82 CONDIVISIONI

Un plotone di delfini soldato addestrati dalla Russia potrebbe essere riuscito a fuggire in mare

Da anni i cetacei vengono addestrati per trasportare strumenti, rilevare siluri, mine e altre munizioni. Gli specialisti russi hanno sviluppato nuovi dispositivi che convertono il rilevamento dei bersagli da parte del sonar subacqueo dei delfini in un segnale.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Elisabetta Rosso
82 CONDIVISIONI
Immagine

La tempesta nel Mar Nero devasta la costa, spezza i recinti, e i delfini soldato dei russi provano a fuggire lontano dal porto di Sebastopoli. HI Sutton, giornalista e analista di intelligence open source ha verificato danni ai recinti esaminando le immagini satellitari. “Una violenta tempesta ha colpito la Crimea dal 26 al 27 novembre. L'analisi preliminare rivela che i recinti dei delfini nel porto di Sebastopoli sono stati distrutti(!) al 100%. È plausibile che alcuni o tutti i delfini addestrati siano stati liberati", ha scritto su X (ex Twitter).

Da tempo Mosca schiera i "delfini soldato". Sempre le immagini satellitari, nel 2018, avevano mostrato la presenza dei mammiferi presso la base navale russa di Tartus, in Siria, durante la guerra civile. Spesso vengono utilizzati per rilevare le mine, proteggere navi, porti e scoraggiare i nemici a compiere attacchi sott'acqua. Sin dai tempi dell'Unione sovietica, aveva spiegato Sutton, sono stati sviluppati diversi programmi per l'addestramento dei delfini nel Mar Nero, come l’unità di Kazachya Bukhta, vicino a Sebastopoli. Con la caduta dell'Urss, a inizio anni Novanta, le basi in Crimea sono passate all’Ucraina per tornare in mano ai russi nel 2014.

Come vengono addestrati i mammiferi

Parallelamente al programma di addestramento “gli specialisti russi hanno sviluppato nuovi dispositivi che convertono il rilevamento dei bersagli da parte del sonar subacqueo dei delfini in un segnale per il monitor dell’operatore", ha spiegato l’agenzia di stampa russa TASS. Il sistema quindi sarebbe in grado di captare il segnale lanciato dai delfini e di tramutarlo in un allarme per tracciare qualsiasi incursione sottomarina.

Secondo i rapporti dell’intelligence inglese, la Marina russa ha aumentato negli ultimi mesi il numero di delfini addestrati per proteggere la sua principale base militare nel Mar Nero. Durante l'estate “le immagini hanno mostrato un quasi raddoppio dei recinti galleggianti per mammiferi nel porto che molto probabilmente contengono bottlenose dolphin”, ha spiegato l'intelligence in un rapporto.

Non solo delfini

I delfini non sono le uniche creature oceaniche addestrate dai militari, utilizzano anche i delfini beluga, balene, foche e leoni marini. Per esempio nel 2019 al largo delle coste norvegesi era stata avvistata una balena che indossava strana imbracatura con sopra scritto: "Equipaggiamento di San Pietroburgo".

In Russia, delfini e foche sono state addestrate a trasportare strumenti per i subacquei, a rilevare siluri, mine e altre munizioni a una profondità  fino a 120 metri. Le foche sono considerate più adatte in condizioni polari per la loro "elevata professionalità" e capacità di apprendere, trattenere e comprendere i comandi orali.

La strage dei cetacei nel Mar Nero

Dall'inizio della Guerra in Ucraina sono morti moltissimi delfini e focene nel Mar Nero, manca ancora una stima precisa, le stime aggiornate ad agosto 2023 segnano 900 carcasse recuperate sulle spiagge del Pacifico. Ivan Rusev, biologo che dirige il dipartimento scientifico del Parco naturale nazionale delle lagune di Tuzly nell'Ucraina meridionale, a ottobre 2022 ha spiegato che a causa dell'invasione russa sono stati uccisi 50.000 esemplari.

A peggiorare le condizioni dei cetacei del Mar Nero ci sono anche gli sversamenti di carburanti, vernici e altre tossine dei mezzi distrutti e affondati, oltre al fiume di pesticidi, fertilizzanti, metalli pesanti e altri elementi portati dal Dnipro dopo la distruzione della grande diga.

82 CONDIVISIONI
Il Sole potrebbe essere più grande di quanto pensavamo
Il Sole potrebbe essere più grande di quanto pensavamo
La navigazione in incognito di Google potrebbe non essere così in incognito
La navigazione in incognito di Google potrebbe non essere così in incognito
Il prossimo maiale che mangerai potrebbe essere geneticamente modificato: cosa dice lo studio
Il prossimo maiale che mangerai potrebbe essere geneticamente modificato: cosa dice lo studio
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views