182 CONDIVISIONI
Caso scommesse nel calcio

Quali sono e come funzionano i siti illegali di scommesse di cui si parla nell’inchiesta sui calciatori di Serie A

Negli ultimi giorni stanno venendo alla luce tutti i siti di scommesse usati dai calciatori italiani coinvolti nell’inchiesta della procura di Torino. Ma che differenza c’è fra un sito di scommesse illegali e uno legale? In questo articolo spieghiamo quali sono e come funzionano queste piattaforme.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valerio Berra
182 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso scommesse nel calcio

C’è una formula che torna in tutto il racconto della vicenda che è partita da Nicolò Fagioli: siti di scommesse illegali. Dalle prime ricostruzioni sembra infatti che i giocatori passati dalla Serie A e ora coinvolti in questa vicenda non abbiamo solo scommesso su settori in cui non potevano ma lo abbiano fatto anche su siti che in Italia sono considerati illegali. Come spiegato infatti a Fanpage.it dall’avvocato specializzato in diritto sportivo Paco D’Onofrio, è chiaro che “i calciatori non possono scommettere nel perimetro degli eventi del loro sport”.

Una volta era solo la schedina. Una serie di combinazioni per dare un pronostico sulle giornate di campionato. Minimo un euro di scommessa. Chi voleva rischiare di più poteva puntare su una bisca, un banco clandestino. Stesso meccanismo ma tutto in anonimato. Si arriva per conoscenze, si paga in contanti. Con lo scandalo scommesse che si sta aprendo nel calcio abbiamo visto però che ora i modi illegali per puntare del denaro tendono all’infinito. E tutti possono partire semplicemente da uno smartphone.

Quali sono i siti illegali di scommesse

Per adesso sono usciti i nomi di quattro piattaforme passate sotto la lente della procura di Torino. Si tratta di worldgame365.meevoz9.fx-gaming.net, Icebet e bullbet23.com. Molti di questi siti ora sono stati sospesi. Se adesso provate a raggiungerli verrete bloccati. C’è un elenco diffuso dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli con tutti i siti di scommesse inibiti in Italia. Il documento è aggiornato al 10 ottobre del 2023, i siti citati dalla Procura di Torino non ne fanno ancora parte ma il numero di siti bloccati in Italia è discretamente alto. Il totale sfiora i 10.000: per la precisione arriva a 9.827.

Basta scorrere l’elenco per vedere come questi siti sono spesso una costante variante di loro stessi. Si ripresentano di volta in volta con nomi solo leggermente diversi. Basta guardare al caso di betworld.com. Ci sono circa 25 riproposizioni dello stesso sito accompagnato da combinazioni numeriche differenti. Citiamo: betworld10.com, betworld11.com, betworld18.com, betworld365.com o betworld16.com.

Threema, l'app usata da Fagioli per scommetere in anonimo

Nelle ultime ore sono emerse nuove dichiarazioni che definiscono meglio il sistema utilizzato da Fagioli. Nello specifico il calciatore della Juventus avrebbe comunicato con i suoi intermediari su Threema, un'app per la crittografia end-to-end sviluppata in Svizzera. Esattamente come app più famose, a partire da Signal, Threema garantisce la riservatezza delle conversazioni fra gli utenti che la usano. Le comunicazione scambiate dai suoi utenti non sono accessibili a terzi. Secondo i datu rilasciati dalla piattaforma al momento gli utenti che la usano sono 11 milioni. Nelle ultime ore in Italia Threema è schizzata in cima alle classifiche dell'App Store per le app a pagamento: per averla bisogna pagare 5,99 euro.

Cosa cambia nei siti illegali in Italia

Il motivo per cui un sito di scommesse non viene considerato legale in Italia è che non ha il permesso di operare rilasciato dall’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM). Visto che non devono rispettare vincoli, questi siti permettono di guadagnare molto di più dei limiti imposti nelle scommesse legali. Con il decreto Mef 1 agosto 2022 la vincita massima per le scommesse sportive è stata fissata a 50.000 euro. Un limite comunque generoso, visto che prima arrivava a 10.000 euro.

Nei siti illegali di scommesse sportive poi è possibile accedere a quote più alte, bonus molto generosi di benvenuto e si possono ricevere subito i soldi vinti. Nelle scommesse dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per quanto riguarda l’ippica ad esempio le vincite vengono consegnate subito solo se l’importo non supera i 3.000 euro. Sopra i 100.000 euro la consegna delle vincite può slittare fino a un termine di 21 giorni.

182 CONDIVISIONI
127 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni