senza sosta dai russi".

A cura di Davide Falcioni
13 Giugno
14:00

Capo Polizia ucraina: "In attacchi a corridoi umanitari 30 morti tra cui 5 bambini"

"Abbiamo più di 80 procedimenti penali in corso in merito alla violazione del funzionamento dei corridoi umanitari. Sono stati registrati più di 500 spari in direzione dei corridoi di evacuazione. Durante questi attacchi sono morte più di 30 persone tra cui 5 bambini. E questi sono soltanto i dati ufficiali disponibili". Ad affermarlo a Interfax è il Capo della polizia nazionale Ihor Klymenko.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
13:51

Criticò guerra, Putin solleva dall'incarico l'ex procuratrice Crimea

Cade un'altra testa ai vertici dello Stato russo: la ex procuratrice della Crimea Natalya Poklonskaya – che nel 2014 aveva promosso con forza l'annessione alla Russia – è stata "sollevata" dall'incarico di vicedirettore dell'Agenzia federale per gli Affari della Comunità degli Stati indipendenti, i connazionali all'estero e la cooperazione umanitaria internazionale. Come riportano le agenzie russe, il suo allontanamento è stato firmato con un decreto dal presidente Vladimir Putin. Poklonskaya – ucraina naturalizzata russa e che ha detto di avere già un altro incarico – era stata eletta nel 2016 in Parlamento con il partito di governo Russia Unita. In un'intervista, poche settimane dopo l'invasione russa dell'Ucraina, aveva parlato di "tragedia" per entrambi i Paesi in guerra e non ha mai fatto propria la retorica bellicista adottata da altri colleghi sia in Parlamento che fuori.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
13:31

Il ministro Speranza: "Serve Recovery per superare effetti economici e sociali"

La guerra in Ucraina "non è uno scherzo, il Recovery come linea di risposta al Covid forse dovrebbe essere guardato anche per la guerra. Gli effetti economici e sociali non sono poca roba. E' la mia opinione come membro del Governo". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, nel suo intervento agli Stati generali della salute in Toscana.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
13:21

A Kherson è iniziata la distribuzione di passaporti russi

Le autorità collaborazioniste insediate dalle forze militari russe a Kherson occupata hanno iniziato a distribuire i passaporti russi. Sabato sono stati consegnati i primi 23 documenti ad altrettanti residenti della città del sud est dell'Ucraina, rende noto oggi l'agenzia Tass. I passaporti sono stati concessi in tempi record, grazie a una "procedura semplificata" resa possibile da un decreto firmato da Vladimir Putin il mese scorso.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
13:12

Media tedeschi, Scholz sarà a Kiev giovedì con Draghi e Macron

Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, dovrebbe recarsi a Kiev giovedì prossimo. È quello che scrive Business Insider in Germania. Il portavoce del cancelliere, oggi in conferenza stampa a Berlino, ha anticipato tutte le domande circa la missione che Scholz dovrebbe compiere con Mario Draghi e Emmanuel Macron, affermando di non poter al momento ancora fornire alcuna informazione a riguardo. Della pianificazione del viaggio ha scritto ieri la Bild am Sonntag. A Kiev sarebbe in programma un incontro con il presidente Volodymyr Zelensky, ma non sarebbe prevista alcuna altra visita.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
13:06

Papa Francesco a delegazione Kiev: "Ginocchio ostacolo al viaggio in Ucraina" 

Papa Francesco ha incontrato una delegazione ucraina negli scorsi giorni e ha confermato la volontà di andare a Kiev. A dare notizia dell'incontro, che si è svolto l'8 giugno, è il portale di informazione religiosa ucraina Risu. Ad organizzare l'incontro è stato un amico del Papa argentino che ha invitato due suoi amici: Yevhen Yakushev di Mariupol, Denys Kolyada, consulente per il dialogo con le organizzazioni religiose, e il vice-rettore dell'Università Cattolica Ucraina. Sulla possibilità di una visita del Papa in Ucraina, Francesco avrebbe "più volte sottolineato di voler fare questo. I suoi problemi al ginocchio sono l'ostacolo maggiore e i medici lo sconsigliano vivamente di viaggiare", scrive il portale che dà notizia dell'incontro. "Tuttavia, se un viaggio in Ucraina diventerà tecnicamente possibile, Papa Francesco vuole venire a Kiev e non al confine con l'Ucraina, come alcuni consiglierebbero", si legge ancora nel resoconto.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
12:38

Consigliere Zelensky: "Per porre fine alla guerra serve parità di armi pesanti"

Per porre fine alla guerra l’Ucraina ha bisogno di parità di armi pesanti con la Russia. Lo ha dichiarato su Twitter il consigliere del capo dell’Ufficio del Presidente ucraino Mykhailo Podolyak, indicando il tipo di armamenti necessari. E ha aggiunto che la decisione sul numero di armi che l’Occidente invierà è attesa per mercoledì, quando i ministri della Difesa di tutto il mondo si incontreranno presso la sede della Nato a Bruxelles.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
12:24

L’ammiraglio Di Paola a Fanpage.it: “Putin pronto a trattare se prende il controllo del Donbass”

L’intervista di Fanpage.it all’ammiraglio Di Paola, già ministro della Difesa, sulla guerra in Ucraina: “Se i russi prendono Severodonetsk e poi il Donbass Putin potrebbe essere pronto a trattare o potrebbe tentare uno sfondamento a Sud, verso Odessa. Fantascienza la possibilità di un attacco dalle navi russe nel Mediterraneo. Crisi del grano? Servono a Kiev maggiori garanzie internazionali”.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
11:39

Secondo l'Ucraina 18mila tonnellate di mais sono già in Spagna via Polonia

Ha appena raggiunto il porto di La Coruña, nel nord-ovest della Spagna, una nave da trasporto con un carico di 18mila tonnellate di mais provenienti dall'Ucraina: lo riporta l'agenzia di stampa Efe. Il carico, trasportato dalla nave Alppila, è giunto in Galizia dopo un viaggio via terra dall'Ucraina fino al porto polacco di Świnoujście, poi via mare con scalo intermedio a Brunsbüttel, in Germania: si tratta di una delle rotte alternative ideate per evitare il blocco russo nel Mar Nero. La merce sarà scaricata durante la giornata di oggi.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
11:16

Yacht del magnate Abramovich "in fuga" per evitare sanzioni

Il magnate russo Roman Abramovich è stato costretto nuovamente a spostare i suoi due mega yacht nei porti del sud della Turchia, in una continuo gioco del gatto e del topo per evitare le sanzioni con cui i Paesi occidentali hanno colpito la Russia e di conseguenza i capitali dell'ex patron del Chelsea in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Una mossa che ha finito con lo scatenare reazioni a livello internazionale poiché il più grande dei due, ‘Eclipse', del valore di 1 miliardo di dollari è rimasto nei primi mesi del conflitto ancorato a Mugla, in provincia di Marmaris non lontano da dove è ancorato ‘My Solaris', del valore di 780 milioni di dollari. Entrambi sono registrati alle Maldive. Tuttavia il fatto che My Solaris fosse rimasto nel ‘Cruise Port' di Bodrum, nota località marittima turca ha attirato le attenzioni di avvocati inglesi, che hanno notato che il ‘Cruise Port' è quotato nel mercato azionario londinese. Notizia subito trapelata sui media inglesi, su cui si è fatta avanti l'ipotesi di una violazione delle sanzioni da parte della Gran Bretagna. Una situazione che ha spinto il magnate russo a muovere ancora i suoi due yacht, che hanno lasciato i porti in cui erano ancorati da marzo e hanno fatto rotta vero la località di Gocek, rimanendo ancorati al largo.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
11:09

Sindaco Kiev: "Putin deve andarsene o sparire"

"Putin ha distrutto la vita di milioni di persone. Lui ha iniziato una guerra e lui può concluderla. Ci sono molte speculazioni, sul fatto ad esempio che Putin abbia iniziato la guerra perché sarebbe malato, e non avrebbe più molto da vivere. Ma io non ho informazioni su questo". Lo dice il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, in un'intervista alla Bild, rilasciata insieme al fratello. "Milioni di persone, la cui vita è stata distrutta da Putin, hanno un enorme auspicio: Putin se ne deve andare o sparire. Oppure il buon Dio deve richiamarlo a sé", ha aggiunto.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
10:49

Di Maio: "Catastrofe alimentare senza precedenti se non si ferma guerra grano"

"Non possiamo permettere che a una guerra che sta già causando la morte di centinaia di bambini innocenti, già quasi trecento quelli morti in Ucraina, si sommino altre vittime, altri bambini morti per una guerra del grano che andrebbe a determinare una catastrofe alimentare senza precedenti". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio da Addis Abeba, sottolineando che "l'Italia è in prima linea" e "continuerà a impegnarsi" per mettere fine alla guerra del grano.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
10:23

Zelensky: "Russi possono perdere 40mila truppe entro giugno"

La Russia può tagliare il traguardo delle 40.000 truppe perse già a giugno. «In nessun’altra guerra in molti decenni hanno perso così tanto». Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video notturno, riportato dalla Bbc, accusando i generali russi di considerare il loro popolo come “carne da cannone”.

A cura di Biagio Chiariello
13 Giugno
09:42

Governatore Sumy: "Stamattina oltre 30 attacchi con lanciamine da territorio russo"

"Stamattina abbiamo avuto oltre 30 attacchi con lanciamine provenienti dal territorio russo, che hanno colpito il villaggio di Esmansk". Lo ha reso noto su Telegram il governatore della regione di Sumy Dmytro Zhyvytskyy, secondo cui, "stando alle prime notizie, gli attacchi non avrebbero provocato vittime".

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
09:32

Russia: "Bene mediazione Vaticano per fine conflitto"

La Russia accoglie con favore gli sforzi di mediazione del Vaticano per mettere fine al conflitto in Ucraina. Lo ha dichiarato il direttore del Primo dipartimento europeo del ministero degli Esteri russo, Alexei Paramonov, citato dai media russi.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
09:01

Peskov: "Priorità Putin è migliorare vita russi"

Lo sviluppo della Russia e il miglioramento del tenore di vita dei cittadini russi sono le priorità del presidente russo Vladimir Putin. Parola del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, che in un'intervista alla Tass alla vigilia del Forum economico internazionale di San Pietroburgo ha evitato di anticipare nuove misure sulle sfera economia e sociale che Putin potrebbe annunciare. "Aspettiamo il discorso", ha detto.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
08:54

Mosca: "Dialogo aperto e riservato con Vaticano"

Mosca accoglie con favore gli sforzi di mediazione del Vaticano nella guerra in Ucraina e mantiene con la Santa Sede un dialogo "aperto, riservato" e fiducioso su una serie di argomenti: lo ha detto all'agenzia russa Ria Novosti Alexei Paramonov, direttore del Primo Dipartimento europeo del ministero degli Esteri russo. "La dirigenza vaticana ha ripetutamente dichiarato la propria disponibilità a fornire ogni possibile assistenza per raggiungere la pace e porre fine alle ostilità in Ucraina".

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
08:50

 Di Maio: "Non tollerabili attacchi a media italiani"

"Qualsiasi provocazione rivolta ai media italiani, con l'intento di screditare il nostro Paese, è da rispedire al mittente". Lo spiega il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in una lettera in un cui esprime la sua solidarietà al quotidiano La Stampa e al suo giornalista Jacopo Iacoboni, per le minacce russe ricevute. La lettera del ministro è pubblicata sulla prima pagina del quotidiano.  "Caro direttore, La Stampa sta informando il Paese e sta raccontando, anche con giornalisti sul campo che rischiano la vita, le atrocità di una guerra che Putin sta portando avanti senza scrupoli – scrive Di Maio -. La Stampa sta descrivendo, senza censure e senza storture, le crudeltà commesse dall'esercito russo in Ucraina. Questa è libertà, questa è democrazia. Questo è giornalismo".

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
08:21

Cosa si intende per guerra elettronica e cosa c’entra con l’offensiva russa in Donbass

La guerra tra Russia e Ucraina è sempre più “elettronica”: con l’offensiva in Donbass, è aumentata da parte di Mosca questa attività che “crea interferenze ovunque possa e ostacola la resistenza di Kiev”.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
08:09

Procura generale ucraina: "288 bambini uccisi e 527 feriti da inizio conflitto"

Almeno 288 bambini sono rimasti uccisi e 527 feriti dall'inizio del conflitto militare in Ucraina. Lo ha affermato questa mattina la Procura generale ucraina nel suo aggiornamento quotidiano, precisando che si tratta di cifre provvisorie in quanto sono in corso accertamenti nelle regioni attualmente interessate dalle ostilità. La regione dove si registra il maggior numero di
decessi è quella di Donetsk, con 218 bambini morti o feriti, seguita da quella di Kharkiv, con 166. Inoltre, a causa dei massicci bombardamenti da parte delle Forze armate russe, 1.971 istituzioni educative sono state danneggiate, 194 delle quali completamente distrutte.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
08:03

Kiev annuncia: "Russi riprendono il centro di Severodonetsk"

"I russi, con il supporto dell'artiglieria, hanno preso d'assalto Severodonetsk e hanno spinto le nostre unità fuori dal centro della città". Lo ha scritto su Facebook lo Stato Maggiore Generale delle Forze Armate ucraine, aggiungendo che "il nemico ha anche sparato con l'artiglieria contro le nostre posizioni nei distretti di Lysychansk, Severodonetsk e Toshkivka, e ha attaccato nelle direzioni di Volyn, Polissya e Seversky senza risultati significativi. Gli occupanti russi hanno sparato artiglieria e mortai contro le nostre posizioni nell'area di Hrynivka, nella regione di Chernihiv".

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
08:00

Usa: "Putin ha armato il grano, lavoriamo per sblocco porti"

Il coordinatore per le comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha dichiarato alla Cnn che il presidente russo Vladimir Putin "ha assolutamente armato il cibo" durante la sua invasione dell'Ucraina. Kirby ha affermato che l'amministrazione del presidente Joe Biden e le nazioni partner stanno lavorando per superare il blocco delle esportazioni che sta causando una carenza alimentare globale. "Ha assolutamente armato il cibo. Putin ha armato il cibo e stiamo lavorando duramente con la comunità internazionale e le Nazioni Unite per trovare il modo di portare quel grano fuori da lì e sul mercato a cui appartiene", ha detto Kirby, riconoscendo che il blocco delle esportazioni "avrà un impatto mondiale".

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
07:45

I russi hanno distrutto ponte che garantiva l'uscita da Severodonetsk

La Russia ha distrutto un ponte che collega Severodonetsk alla sua città gemella, Lysychansk, di fatto tagliando una possibile via di evacuazione dei civili. In realtà l'esplosione del ponte Proletarski, da un lato impedisce l'approvvigionamento dei difensori dell'impianto di Azot, dall'altro ostacola l'avanzata russa verso Lysychansk. Nella foto diffusa sia dai filo-russi che dall'agenzia ucraina Unian si possono vedere il ponte crollato e diversi carri armati e veicoli blindati distrutti su ogni lato. Il governatore del Lugansk Serhiy Gaidai ha confermato l'esplosione del ponte, ipotizzando che e' probabile che le truppe russe intensificheranno i loro attacchi per prendere la città già da oggi.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
07:22

Ancora 500 civili all’interno dello stabilimento Azot a Severodonetsk

Sono ancora circa 500 i civili che rimangono all’interno dell’impianto chimico Azot a Severodonetsk, secondo le autorità locali citate dal Kyiv Independent. Il governatore dell’oblast ucraino estremorientale di Lugansk, Serhiy Haidai, spiega che tra queste persone ci sono circa 40 bambini.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
07:14

Amnesty International: "Abbiamo le prove dei crimini di guerra dei russi"

Amnesty International accusa la Russia di crimini di guerra in Ucraina, affermando che centinaia di civili sono morti a Kharkiv in attacchi effettuati con bombe a grappolo. L’Ong per i diritti umani afferma di aver trovato prove che dimostrano che in almeno sette attacchi ai quartieri della seconda città più grande dell’Ucraina nordorientale le forze russe hanno utilizzato bombe di tipo 9N210 e 9N235 e mine a frammentazione, due categorie di armi vietate dai trattati internazionali. In un ultimo rapporto intitolato Chiunque può morire in qualsiasi momento, Amnesty spiega come le forze russe abbiano ucciso e causato immensi danni bombardando incessantemente le aree residenziali di Kharkiv dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio. "Le persone sono state uccise nelle loro case e nelle strade, nei campi da gioco e nei cimiteri, mentre aspettavano in fila per gli aiuti umanitari o facevano la spesa per cibo e medicine", afferma Donatella Rovera, ricercatrice su crisi e conflitti presso Amnesty. "L’uso ripetuto di munizioni a grappolo ampiamente vietate è scioccante e dimostra un completo disprezzo per le vite dei civili", aggiunge. Sebbene la Russia non sia firmataria né della Convenzione sulle munizioni a grappolo né di quella sulle mine antiuomo, il diritto umanitario internazionale – sottolinea Amnesty – vieta gli attacchi e l’uso di armi che per loro natura colpiscono indiscriminatamente e costituiscono un crimine di guerra.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
07:11

Zelensky: "Ucraina ha bisogno di moderni sistemi difesa missilistica"

"L'Ucraina ha bisogno di moderni sistemi di difesa missilistica". Così il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, stando a quanto riporta Kyiv Independent. "Dal 24 febbraio, 2.606 missili da crociera russi hanno colpito l'Ucraina. Queste sono vite che potrebbero essere salvate, queste sono tragedie che avrebbero potuto essere evitate se l'Ucraina fosse stata ascoltata", ha detto nel suo discorso video. Zelensky sottolinea che l'obiettivo tattico chiave delle truppe russe non è cambiato: stanno premendo a Severodonetsk, dove ci sono battaglie molto feroci, oltre a premere in direzione di Lysychansk, Bakhmut, Slavyansk. "L'esercito russo sta cercando di schierare forze di riserva nel Donbass. Ma quali riserve possono avere adesso? Sembra che cercheranno di lanciare in battaglia con elementi poco addestrati.I russi non hanno perso così tanto in nessun'altra guerra", ha detto.

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
07:08

Kiev: "Sta per scattare massiccio attacco contro Severodonetsk"

"La Russia vuole isolare completamente Severodonetsk e temiamo un massiccio attacco per prendere la città entro 48 ore". A dirlo è il governatore della regione di Lugansk, Serguii Gaidai. "La situazione a Severodonetsk è estremamente difficile. Il nemico ha concentrato la maggior parte dei suoi sforzi nella regione settentrionale di Lugansk", dove "usa l'artiglieria su larga scala e, sfortunatamente, ha un vantaggio di 10 a uno", ha aggiunto su Facebook Valeri Zalouzhny, il comandante capo dell'esercito ucraino. "Continuiamo a mantenere le nostre posizioni", ha comunque assicurato, affermando che "ogni metro di terra ucraina è coperto di sangue, ma non solo il nostro".

A cura di Ida Artiaco
13 Giugno
06:58

Guerra Ucraina, Zelensky: “Aspre battaglie a Severodonetsk, russi premono per ogni metro”

"L'obiettivo tattico chiave degli occupanti non è cambiato: i russi stanno premendo a Severodonetsk, dove continuano aspri combattimenti, letteralmente per ogni metro". Così Zelensky in un video dove riferisce anche di pressioni dell’esercito di Mosca in direzione di di Lysychansk, Bakhmut e Slavyansk.

A cura di Susanna Picone
13 Giugno
06:40

Russia, a Mosca primo fast food simil McDonalds

A Mosca apre il primo locale simil-McDonalds: un fast food identico a quello americano, ma in versione russa. Si chiama “Delizioso e basta”. File a Mosca per entrare nel primo ristorante.

A cura di Susanna Picone
13 Giugno
06:19

Crisi del grano, Erdogan risentirà Putin e Zelensky

La crisi del grano, bloccato in Ucraina, sarà di nuovo al centro di contatti tra Ankara, che da settimane si è proposta come mediatore, Mosca e Kiev. Erdogan è pronto a risentire Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky "per affrontare la questione", dopo il fallimento a Istanbul dell'incontro con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov. "I negoziati sono in corso" e "discuteremo quali passi si potranno fare", ha detto Erdogan, annunciando di volerli chiamare a stretto giro.

A cura di Susanna Picone
13 Giugno
06:02

Russia-Ucraina, le news di oggi 13 giugno sulla guerra

È il 110esimo giorno di guerra in Ucraina. A Severodonetsk civili in fuga dalla fabbrica Azot dopo un incendio. Zelensky: “L'obiettivo tattico chiave degli occupanti non è cambiato: i russi stanno premendo a Severodonetsk, dove continuano aspri combattimenti, letteralmente per ogni metro”. L'Ucraina crea 2 corridoi terrestri attraverso Polonia e Romania per esportare grano e il presidente turco Erdogan annuncia che parlerà con Putin e Zelensky in settimana per discutere anche del "corridoio per il grano”. Von der Leyen invoca unità sulla candidatura di Kiev all'Ue.

A cura di Susanna Picone
2567 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni