99 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Google lancia Lumiere, l’IA che crea video realistici partendo da un testo: come funziona

Oltre alla generazione text-to-video, il software permetterà anche di realizzare contenuti image-to-video, gli utenti potranno quindi creare un filmato animando un frame.
A cura di Elisabetta Rosso
99 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Dovremo abituarci, nei prossimi mesi verranno lanciate a ritmo serrato nuove intelligenze artificiali generative. L'ultima annunciata appartiene a Google. Si chiama Lumiere, un omaggio ai fratelli che hanno inventato la macchina da presa e il proiettore cinematografico. La nuova IA, in grado di realizzare video realistici, è stata creata con l'aiuto del Weizmann Institute of Science e dell'Università di Tel Aviv. Lumiere è versatile, si può chiedere al software di animare un orsetto di peluche, far muovere in time lapse la Notte stellata di Van Gogh, o chiedere di creare, partendo da una stringa di parole, due procioni che leggono un libro.

L'IA di Google è in grado di creare video di cinque secondi con una risoluzione 1024×1024. Alcuni tradiscono la natura artificiale, altri invece sono realistici, basta guardare la tartaruga che compare all'inizio del video di presentazione. Lumiere utilizza “un modello di diffusione spazio-temporale per la generazione di video realistici“, chiamato Space-Time-U-Net, o STUNet, che consente la generazione dell’intera durata temporale di un video in un unico passaggio. I modelli video tradizionali sintetizzano invece i fotogrammi, il problema è che spesso, durante l'assemblaggio, compaiono scene incoerenti o elementi fuori contesto. Il modello video di Lumiere è stato addestrato su un set di dati di 30 milioni di video, ma, come spesso succede, non è chiara la fonte che ha nutrito l'IA di Google.

Come funziona Lumiere

L'intelligenza artificiale generativa ci ha abituato al potere della parola. Basta digitare un prompt, premere invio, e osservare i risultati. Oltre alla generazione text-to-video, Lumiere permetterà anche di creare contenuti image-to-video, gli utenti potranno quindi realizzare un filmato animando un frame. Non solo. Il modello supporterà diverse funzionalità, tra queste l'inpainting, per inserire o modificare oggetti specifici (per esempio cambaire il colore di un vestito), la cinemagraph, per aggiungere movimento in aree specifiche di una scena, e la generazione stilizzata che permette di scegliere lo stile di riferimento per la creazione del video.

"Il nostro obiettivo principale, con questo lavoro, è quello di consentire agli utenti inesperti di generare contenuti visivi in modo creativo e flessibile", si legge nel documento pubblicato dai ricercatori che hanno realizzato Lumiere. Al momento non sono ancora disponibili modelli da testare.

I rischi delle nuove IA generative

Nel documento di Google, il team ha anche sottolineato: “C’è il rischio di un uso improprio per la creazione di contenuti falsi o dannosi con la nostra tecnologia, e riteniamo che sia fondamentale sviluppare e applicare strumenti per rilevare pregiudizi e casi d’uso dannosi per garantire un uso sicuro ed equo”.

L'intelligenza artificiale generativa nell'ultimo anno è stata infatti utilizzata per creare disinformazione e porno deepfake, ed è diventato sempre più difficile distinguere la realtà. In un'intervista al Daily Beast, l'esperta di disinformazione e ricercatrice di Harvard Joan Donavan ha spiegato che "purtroppo questi strumenti per creare immagini realistiche sono molto utili per ingannare il pubblico. Stiamo assistendo a una nuova forma di disinformazione preventiva, dove le voci vengono trasformate in realtà attraverso la creazione di media che coprono eventi che non sono mai accaduti".

99 CONDIVISIONI
350 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views