10 Ottobre 2022
17:37

Perché Elon Musk è riuscito a far arrabbiare anche Taiwan

Dopo aver proposto un piano per la pace in Ucraina, l’uomo più ricco del mondo prova a lanciarne uno per arrivare a un accordo tra Cina e Taiwan. Anche in questo caso le reazioni non sono delle migliori.
A cura di Valerio Berra

“Musk, non ti stai divertendo?”. Parte da questo titolo l’intervista pubblicata dal Financial Times all’uomo più ricco del mondo. Non è mai stato chiaro cosa passasse sua nella mente di Elon Musk ma questa settimana anche i suoi biografi più attenti sono stati disorientati dalle sue mosse. Il fondatore di Tesla si è lanciato in una nuova offerta d’acquisto per Twitter, ha proposto un piano di pace per l’Ucraina (molto sbilanciato a favore della Russia) e ora ha deciso di intervenire anche su Taiwan.

Nell’intervista con Roula Khalaf ha avanzato una serie di ipotesi per chiudere fermare le tensioni tra Cina e Taiwan: “La mia soluzione è quella di trovare una zona amministrativa speciale per Taiwan che sia ragionevolmente raggiungibile, probabilmente non renderà tutti felici. Potrebbero avere un accordo simile a Hong Kong, anche più clemente”. La scelta di Musk di intervenire in modo così deciso su una questione molto più complessa è riuscita ad attirare critiche da parecchi politici di Taiwan.

“La libertà e la democrazia non sono in vendita”

Hsiao Bi-Khim è l’ambasciatrice di Taiwan negli Stati Uniti. È dal suo account Twitter che è arrivata una delle risposte più dure a Musk: “Taiwan vende molti prodotti, ma la nostra libertà e la nostra democrazia non sono in vendita. Qualsiasi proposta duratura per il nostro futuro deve essere decisa in modo pacifico, libera da qualsiasi coercizione e rispettosa dei desideri democratici del popolo di Taiwan”.

Chen Shih-chung del Partito Democratico Progressista ha chiesto a Musk di seguire la stessa linea adottata a favore dell’Ucraina, quando l’imprenditore aveva scelto di sostenere Kiev aprendo per i territori invasi la sua rete satellitare Starlink: “Chiedo a Elon di attenersi agli stessi valori democratici riguardo a Taiwan”.

Più netto l’ex ministro dei Trasporti di Taiwan Lin Chia-lung che ha accusato Musk di aver preso posizione a favore della Cina solo per interessi di portafoglio: “È affamato di mercato cinese. Musk sta commerciando con il diavolo e non saremo influenzati dalla sua parola”. Una delle fabbriche più importanti di Tesla di Shanghai. Non si tratta di una fabbrica satellite ma uno dei poli più importanti per l’azienda: nel 2021 da qui è arrivata quasi metà delle auto prodotte dall’azienda.

Elon Musk ha problemi (anche) con i dipendenti di SpaceX:
Elon Musk ha problemi (anche) con i dipendenti di SpaceX: "Siamo stati licenziati per averlo criticato"
Elon Musk ha assunto il principe degli hacker per aggiustare Twitter, la storia di Geohot
Elon Musk ha assunto il principe degli hacker per aggiustare Twitter, la storia di Geohot
Elon Musk si prepara al lancio del suo primo robot: si chiamerà Optimus
Elon Musk si prepara al lancio del suo primo robot: si chiamerà Optimus
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni