11 Ottobre 2022
15:13

Paura dell’inflazione? Quali sono le 15 app da avere sullo smartphone per risparmiare (o almeno provarci)

Da To Good Togo a Auting, crescono le app che offrono soluzioni per chi è in difficoltà, un modo per affrontare il caro bollette e il peso dell’inflazione.
A cura di Elisabetta Rosso

Gli italiani hanno meno potere d’acquisto e nasce un nuovo modo di consumare. L’inflazione pesa, i prezzi aumentano, le bollette volano alle stelle. Nell’ultimo semestre la capacità di fare spese è stata, in media, di 470 euro in meno rispetto a quello precedente. Si passa al piano B. Smartphone in mano per trovare soluzioni creative che permettano di risparmiare, almeno un po’. Le app salva portafoglio sono tantissime, e sono diventate la soluzione per smorzare i prezzi su cibo, viaggi, benzina, vestiti. Si registra anche una crescente attenzione nel combattere gli sprechi. Ecco 15 app che possono aiutare ad affrontare un inverno difficile risparmiano in modo intelligente.

Come fare una spesa conveniente

DoveConviene è un volantino digitale che permette di risparmiare sulla spesa. Le catene di negozi caricano le offerte, l’app permette, attraverso la geolocalizzazione, di trovare i prezzi più bassi in base a dove si trova l’utente. È anche possibile attivare le notifiche sui prodotti in offerta, ricevere le promozioni e personalizzare la propria spesa scegliendo i prodotti che si vogliono comprare al prezzo più basso.

RisparmioSuper! funziona più o meno allo stesso modo. L’app sceglie i negozi con i prezzi migliori in zona in modo che sia possibile risparmiare per ogni voce della spesa. Si può anche inquadrare il codice a barre di un prodotto per sapere dove costa meno.

Come pagare meno la benzina 

Prezzi Benzina individua invece i distributori più convenienti tramite una mappa interattiva. Basta inserire l’indirizzo per confrontare i prezzi e scegliere quello più basso. Il servizio migliora con la collaborazione degli utenti che inseriscono i prezzi che trovano ai distributori. Per vedere qual è la stazione di benzina più economica basta filtrare per tipo di carburante del veicolo e attivare il GPS. In base alla posizione e all’indirizzo l’app mostra le stazioni di rifornimento delle compagnie più grandi (Agip, Esso, IP, Q8, Tamoil), ma anche le Pompe Bianche, stazioni di servizio indipendenti dove è possibile risparmiare fino a 10 centesimi al litro.

Fuelio oltre a geolocalizzare i distributori più convenienti permette di avere una statistica dei propri consumi, spese, e della media di chilometri percorsi. L’applicazione permette infatti di inserire marca e modello dell’auto, e poi chiede di inserire manualmente i dati sul prezzo del carburante e la quantità di litri forniti per effettuare i calcoli sul consumo. Grazie ai dati registrati è in grado di calcolare l’efficienza della guida e creare grafici e statistiche per capire se si può migliorare il proprio stile al volante per consumare e spendere meno in carburante. È stata premiata tra le migliori app android per settore nel 2020.

Come viaggiare risparmiando

L’app Train Line permette di organizzare i viaggi in treno e in pullman acquistando biglietti low cost e sfruttando al meglio le offerte di Trenitalia, Italo e delle altre compagnie ferroviarie europee per viaggiare sia in Italia che in Europa. Mette a confronto tutte le tariffe e avvisa sugli sconti lungo le tratte. Sull’app inoltre è possibile prenotare e comprare i biglietti.

Per risparmiare sui viaggi c’è anche Auting, l'unica piattaforma italiana di car sharing tra privati che permette di condividere i tragitti in auto dividendo le spese. L'app mette in contatto i driver, alla ricerca di un’auto per un breve periodo, e gli e owner, che mettono a disposizione la propria auto nei periodi in cui resta inutilizzata. L’owner dovrà iscriversi ad Auting, pubblicare il profilo della propria auto, decidere il prezzo e quando renderla disponibile. Può valutare le richieste di prenotazione, ricevere il pagamento e mettersi d’accordo con il driver per la consegna di auto e chiavi. Driver e owner hanno la possibilità di lasciare recensioni online a beneficio della community. A settembre l’app ha triplicato il numero dei suoi utenti. Si sono iscritte oltre 40.ooo persone.

Come combattere gli sprechi

Sprecare meno per risparmiare di più. Sono due facce della stessa medaglia. L’app simbolo è Too Good To Go. Il servizio permette a pizzerie, ristoranti, bar, pasticcerie, supermercati, alimentari, e fruttivendoli di mettere in vendita a prezzi ridotti il cibo invenduto a fine giornata. Gli utenti possono andare sull’app, scegliere il punto vendita più vicino e acquistare le box desiderate a un prezzo scontato, a volte del 70%. Secondo i dati di App Annie, è la più scaricata nella sezione Food&Drink.

Anche ThinkAbout è contro gli sprechi con NO.W!. L’app infatti permette alle aziende di qualsiasi settore di pubblicare una vetrina di prodotti, ancora consumabili, ma che i negozi sarebbero costretti a smaltire. “Oggi molti alimenti non arrivano sulle nostre tavole perché vicini alla scadenza, ammaccati o in eccesso. Ma sono ancora buoni! ThinkAbout con il progetto NO.W! propone un circolo virtuoso creando sinergie tra aziende e produttori di cibo”, spiega l’app.

Vestiti e oggetti stravaganti

Consumo responsabile anche nel campo della moda. Primo tra tutti Vinted, l’app di compravendita di vestiti usati, che è diventato il colosso internazionale della seconda mano.Vendere gli oggetti che non servono più o cercare modi più economici per acquistare gli articoli necessari può essere un buon punto di partenza per mitigare l’impatto dell’inflazione. E infatti 6,5 milioni gli italiani hanno scelto di guadagnare qualche euro extra con gli scarti del proprio armadio o di risparmiare con un consumo responsabile.

Per gli oggetti più stravaganti, invece c’è Catawiki. Bottiglie di whisky pregiate, orologi da taschino, mappe o cimeli possono essere fatti valutare da esperti e entrare nel giro di collezionisti interessati a comprarli. È anche possibile avviare delle vere e proprie aste per vendere al miglior offerente.

Risparmiare sui  locali

The Fork è in prima linea. L’app permette di trovare ristoranti che offrono dal 20% al 50% di sconto a pranzo o a cena. Basta fermare il tavolo selezionandolo dall’app. Non solo, ogni prenotazione effettuata ti permette di guadagnare punti chiamati “Yums”, che una volta accumulati permettono di ricevere uno sconto da 20 a 50 euro, da presentare poi in uno dei ristoranti aderenti.

Stessa filosofia per Mi Siedo. È possibile prenotare i ristoranti in base all’offerta del giorno e accumulare punti, ma l’app permette anche di guadagnare crediti attraverso i commenti e le recensioni sui locali. Chi prenota e non si presenta, però, perde tutti i punti accumulati.

Myo, funziona allo stesso modo, gli sconti possono essere usati non solo per mangiare, ma anche per un drink. L’app permette di risparmiare fino all’80% per consumazioni in wine bar, cocktail bar e pub. Il funzionamento è semplice: dopo essersi registrati, basta selezionare la città o geolocalizzarsi e scegliere un locale. Al momento del pagamento bisogna mostrare lo smartphone per avere diritto allo sconto.

Tenere sotto controllo le spese

Spesso le spese sfuggono di mano. Per risparmiare è anche necessario tenere tutto sotto controllo. Fast Budget è un’app che permette di gestire le spese in modo semplice. Nella pagina principale “Panoramica”  è possibile visualizzare tutti i movimenti, entrate, uscite, un grafico delle spese degli ultimi 7 giorni, i budget impostati e tutto viene raggruppato per categorie. La schermata può comunque essere modificata in ogni momento, scegliendo cosa si vuole visualizzare. È possibile, inoltre, impostare transazioni pianificate o ricorrenti e creare budget settimanali, mensili, annuali o personalizzati, che possono riferirsi ad una categoria singola nella quale non si vuole spendere più di un tot, o a tutte le categorie. Si possono anche attivare promemoria per ricordare di inserire le transazioni giornaliere.

Anche Switcho, funziona bene per capire con un colpo d’occhio l'andamento del proprio piano economico. L'app permette anche di attivare suggerimenti per ottimizzare le spese ricorrenti come luce, gas, internet, e assicurazioni. Non solo, segnala anche le migliori offerte e tariffe che possono essere attivate online.

Perché i deputati degli Stati Uniti non potranno avere TikTok sui loro smartphone
Perché i deputati degli Stati Uniti non potranno avere TikTok sui loro smartphone
Da adesso tutti gli smartphone in Europa dovranno avere la porta Usb-C
Da adesso tutti gli smartphone in Europa dovranno avere la porta Usb-C
Stanno nascendo app dove si cerca un partner solo per avere dei figli: come funziona la co-genitorialità
Stanno nascendo app dove si cerca un partner solo per avere dei figli: come funziona la co-genitorialità
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni