video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

La nuova arma della propaganda russa: un falso documentario sulle Olimpiadi con Tom Cruise

Il video è stato creato e diffuso da Storm-1679, gruppo vicino al Cremlino. L’obiettivo dichiarato è minare “la leadership del CIO e denunciarne la corruzione”. Oltre al documentario sono state diffuse fake news su probabili attacchi terroristici durante i giochi.
A cura di Elisabetta Rosso
0 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"In questa serie scoprirai il funzionamento interno dell'industria sportiva globale. Farò luce sui dirigenti del Comitato Olimpico Internazionale, CIO, stanno lentamente e dolorosamente distruggendo gli sport olimpici che esistono da migliaia di anni”. La voce è di Tom Cruise, sotto c'è una musica drammatica. Il documentario Olympics Has Fallen è composto da quattro episodi da 9 minuti, tutti marchiati dal "tu-dum" di Netflix, e promette di svelare il lato oscuro delle Olimpiadi di Parigi 2024. C'è solo un problema, non c'è nulla di vero, ogni elemento è stato creato con l'intelligenza artificiale.

Il documentario è stato diffuso da un gruppo filo russo, e secondo il Microsoft Threat Analysis Center (MTAC) vuole "seminare paura per dissuadere gli spettatori dal partecipare ai Giochi". La Russia sta alimentando infatti una campagna di disinformazione contro le Olimpiadi di Parigi. Oltre al documentario infatti sono stati realizzarti articoli fasi di France24 su presunti attentati durante i giochi, e hanno condiviso anche un messaggio fake della CIA, la principale agenzia di intelligence americana, e della Direzione generale della Sicurezza interna francese, che consigliano di non presentarsi alle Olimpiadi a causa di un presunto un attacco terroristico.

"Sebbene i video siano stati tradizionalmente uno strumento potente per le campagne russe e rimarranno tali, è probabile che assisteremo a uno spostamento tattico verso bot online e account automatizzati sui social media. Questi possono offrire l’illusione di un sostegno diffuso inondando rapidamente i canali dei social media e dando ai russi un livello di plausibile negabilità", ha spiegato il team di Microsoft.

Il video falso di Tom Cruise

Il filmato è stato generato con l'intelligenza artificiale e diffuso su Telegram, la prima versione rintracciata dal team di Microsoft risale al 2023. Il titolo, Olympics Has Fallen, è un richiamo al film d'azione di Gerard Butler Olympus Has Fallen (in italiano Attacco al potere). Per rendere il documentario più credibile compare anche il logo Netflix e una finta recensione del New York Times, ovviamente entusiastica.

"Il video è superiore alla media, chi l'ha creato sicuramente ci ha dedicato tempo e risorse. È infatti molto più convincente rispetto alla maggior parte delle campagne di fake news che abbiamo analizzato", si legge nel rapporto del centro di analisi delle minacce di Microsoft. Il team ha aggiunto che si aspetta un intensificarsi delle fake news legate alle Olimpiadi nelle prossime settimane.

Perché è stato realizzato il documentario fake

Il video è stato creato e diffuso da Storm-1679, gruppo vicino al Cremlino, già celebre per aver realizzato videomessaggi fake di attori famosi. Gli Storm-1679 non sono gli unici. Storm-1099, chiamati anche “Doppelganger”, stanno creando notizie false in francese per denunciare possibili violenze a Parigi. L'obiettivo dichiarato è minare "la leadership del CIO e denunciarne la corruzione". Il Comitato Olimpico Internazionale in seguito all'invasione dell'Ucraina ha infatti vietato agli atleti russi di gareggiare a Parigi.

Non solo, come spiega il team di Microsoft "la Russia ha una lunga tradizione nel cercare di indebolire i giochi, per esempio l’Unione Sovietica boicottò l’evento del 1984 a Los Angeles e distribuì volantini controversi ai comitati olimpici in paesi tra cui Zimbabwe, Sri Lanka e Corea del Sud."

0 CONDIVISIONI
448 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views