“Mia nipote è stata abusata sessualmente quando aveva 9 anni da un membro dei testimoni di Geova. La bambina ha raccontato le violenze agli anziani della congregazione ma non è stata creduta. Hanno insabbiato tutto”. A parlare è Brunella, la nonna di Maria (nome di fantasia), una ragazzina che adesso ha 17 anni. La donna ha fatto parte dell’organizzazione religiosa per 30 anni ma, dopo aver saputo degli abusi alla nipote, ha deciso di denunciare la pedofilia all'interno della “setta Geovista” e, soprattutto, l’omertà con cui i vertici trattano i casi di violenze sessuali ai minori. E’ doloroso per Brunella raccontare la sua straziante esperienza dopo decenni passati a credere in quello che adesso definisce un “inganno”. Siamo in Piemonte, in una cittadina in provincia di Cuneo, e Brunella diventa una seguace dopo una visita dei “ministri incaricati di insegnare la Bibbia”, come vengono chiamati i predicatori del movimento religioso. Divenuta una testimone di Geova, anche lei esce ogni giorno a fare proseliti ed è così integrata che convince la figlia ad aderire alla congregazione. “Sono stata io ad obbligarla ad entrare nella ʽsetta’ – ricorda – aveva 25 anni ed era incinta del suo secondo figlio”.

Brunella viene a conoscenza degli abusi alla nipote solo due anni fa, quasi per caso. “Nel 2016, Maria usciva con un “ragazzo del mondo” (le persone che non fanno parte della congregazione, ndr). L’ho appoggiata perché non volevo che stesse con uno dei Geova”, precisa la nonna. La ragazzina, però, scappa di casa assieme al fidanzatino e lascia ai genitori una lettera in cui spiega i motivi della fuga. “Voleva abbandonare la setta – continua Brunella – dopo aver raccontato al ragazzo delle violenze sessuali subite quando era solo una bambina”. Quando ritorna con i genitori, l’adolescente trova il coraggio di rivelare tutto anche alla nonna. “Il suo aguzzino si chiama Francesco, all'epoca aveva 55 anni e una figlia dell’età di mia nipote. Come succede spesso tra di noi, invitò Maria a passare la notte a casa sua per stare con l’amica. Mentre la moglie dormiva, andava nel letto di mia nipote e abusa di lei”. “Ripensando a quel periodo ricordo che Maria, quando aveva 9 anni, perse tutti i capelli. Era irrequieta quando alle adunanze doveva guardare in faccia il suo carnefice pedofilo”.

“Certo, adesso mi spiego alcuni atteggiamenti, soprattutto da parte degli anziani, nei confronti di mia nipote ma anche verso altri bambini. Ma all'epoca non potevo immaginare che esistessero casi di pedofilia all'interno dei testimoni di Geova. Le violenze sessuali ai minori venivano discusse solo per evidenziare e denunciare le vicende che riguardavano la chiesa cattolica”, puntualizza l’ex seguace. Con gli abusi è venuta a galla anche la procedura con cui è stato trattato il caso di Maria. “Quando la bambina denunciò le violenze – prosegue Brunella – venne portata davanti al comitato giudiziario presieduto dagli anziani della congregazione. Le dissero che le sue erano tutte bugie e non venne creduta anche perché non c’erano almeno due testimoni”.

I casi di pedofilia giudicati dai tribunali interni

“A differenza della maggioranza delle denominazioni religiose, i testimoni di Geova hanno una giustizia interna al movimento, che ha la priorità sulla quella secolare”, scrive Roberto di Stefano, un ex anziano che ha abbandonato il culto a Geova dopo 30 anni e adesso si propone di smascherare la vera identità dell’organizzazione religiosa. Tribunali interni che privilegiano la giustizia teocratica basata sull'interpretazione della Bibbia. “Gli ʽordinamenti interni’ del movimento – prosegue di Stefano – sono di ostacolo all'identificazione dei casi, al soccorso fisico, emotivo e psicologico delle vittime e, infine, impediscono di punire i pedofili e metterli in condizione di non nuocere più ai bambini”. In un documento diffuso nel 2012 e riservato solo agli anziani delle congregazioni, i vertici dei testimoni di Geova davano istruzioni su come dovessero essere trattati gli abusi ai minori, definiti una “condotta sessuale errata”, un “peccato” e addirittura una “debolezza”. Nel testo si ribadiva la necessità che i casi di pedofilia venissero giudicati all'interno dell’organizzazione. “Gli anziani non sono autorizzati dalle Scritture a intraprendere alcuna azione a livello di congregazione fino a che non ci sarà una confessione o la testimonianza di due testimoni credibili”, si legge.

Il pentimento del pedofilo è sufficiente

Nel documento viene data anche la possibilità al pedofilo di pentirsi e di continuare ad essere un seguace di Geova. “Un comitato giudiziario stabilisce che un individuo che ha abusato sessualmente di un minore è pentito, e che gli sarà concesso di continuare a essere un componente della congregazione cristiana”. Infine, esiste un gran potere discrezionale anche di fronte al “predatore”, ovvero, la persona a cui manca chiaramente di autocontrollo e che con “le sue azioni dà motivo di pensare che continuerà ad adescare minori”. “Detestiamo gli abusi sessuali su minori e non proteggeremo nessuna persona che compia tali ripugnanti atti dalle conseguenze del suo grave peccato”. Di ricorrere subito alla giustizia civile nei casi di pedofilia, però, non c’è traccia nel documento.

Il silenzio per evitare di essere cacciati ed emarginati

“I genitori non credono sia possibile la violenza sessuale ai propri figli. E anche di fronte alle confessione degli abusi c’è omertà. Non si poteva denunciare alle autorità giudiziarie – puntualizza Brunella – per non mettere a repentaglio il buon nome della congregazione”. “Geova vede tutto, non devi dire niente. Sono come dei burattini”. Il rischio è di finire ostracizzati, allontanati dalla propria famiglia, isolati dal resto della comunità. In poche parole: emarginati da tutti. “Chi si unisce ai testimoni di Geova deve credere ʽsenza riserva’ a tutte le dottrine, anche le più irrazionali. Perché, chi non segue i consigli dei dirigenti della religione viene dissociato”, ammette la donna. “Lo schiavo fedele e discreto è responsabile e mette gli interessi del regno al primo posto”, annunciava in un video uno degli otto membri della Watch Tower, il massimo organo esecutivo dell’organizzazione religiosa. Ma nonostante questa ferrea disciplina, le violenze sessuali tra i testimoni di Geova sono venute alla luce in tutto il mondo. Dall'Australia agli Stati Uniti, passando per la Gran Bretagna e molti altri Paesi, sono arrivati davanti i tribunali le storie di bambini abusati e le mancate denunce. In Australia una commissione d'inchiesta ha individuato 1006 casi non segnalati alla magistratura. E persino Geoffrey Jackson, uno dei sette "papi" dei testimoni di Geova, nel corso della deposizione davanti alla Commissione Reale sulla pedofilia istituita a Sidney ha ammesso che le procedure adottate fino ad allora si erano rivelate inadeguate. 

“I testimoni di Geova mi hanno rovinato la vita”

Dopo aver saputo quanto degli abusi alla nipote, Brunella è sotto choc e decide di abbandonare per sempre i testimoni di Geova. Ritorna nella sua terra natale, la Sardegna, dove viene convocata dai carabinieri. Il fidanzato di Maria, infatti, ha sporto denuncia e vogliono che lei confermi il racconto delle violenze sessuali subite dalla nipote. “Ma dopo la mia deposizione non ho saputo più nulla. Mi hanno detto di avere pazienza perché le indagini devono fare il loro corso”, afferma. “Ho cercato di parlare a mia figlia di quanto è successo però mi ha detto di stare in silenzio, di non raccontare nulla, soprattutto a mio genero”. Da allora non le viene permesso di vedere la figlia e tanto meno la nipote. “L’hanno messa contro di me. ʽTu hai infranto i comandamenti e non posso più avere contatti con te’, è stata la sua ultima risposta quando l’ho chiamata”, dice con amarezza. “Mia figlia non ha più risposto alle mie telefonate. So che Maria non va più a scuola perché i genitori l’hanno obbligata a ritirarsi in seconda media. Mi hanno allontanata dai miei affetti più cari e, dopo quello che è successo a mia nipote, ho pensato anche al suicidio. I testimoni di Geova mi hanno rovinato la vita”, conclude Brunella.