in evidenza 25 febbraio 19:35 Sardegna, neo governatore Solinas: “14 punti di vantaggio sono dato incontrovertibile”

Il neo governatore della Sardegna Christian Solinas, sostenuto dal centrodestra, commenta la vittoria, con oltre il 47% dei consensi: "È una bella responsabilità. Ne sento l'onore e l'onere. Ringrazio i sardi per la fiducia alla coalizione di centrodestra ed al progetto di governo che abbiamo presentato loro – aggiunge – il mio primo pensiero va alla gente comune".

"I quattordici punti di vantaggio sono un dato incontrovertibile". Il rappresentante della coalizione di centrodestra ha fatto accenno anche ai "sacerdoti del testa a testa" riferendosi agli exit poll, sui cui ci sono state polemiche, per le anticipazioni diffuse ieri sera, che non sono state confermate dallo spoglio di oggi. Solinas annuncia che convocherà subito un tavolo di filiera sul prezzo del latte.

E ancora: "Girando la Sardegna in lungo e in largo ho incontrato tantissime persone, riscontrando la netta percezione di voglia di cambiamento e i sardi ci hanno premiato. Il mio primo pensiero va alla gente comune, ai sardi che quotidianamente gioiscono e soffrono. Il centrodestra unito rappresenta una formula politica vincente con le forze autonomiste e sardiste".

25 febbraio 18:57 Elezioni Sardegna, Berlusconi: “Tonfo 5S dimostra che gli italiani stanno rinsavendo”

"Il tonfo dei Cinque Stelle in Sardegna, dopo quello in Abruzzo, dimostra che gli italiani stanno rinsavendo, stanno riaprendo gli occhi. E che il futuro è del centrodestra unito". Così ha commentato Silvio Berlusconi il voto di ieri sull'isola, convinto che il voto  abbia ridimensionato la Lega di Salvini, che non sarebbe quindi autosufficiente. Ai suoi il Cavaliere dice di concentrarsi sulla Basilicata, dove il candidato del centrodestra alle regionali di fine marzo è di Forza Italia.

"Il centrodestra si conferma anche in Sardegna la maggioranza naturale degli italiani che in tutte le tornate elettorali regionali dopo il 5 marzo 2018 hanno premiato l'unità della coalizione. In questo ambito si è confermata essenziale la funzione di Forza Italia che anche in Sardegna ha dato vita a liste civiche con suoi esponenti che naturalmente sul piano politico vanno sommate ai voti di Forza Italia", ha sottolineato Berlusconi in una nota.

25 febbraio 18:43 Elezioni Sardegna, Zedda: “Abbiamo superato M5S, la prossima volta supereremo anche cdx”

"Il risultato dà la vittoria al centrodestra. Ho provato a chiamare Christian Solinas e gli ho già mandato un messaggio per augurargli buon lavoro". Così Massimo Zedda in conferenza stampa commenta la sua sconfitta alle elezioni regionali in Sardegna, dove è arrivato secondo, dopo il neo governatore Christian Solinas. Secondo il candidato del centrosinistra, che ha incassato il 33,3%, questo risultato è andato oltre le aspettative: "I dati ci dicono che siamo andati ben oltre le aspettative di quel 18-20 per cento iniziale".

"Siamo passati dal rischio di essere quarti al secondo posto – aggiunge – Abbiamo superato il Movimento 5 Stelle, la prossima volta supereremo anche il centrodestra". Nel capoluogo Zedda governa come sindaco: "Sulla città di Cagliari siamo davanti di tre punti percentuali. Un buon dato", sottolinea.

"A settembre – ricorda il candidato governatore – la situazione era drammatica. Io mi sono messo a disposizione: facile accettare incarichi quando la strada è in discesa, bisogna anche sapersi mettere in gioco nei momenti difficilissimi come questo. Su 109mila voti di liste, 71mila sono stati presi da me e dalle mie liste. È un risultato che va in controtendenza".

25 febbraio 18:20 Elezioni Sardegna, Francesco Desogus (M5S): “Risultato non era quello delle aspettative”

"È un risultato netto e chiaro e per M5s non è quello delle aspettative, ma vorrei chiarire che non ero già convinto di perdere: sapevo già che sarebbe stata una partita molto difficile". Sono le prima parole di Francesco Desogus, candidato governatore per il Movimento 5 stelle. I dati, sebbene non siano definitivi, indicano chiaramente la vittoria del candidato di centrodestra Christian Solinas, avanti con oltre il 47%. Sono 933 su 1.840 le sezioni scrutinate, il 50,7% di quelle complessive. Al secondo posto Massimo Zedda (Centrosinistra) al 33,71%, mentre il pentastellato Desogus ottiene solo il 11,29%.

"Se teniamo conto del fatto che in Consiglio regionale non c'era neanche un rappresentante del Movimento Cinquestelle, questo risultato mi soddisfa assolutamente – prosegue Desogus – anche perché siamo una Regione a Statuto speciale ed avere rappresentanti M5S è molto importante".

"Mi sono ritrovato scelto dalla base e non imposto da nessuno a sostituire Mario Puddu (l'ex sindaco di Assemini che ha rinunciato dopo le regionarie perché condannato in primo grado per abuso d'ufficio, ndr) L'ho fatto con il massimo impegno, tenendo conto che mi dovevo inventare anche in un ruolo politico e ho cercato di svolgerlo con il massimo impegno".

25 febbraio 17:59 Elezioni Sardegna, Giorgia Meloni: “Tracollo dei 5Stelle, si avvicina la fine del governo”

"Dopo questo nuovo tracollo dei Cinque Stelle mi sembra che la fine del governo si stia avvicinando". A dirlo è Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, mentre in Sardegna si avvia ormai verso la vittoria il candidato di centrodestra Christian Solinas, con il 47% delle preferenze, distanziando di 14 punti il candidato di centrosinistra Zedda. Sono state scrutinate 746 sezioni su 1840 per quanto riguarda le liste e le coalizioni, e il centrodestra è avanti con il 51,98%, mentre il centrosinistra è al 30,48%. Il Movimento Cinquestelle è dato al 9,43%.

"Siamo davanti a dati parziali, per cui la scaramanzia è d'obbligo, tuttavia siamo molto soddisfatti dell'ennesima vittoria del centrodestra dopo le politiche, e in particolare della crescita di Fratelli d'Italia e Lega, gli unici ad andare avanti", ha aggiunto Meloni.

25 febbraio 17:17 Il candidato del centrodestra Solinas eletto presidente. Per ora Pd primo partito

Non siamo arrivati neanche alla metà delle sezioni scrutinate, ma ormai il risultato delle elezioni regionali in Sardegna è chiaro. Il nuovo presidente di Regione sarà Christian Solinas, candidato del centrodestra composto da Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Partito sardo d’azione. Solinas ha raccolto il 47,3% dei voti, stando ai dati delle prime 845 sezioni scrutinate su un totale di 1.840. Quasi cinque punti percentuali in meno dei voti delle liste della sua coalizione, al 52,2%. Dietro di lui il candidato del centrosinistra, Massimo Zedda, con il 33,6%. Il sindaco di Cagliari si è invece avvantaggiato del voto disgiunto, raccogliendo il 3% in più rispetto alle liste della sua coalizioni, ferme al 30,1%. Al terzo posto Francesco Desogus, del Movimento 5 Stelle, con l’11,11% di voti da candidato e il 9,5% della lista del M5s. Più indietro gli altri candidati, con Paolo Maninchedda al 3,2%, Mauro Pili al 2,2%, Andrea Murgia all’1,9%, Vindice Lecis allo 0,6%.

I risultati delle liste

Ancora parziale il dato delle liste, che è quindi soggetto a cambiamenti considerando i margini ristretti tra un partito e l’altro. Per ora il primo partito è il Pd, con il 12,9%, seguito dalla Lega al 12,3%. Terzo posto per il Partito sardo d’azione, al 9,7%. Il Movimento 5 Stelle si ferma, per il momento, al 9,5%, davanti a Forza Italia (7,5%) e Fratelli d’Italia (5,1%). Tra i partiti nazionali, da segnalare anche l’Unione di centro al 4,5% e Leu al 3,5%. Molte le liste civiche che hanno raccolto tra il 3% e il 4%, soprattutto quelle facente parti del centrodestra.

25 febbraio 16:49 Salvini: “Dalle politiche ad oggi la Lega vince 6-0 sul Pd”

È euforico il segretario della Lega e vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, dopo la vittoria – ormai certa – del candidato del centrodestra, Christian Solinas, alle elezioni regionali in Sardegna. Su Twitter il leader del Carroccio commenta: "Dalle politiche a oggi se c'è una cosa certa è che su 6 consultazioni elettorali, la Lega vince 6 a 0 sul Pd. Anche in Sardegna, dopo il Friuli, il Molise, Trento, Bolzano e l'Abruzzo i cittadini hanno scelto di far governare la Lega. E come in Abruzzo anche in Sardegna è la prima volta che ci presentiamo alle Regionali. Grazie a tutti quelli che hanno deciso di darci fiducia".

25 febbraio 13:23 La senatrice M5s Nugnes: “La leadership di Luigi Di Maio va rimessa in discussione”

Il risultato elettorale in Sardegna delude il Movimento 5 Stelle e porta scontento anche all’interno del partito. E ad esprimerlo è una delle senatrici ‘dissidenti’, Paola Nugnes. Parlando con l’Adnkronos Nugnes sostiene che “la leadership di Luigi Di Maio va certamente rimessa in discussione. Da tempo non condivido la linea politica intrapresa e le strategie messe in atto. Se ora, oltre i sondaggi, abbiamo anche verificato con elezioni regionali, che per quanto di altro livello ci danno il polso di una indubbia e incontestabile perdita di consensi, credo che andrebbe rimessa la palla al centro. Non credo che una riorganizzazione calata dall'alto sia la soluzione. Ci vuole una riflessione collettiva che porti ad una discussione profonda con proposte da valutare tutti insieme”. A lei replica Sergio Battelli, presidente della commissione Politiche Ue della Camera, attraverso Twitter: “Leggo che la collega Nugnes vorrebbe mettere in discussione la leadership di Luigi Di Maio dopo le elezioni regionali in Sardegna. Un consiglio: affronti e sfati la profezia di Fassino: si candidi lei per guidare il M5s. Non abbiamo bisogno di picchiatori ma di visione e proposte”.

25 febbraio 13:03 Di Maio: “Non vedo nessun problema, M5s è vivo e vegeto”

Il vicepresidente del Consiglio e capo politico del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, si mostra sereno nonostante il risultato alle elezioni regionali in Sardegna sia ben al di sotto delle aspettative: "Io non vedo nessun problema", afferma facendo riferimento alla situazione dell'esecutivo. Per Di Maio, infatti, "per il governo non cambia nulla". Poi, sul risultato del M5s precisa: "Ovviamente i dati ufficiali non ci sono ancora, ma noi siamo ‘positivi' perché per la prima volta in Sardegna entriamo con consiglieri regionali". Secondo Di Maio il Movimento "è vivo e vegeto" ed è "inutile confrontare il dato delle amministrative con le politiche: sarebbe come confrontare le mele con le pere".

25 febbraio 12:57 Giorgetti: “Gli elettori ci premiano e il governo va avanti su questa strada”

I primi dati sulle elezioni regionali in Sardegna sembrano premiare il centrodestra, di cui fa parte anche la Lega di Matteo Salvini. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ed esponente di spicco del Carroccio, Giancarlo Giorgetti, commenta da Londra: "Noi andiamo avanti per la nostra strada, gli elettori ci premiano, se altri hanno qualche problema è giusto che decidano loro come risolverlo", afferma riferendosi al Movimento 5 Stelle, nettamente al di sotto delle previsioni nell'isola. "La linea resta tracciata, andiamo avanti con tranquillità, serenità e serietà nell'azione di governo", conclude Giorgetti.

25 febbraio 12:11 Conte: “Dal voto in Sardegna nessuna conseguenza per il governo”

 
Foto: LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili
in foto: Foto: LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili

Per il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il risultato delle elezioni regionali in Sardegna non influenzeranno in alcun modo il governo nazionale. “Non mi pronuncio sulle valutazioni politiche”, afferma Conte a margine del vertice Ue-Lega Araba che si svolge a Sharm el-Sheikh. Il presidente del Consiglio sottolinea che “non dobbiamo enfatizzare il ruolo di elezioni regionali: sono importanti per la Sardegna e offriranno degli spunti agli eletti ma sicuramente non ritengo che dagli esiti possano derivare conseguenze sul governo nazionale”. In ogni caso, Conte preferisce attendere “di conoscere i risultati definitivi”.

25 febbraio 07:53 Il dato definitivo dell’affluenza: ha votato il 53,75% degli aventi diritto

Mentre è cominciato lo spoglio dei voti reali, è stato diffuso il dato definitivo dell'affluenza: alle 22 ha votato il 53,75% degli aventi diritto. Un dato tendenzialmente in linea con quello di 5 anni fa, quando alle urne si era recato il 52,3% degli aventi diritto.

24 febbraio 22:36 Ultimo exit poll: sarà testa a testa centrodestra-centrosinistra

Ultimo aggiornamento del consorzio Opinio sugli exit poll delle Elezioni Regionali in Sardegna. Quando la copertura è del 100% del campione, si assottiglia il margine di vantaggio della coalizione di centrodestra, che piazza il candidato Solinas fra il 36,5 e il 40,5 percento dei consensi. Il centrosinistra, che supporta il sindaco di Cagliari Zedda, è accreditato di una forbice tra il 35 e il 39 per cento dei voti. Il Movimento 5 stelle resta invece staccatissimo tra il 13,5 e il 17,5 per cento dei voti.

Tra le liste, invece, è netto il margine del centrodestra.

24 febbraio 21:57 Exit Poll: in testa il centrodestra, centrosinistra vicino, flop M5s

Sono stati diffusi i primi exit poll delle Elezioni Regionali in Sardegna, elaborati dal consorzio Opinio, che racchiude tre istituti di ricerca specializzati, Piepoli, EMG e Noto. I risultati mostrano avanti la coalizione di centrodestra, ma con il candidato del centrosinistra a un passo, mentre staccatissimo appare il Movimento 5 Stelle.  Nel dettaglio:

Solinas (cdx): 37-41
Zedda (csx): 36-40
Desogus (M5s): 13-17

Molto più netto il vantaggio del centrodestra in termini di voti di lista, con una forbice tra gli 8 e i 14 punti percentuali sul centrosinistra.

24 febbraio 20:09 Elezioni Sardegna, alle 19 affluenza del 43.78%

Arrivano i nuovi dati dell’affluenza alle elezioni regionali in Sardegna. Alle ore 19 il dato supera il 43% (43.78%, +2.76% rispetto a 5 anni fa). Alle 12 l’affluenza era al 16.7%, in aumento rispetto al 2014. Sono 1.470.404 i sardi chiamati al voto nelle otto circoscrizioni dell'isola. Si può ancora votare fino alle 22 ed entro le 23 è previsto il dato sull'affluenza definitiva. Lo scrutinio inizierà domani alle 7.

24 febbraio 13:20 Regionali Sardegna, alle 12 l’affluenza è al 16,74%: in aumento rispetto al 2014

Alle ore 12 l’affluenza alle regionali in Sardegna è del 16,74%: finora hanno votato 246mila aventi diritto. Un dato in crescita rispetto a quello delle scorse regionali, nel febbraio 2014, quando alle 12 l’affluenza era del 14,5%. Secondo i dati riportati sul sito della Regione Sardegna, la provincia con una maggiore affluenza è quella di Cagliari, con il 18,58%. A seguire troviamo Carbonia Iglesias (16,61%), Olbia Tempio (16,28%), Ogliastra (16,24%), Sassari (15,94%), Nuoro (15,68%), Medio campidano (15,30%) e Oristano (14,85%). In tutte le provincie il dato è superiore rispetto a quello medio del 2014.

24 febbraio 10:50 Protesta per il prezzo del latte, assalto a un camion nel giorno del voto

Tensioni nel giorno del voto in Sardegna, con la protesta dei pastori che continua anche oggi con nuove azioni. Un camion cisterna che trasportava latte è stato bloccato, poco dopo le 9.30, a Orune, nel nuorese. Un vero e proprio assalto organizzato dai pastori che protestano per il prezzo del latte. Secondo quanto si apprende dalle prime informazioni, l’autista è stato costretto a scendere dal mezzo e a versare tutto il latte sull’asfalto. L’assalto sarebbe stato portato avanti da quattro persone, incappucciate e probabilmente anche armate di fucili. Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri: quest’ultimi indagano sul caso.

24 febbraio 09:36 Seggi aperti in Sardegna, si vota fino alle 22 per eleggere il presidente di Regione

Seggi aperti in Sardegna dalle 6.30 alle 22 per le elezioni regionali. Sono 1.470.463 i cittadini sardi chiamati a scegliere il successore di Francesco Pigliaru e a sfidarsi ci sono sette candidati e 24 liste. Il centrodestra – composto da Fi, Lega, FdI e Partito sardo d’azione – schiera Christian Solinas. A sfidarlo, per il centrosinistra, Massimo Zedda, sindaco di Cagliari, in una coalizione di cui fanno parte il Pd, Leu, +Europa e molte liste civiche. Per il Movimento 5 Stelle c’è invece Francesco Desogus. In lizza anche: Vindice Lecis, per Rifondazione comunista; Andrea Murgia, di Autodeterminazione; Mauro Pili, Sardi liberi; Paolo Maninchedda, per il Partito dei sardi.

Si vota con un unico turno, senza ballottaggio. Viene eletto presidente il candidato che prende più voti. Se il candidato più votato raccoglie tra il 25% e il 40% dei voti, avrà un premio di maggioranza grazie al quale le sue liste otterranno il 55% dei seggi. Se supererà il 40%, i seggi saranno il 60%. Se, invece, nessuno supererà il 25%, non ci sarà alcun premio di maggioranza. È possibile ricorrere al voto disgiunto, ovvero scegliere un candidato presidente e una lista non collegata a quel candidato. La soglia di sbarramento è al 10% per le coalizioni e al 5% per le liste. Lo scrutinio inizierà alle 7 della mattina di lunedì 25 febbraio.