223 CONDIVISIONI
Facebook
14 Novembre 2022
19:14

La storia dell’ingegnere trasferito in Canada dall’India per lavorare a Meta: è stato licenziato dopo due giorni

Himanshu V fa parte degli 11.000 dipendenti che l’azienda ha lasciato a casa il 9 novembre. Ha raccontato la sua storia su LinkedIn, come stanno facendo tanti altri ex dipendenti.
A cura di Elisabetta Rosso
223 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Facebook

Himanshu V. è un ingner di Meta di origini indiane. L'azienda lo trasferisce, dall'India vola in Canada, due giorni dopo riceve una notifica, è stato licenziato. Pubblica un post su LinkedIn: "Ora sto cercando un lavoro in Canada o in India ma non ho idea di cosa sarà di me", raccoglie oltre 22.000 reazioni e 1.000 commenti.

Himanshu V.  è uno degli 11.000 di dipendenti che sono stati mandati via da Meta da un giorno all'altro. Il 9 novembre, l'azienda ha annunciato un taglio del 13% della sua forza lavoro. Otto mesi fa Meta aveva deciso di aprire un nuovo hub di ingegneria a Toronto, con 2.500 posti di lavoro. Per questo Himanshu V. si è trasferito in Canada. Poi sono arrivati i licenziamenti di massa.

Himanshu non è l'unico caso

"Mi sono trasferito in Canada per unirmi a #Meta e 2 giorni dopo l'adesione, il mio viaggio si è concluso poiché sono stato colpito dal massiccio licenziamento", ha scritto nel post Himanshu, "il mio cuore va a tutti coloro che stanno affrontando una situazione difficile in questo momento".

Vishwajeet Jha, un ex ingegnere del software di Amazon, ha scritto in un post su LinkedIn l'11 novembre di essere stato a Meta per tre giorni prima di essere licenziato. "È davvero triste che sia successo", ha scritto Jha, aggiungendo che il processo per ottenere un visto di lavoro in Canada è stato "lungo".

Anche Neelima Agarwal ha subito lo stesso trattamento. Ingegnere di software, si è trasferita dall'India al Canada a novembre, e ha dichiarato di essere stata licenziata due giorni dopo essere entrata a far parte dell'azienda. In un post su LinkedIn il 9 novembre Agarwal ha scritto che aveva il cuore spezzato per essere stata licenziata pochi giorni dopo trasferimento in Canada. Il post di Agarwal ha raccolto oltre 6.400 reazioni e più di 480 commenti.

I lincenziamenti di Meta

"Considero i licenziamenti come l'ultima risorsa, quindi abbiamo deciso di tenere a freno altre fonti di costo prima di lasciare andare i compagni di squadra", ha detto il Ceo di Meta Mark Zuckerberg in un post. Il fondatore ha ammesso che il suo ottimismo verso una possibile crescita ha portato a un eccesso di personale in Meta. Il problema è che hanno assunto troppi, in troppo poco tempo, con stipendi troppo alti. Si aspettavano anni di crescita esponenziale, come durante la prima fase di pandemia, e invece non è stato così. È arrivata una recessione che potrebbe durare due anni e le aziende Tech sono state costrette a ridimensionare i team.

Ora gli ex dipendenti Meta, da ogni parte di mondo stanno pubblciando su LinkedIn i "post badge", ovvero la foto del loro cartellino identificativo accompagnato da una nota che riflette sul tempo trascorso in azienda. In precedenza, alcuni membri del personale nei "post badge" criticavano l'azienda, salutavano i colleghi, o ripercorrevano momenti felici e successi professionali, dopo i licenziamenti il personale sta sfruttando i post anche per cercare lavoro, presentare il proprio curriculum o denunciare una situazione difficile, come ha fatto Himanshu V.

223 CONDIVISIONI
18 contenuti su questa storia
Facebook e Instagram stanno pensando di togliere la censura per i capezzoli femminili
Facebook e Instagram stanno pensando di togliere la censura per i capezzoli femminili
Donald Trump sta supplicando Facebook per riavere il suo account
Donald Trump sta supplicando Facebook per riavere il suo account
Perché in alcuni post su Facebook compare “Scopri come sta cambiando la temperatura nella tua area”
Perché in alcuni post su Facebook compare “Scopri come sta cambiando la temperatura nella tua area”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni