22 Aprile 2022
13:27

Il fondatore russo di Telegram ha ricevuto la cittadinanza degli Emirati Arabi Uniti

In questo modo l’imprenditore russo Pavel Durov diventa contemporaneamente cittadino di quattro paesi: Russia, Saint Kitts e Nevis, Francia ed Emirati Arabi Uniti.
A cura di Lorena Rao

Tramite fonti vicine a Telegram, Forbes ha scoperto che Pavel Durov ha ricevuto la cittadinanza degli Emirati Arabi Uniti nel febbraio 2022. Di fatto, è la quarta per il fondatore della nota app di messaggistica, che diventa contemporaneamente cittadino di Russia, Saint Kitts e Nevis, Stato dei nei Caraibi, Francia ed Emirati Arabi Uniti.

In un incontro con lo sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid al-Maktoum, figlio del Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti, Durov ha affermato di apprezzare la "visione di una comunità tecnologica dinamica" che caratterizza Dubai. "L'ecosistema delle startup, le infrastrutture sviluppate e la legislazione favorevole alle imprese offerte da Dubai ne hanno fatto un hub per talenti e imprenditori che cercano di diventare globali" ha dichiarato Durov durante l'incontro con lo sceicco, il quale ha risposto: "Alcune delle aziende digitali più interessanti e di successo al mondo, come Telegram, hanno deciso di gestire imprese dal territorio dell'emirato".

Già nel 2017, Durov aveva aperto una sede di Telegram al 23° piano di una delle torri del complesso nella zona economica franca di Dubai Media City (DMC). La decisione di trasferirsi negli Emirati Arabi Uniti deriva principalmente dalla mancanza di tasse che caratterizza il DMC.

Le altre cittadinanze di Pavel Durov

Ad agosto 2021, il fondatore di Telegram ha ottenuto la cittadinanza francese. Forbes non è riuscita a risalire alle reali motivazioni dietro a questo ottenimento del passaporto. Secondo Dmitry Gorbunov, partner di Rustam Kurmaev and Partners, è fondamentale conoscere il francese come prerequisito per potere avere meriti speciali dati dalla repubblica, senza dover per forza vivere in Francia o a Monaco per due anni consecutivi.

A febbraio 2018 si pensava che Durov avesse ottenuto anche la cittadinanza britannica a causa di una voce di registrazione che menzionava il suo nome e la Telegram Open Network Ltd presso il sito della UK Registration Chamber. Tuttavia, due mesi dopo, Durov ha negato tali informazioni tramite una dichiarazione sul quotidiano Vedomosti. "Stiamo indagando su chi c'è dietro questa falsa registrazione da diverse settimane".

Quanto alla cittadinanza di Saint Kitts e Nevis, piccolo stato insulare dei Caraibi, risale al 2013. Il passaporto è stato ottenuto nonostante lo stesso Durov abbia affermato di non esserci mai stato. Il che però si è rivelato conveniente, perché "consente di viaggiare nell'UE e nel Regno Unito senza visto", ha affermato il fondatore di Telegram su VKontakte.

La cittadinanza presso lo stato di Saint Kitts e Nevis è stata utile per Durov dopo l'emigrazione dalla Russia, suo paese di origine. La fonte vicina a Telegram a cui si è rivolta Forbes sottolinea però che nel 2018 il passaporto russo di Durov era già scaduto. In generale, non corre buon sangue tra l'imprenditore e la sua terra natia. “Pavel non si reca in Russia e non detiene beni in questo Paese da otto anni. Telegram non ha uffici o dipendenti in Russia e il numero di utenti dalla Russia non supera l'8%", ha affermato la fonte. Ad aprile 2022, lo stesso Durov ha chiesto a Forbes di non chiamarlo miliardario "russo".  "Pavel ha lasciato la Russia molti anni fa e non tornerà", ha detto un suo rappresentante. Come lui altri magnati della Russia, come Playrix Igor, Dmitry Bukhman e Yuri Milner, hanno fatto una richiesta simile. Tuttavia, ad oggi, Durov fa parte degli 88 russi più ricchi del paese, conquistando il terzo posto della classifica.

Il CEO di Telegram non ha confermato se i dati degli utenti sono protetti
Il CEO di Telegram non ha confermato se i dati degli utenti sono protetti
Cos'è il GNL che arriva dagli USA e in cosa è diverso dal gas che compriamo dalla Russia
Cos'è il GNL che arriva dagli USA e in cosa è diverso dal gas che compriamo dalla Russia
Samsung Galaxy S22 sarà fatto con la plastica riciclata delle reti da pesca
Samsung Galaxy S22 sarà fatto con la plastica riciclata delle reti da pesca
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni